Microsoft: mettiamo i cracker alla porta

Il big di Redmond si getta nel lucroso business della sicurezza, con un firewall di livello enterprise che promette di lasciare fuori dalla porta hacker troppo curiosi e cracker cattivi. Si attende il prodotto ai banchi di prova

Redmond (USA) - Microsoft entra nel delicato settore della sicurezza di alto livello con un firewall per il mercato enterprise: Internet Security and Acceleration (ISA) server.

Su ISA, Microsoft ha lavorato per circa tre anni ed ora ha intenzione di rimpiazzare con questo nuovo prodotto il suo attuale server proxy entry level.

Secondo alcuni analisti il software Ŕ in grado di offrire un sufficiente grado di sicurezza per gli ambienti business, proteggendo le reti aziendali da accessi non autorizzati e offrendo agli amministratori un sofisticato sistema di auditing per il monitoraggio del traffico interno ed esterno; tutto questo unito alle tradizionali funzionalitÓ di proxy e web caching.
Altri analisti ironizzano per˛ sul fatto che proprio recentemente Microsoft, in seguito agli attacchi subiti sui suoi DNS server, aveva pubblicamente dichiarato: "Non abbiamo applicato sufficienti tecniche di auto-difesa". E allora qualcuno si chiede se un'azienda che non ha saputo proteggere sÚ stessa dai cracker, sia effettivamente in grado di prendersi cura della sicurezza altrui.

Il prodotto sarÓ disponibile in versione standard, al costo di 1.500 dollari per CPU, ed in versione enterprise, al prezzo di 6.000 dollari per CPU. Una versione dimostrativa pu˛ essere scaricata presso il sito web di Microsoft.
TAG: microsoft
15 Commenti alla Notizia Microsoft: mettiamo i cracker alla porta
Ordina
  • Mi associo con grande fervore e umana solidarietà al coro di risate (per fortuna ho letto l'articolo subito dopo aver fatto pipì, altrimenti...).

    Ma nessuno ha ancora aperto bocca sul dato più sconcertante: $1500 per la versione "standard"????? $6000 per quella "enterprise"???????????????????

    Con la cifra che questi signori mi chiedono per un software (la cui funzionalità resta da verificare, visti i precedenti...), mi posso comprare un computer (e nemmeno una schifezza di sub-assemblato cantinaro), restituire (e farmi rifondere) il Windows "in bundle" che mi hanno voluto appioppare a tutti i costi, metterci OpenBSD, e tutto quello che ci vuole per farlo diventare il Signore Dei Firewall. E se non ho voglia di farlo io, forse ci resta pure qualcosa per pagare qualcuno che lo faccia per me.
    O forse (di sicuro, visto che ne venderanno a vagonate e pretenderanno pure fior di quattrini per tappare i buchi che salteranno fuori) sono io che sono tonto?...
    non+autenticato
  • ahahahahahah
    ahahahah


    ahahahahah
    aahaha

    Comprate anche voi la backdoor made in M$, presto SPUTTANATA sulle maggiori testate giornalistiche

    ahahha


    aha

    Immagino la cazzata che billy ha creato per fare web caching..
    ahahaha

    ahahaha
    a
    ahahahahah

    Certo che sono proprio dei filantropi ... operano per il bene di tutto: ci fanno ridere...
    non+autenticato
  • meglio.. così ci facilitano l'entrata nei sistemi NT.. si troverà qualche bug che ci darà direttamente accesso Administrator senza autentificazione di nullaCon la lingua fuoriPP
    non+autenticato

  • stiamo parlando dei maggiori esperti di sicurezza del pianeta...

    :---------------------------)

    non+autenticato
  • Quando sarai riuscito ad attaccare un sistema Microsoft ben configurato potrai parlare !!!
    ╚ facile parlare e basta...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gigio
    > Quando sarai riuscito ad attaccare un
    > sistema Microsoft ben configurato potrai
    > parlare !!!
    > ╚ facile parlare e basta...
    *************************************************
    Caro Gigio guarda "ultimora", bucate Iomega ed Hp. Entrambe con server su piattaforma WinNT + IIS.
    Sono i fatti che parlano. Tutti i giorni su P.I. c'é una notizia di server craccati su cui gira Win.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Gigio
    > Quando sarai riuscito ad attaccare un
    > sistema Microsoft ben configurato potrai
    > parlare !!!
    > ╚ facile parlare e basta...

    quando riuscirai a far dimenticare alla gente che _sa_ fare il proprio lavoro tutti i DoS, gli exploit, i crack, i virus, le backdoor di un sistema inoperativo prodotto dalla famigerata azienda di redmond da 5 anni in qua, allora _tu_ potrai parlare.

    cordialmente
    non+autenticato
  • > Quando sarai riuscito ad attaccare un
    > sistema Microsoft ben configurato potrai
    > parlare !!!
    > ╚ facile parlare e basta...

    Ma è anche molto facile vedere che i buchi di sicurezza sui sistemi NT sono stati molti, molti dei quali potenzialmente pericolosi, con la situazione peggiorata da MS che consigliava di applicare gli HotFix di sicurezza 'solo se veniva riscontrato il problema'. Inutile dire che se il sistemista arrivava a riscontrare il problema, significa che qualcuno era già entrato e aveva fatto danni.

    In ogni caso, la marea di siti NTbased bucati in questi giorni può significare due cose: o che mantenere un server NT sicuro è oggettivamente difficile e impegnativo, oppure che tutti questi siti importanti avevano trovato i loro addetti alla sicurezza in un sacchetto di patatine fritte.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Gigio
    > Quando sarai riuscito ad attaccare un
    > sistema Microsoft ben configurato potrai
    > parlare !!!
    > ╚ facile parlare e basta...

    I domain name server della M$ non erano ben
    configurati, dunque...<G>
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)