Pedoporno e P2P, un arresto in Italia

Due giorni fa

Roma - Risiede a Busto Arsizio l'uomo di 26 anni che è stato tratto in arresto dalla Polizia Postale nel weekend con l'accusa di aver diffuso via Internet contenuti illegali, in particolare materiali di pornografia infantile.

Da quanto si è appreso, le indagini sono partite dopo la segnalazione di un altro utente che nei sistemi di file sharing stava cercando dei cartoni animati: avrebbe scaricato un file dal computer dell'arrestato trovandovi, appunto, contenuti del tutto diversi da quelli che si aspettava.

Una prima analisi sul computer sequestrato nell'abitazione dell'uomo ha consentito di individuare foto e video provenienti probabilmente dall'Est europeo e tutti ritraenti abusi sessuali compiuti su minori sotto i 12 anni.
12 Commenti alla Notizia Pedoporno e P2P, un arresto in Italia
Ordina
  • le informazioni sono minime ma posso supporre che sia stato individuato su uno dei network piu' comuni, probabilmente su emule o qualche equivalente e sarei curioso di saperlo.
    Fra l'altro continuo a non capire, e' pieno di idioti che continuano a condividere pedoporno, anche parziale perche' in download, su delle reti che sono tutt'altro che anonime quando di fonti sicure ce ne sono a bizzeffe e materiale a volonta' ma qui non diro' dove per non favorire eventuali interessati, telefonatevi e vi spiego tutto A bocca aperta
    possibile che questi non abbiano mai sentito parlare degli arresti perodici che ci sono? e si che e' gestito tutto opportunamente perche faccia notizia e la gente sappia che si rischia; a questo punto preumo che la maggior parte di loro idcano "tanto vuoi che prendono proprio me?", dati i numeri reali in parte hanno ragione poi bisogna vedere i risultati di un eventuale processo.
    Segnalo semmai questo link curioso da verificare ovviamente se vero di qualche giorno fa http://orz.4chan.org/n/res/162494.html
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Segnalo semmai questo link curioso da verificare
    > ovviamente se vero di qualche giorno fa
    > http://orz.4chan.org/n/res/162494.html

    Molto interessante, grazie. Chissà se è vero però.

    Sarebbe proprio ora che incominciassero ad affrontare la questione in modo razionale.

  • - Scritto da: Wakko Warner
    >
    > - Scritto da:
    > > Segnalo semmai questo link curioso da verificare
    > > ovviamente se vero di qualche giorno fa
    > > http://orz.4chan.org/n/res/162494.html
    >
    > Molto interessante, grazie. Chissà se è vero però.
    >
    > Sarebbe proprio ora che incominciassero ad
    > affrontare la questione in modo
    > razionale.

    Guarda, è un sito shottoso e parte con la frase
    There is nothing illegal in viewing child porn on the Internet.
    Andiamo male!!!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: Wakko Warner
    > >
    > > - Scritto da:
    > > > Segnalo semmai questo link curioso da
    > verificare
    > > > ovviamente se vero di qualche giorno fa
    > > > http://orz.4chan.org/n/res/162494.html
    > >
    > > Molto interessante, grazie. Chissà se è vero
    > però.
    > >
    > > Sarebbe proprio ora che incominciassero ad
    > > affrontare la questione in modo
    > > razionale.
    >
    > Guarda, è un sito shottoso e parte con la frase
    > There is nothing illegal in viewing child porn
    > on the
    > Internet.

    > Andiamo male!!!

    Sito shottoso?
    Forse parli di not4chan, è da un pezzo che i due (4chan e not4chan) si sono divisi.

    In ogni caso, l'articolo esiste davvero http://nyhederne.tv2.dk/article.php/id-6730826.htm... ora mi manca solo qualcuno che lo sappia tradurre.
  • si concordo, aspetterei una traduzione, però quando cercavo il 4chan su google, mi appariva su tale motore che alcuni risutati erano stati rimossi da quelli dell'articolo messo in immagine, se non confondo il nome.
    Sgabbio
    26178

  • 4chan e' nella classifica dei 50 siti piu' visitati al mondo, nato inizialmente come imageboard dedicata agli anime e' diventato il principale riferimento della feccia degli utenti di internet (in realta'si tratta di utenti normali ma chiunque su quel posto e' in grado di dare il peggio di se).
    Per i dettagli rimando a wikipedia qui http://en.wikipedia.org/wiki/4chan

    Cosa non c'e' scritto sull'articolo; esisteva una board dedicata al lolicon che non piaceva al provider che ospita 4chan con il risultato che tale board venne soppressa a da li nacque not4chan completamente indipendente e ora scomparso ma sostituito da not4cha.us , 7chan, 12chan e 4chan.eu e saltuari altri che appaiono e scompaiono periodicamente, per avere un quadro basta riferirsi ad un indice generale raggiungibile tramite http://shii.org/2ch/ .
    Un appunto va fatto a 12chan visto che siamo in tema con l'articolo, sopravvive solo perche' locato in Francia anche se oserei dire che e' a rischio permanente di sequestro per via della board che si chiama /girls/ il cui argomento delle immagini sono tutte minorenni in avri abiti succinti purche' non nude.
    4chan e' permanentemente in bolletta dato che vive con pochissimi sponsor e molte offerte a agli inizi ho contribuito anch'io finanziariamente alla sua sopravvivenza, ora e' diventato talmente una bolgia che visto il poco tempo che mi ritrovo lo frequento saltuariamente.
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > le informazioni sono minime ma posso supporre che
    > sia stato individuato su uno dei network piu'
    > comuni, probabilmente su emule o qualche
    > equivalente e sarei curioso di
    > saperlo.
    > Fra l'altro continuo a non capire, e' pieno di
    > idioti che continuano a condividere pedoporno,
    > anche parziale perche' in download, su delle reti
    > che sono tutt'altro che anonime quando di fonti
    > sicure ce ne sono a bizzeffe e materiale a
    > volonta' ma qui non diro' dove per non favorire
    > eventuali interessati, telefonatevi e vi spiego
    > tutto
    >A bocca aperta
    > possibile che questi non abbiano mai sentito
    > parlare degli arresti perodici che ci sono? e si
    > che e' gestito tutto opportunamente perche faccia
    > notizia e la gente sappia che si rischia; a
    > questo punto preumo che la maggior parte di loro
    > idcano "tanto vuoi che prendono proprio me?",
    > dati i numeri reali in parte hanno ragione poi
    > bisogna vedere i risultati di un eventuale
    > processo.
    > Segnalo semmai questo link curioso da verificare
    > ovviamente se vero di qualche giorno fa
    > http://orz.4chan.org/n/res/162494.html

    Premesso che sono contro qualsiasi materiale pedoporno, non mi spiego una cosa: se l'uomo è stato denunciato per reati pedoporno da un'altra persona, IL DENUNCIANTE che fine ha fatto, visto che cercava materiale protetto da copryright? Certo, si potrebbe obbiettare la differenza (sostanziale) del materiale condiviso, forse per quel tipo di file c'è una qualche azione d'ufficio, ma stando così si potrebbe ipotizzare una differente gravità nella tipologia di file condivisi, ed in ogni caso, visto che siamo di fronte ad un illecito (uno è materiale altamente proibito, l'altra è un'azione proibita), spetterebbe in ogni caso la denuncia contro il denunciante, è come dire(passatemi l'esempio): ho rubato in una casa ed ho assistito ad un omicidio, l'omicida è stato arrestato, io, visto che l'ho denunciato, sono libero. E il mio di reato? Quì ci sarebbe da pensare, oltre che materiale per avvocati....
    non+autenticato
  • magari il "cercavo cartoni animati" credo che fosse inteso come i famosi Fan sub.
    Sgabbio
    26178
  • a dirla tutta, teoricamente e (praticamente) anche i fansub sarebbero illegali secondo la legge.
    Però dato che spesso i gruppi di fansub hanno una loro forte ed onesta etica, quando l'anime in questione viene per esempio licenziato (e quindi ne vengono aquistati i diritti) nel paese della lingua di un gruppo di fansub, cessano la loro attività. Ovvero, in parole povere, la maggior parte dei gruppi di fansub smette di fansubbare una serie non appena tale anime viene aquistato nel loro paese; ed ovviamente anche la distribuzione via p2p viene cessata.
    Probabilmente grazie a questa etica si è instaurato un rapporto neutrale verso il fansub, che spesso invece viene utilizzato dalle aziende importatrici di anime per valutare il successo o meno di una serie e quindi decidere poi se aquistarla. C'è un "tacito consenso" insomma verso il fansub.
    Il che è molto positivo.
    Ciò non toglie, che si ti informi sia su wikipedia che su altri siti che parlano di copyright, troverai che tecnicamente anche il fansub è un illecito, ed è quindi illegale.
    Ad ogni modo sembra proprio che grazie alla sua etica e al "tacito consenso" sopra-citato risulti in pratica "legalizzato" anche se tacitamente.

    Io comunque considero il fansub perfettamente legale! Sorride
    non+autenticato

  • E' stato argomento di altre discussioni; difatto i fansub hanno avuto l'effetto di incrementare notevolmente l'export degli anime al di fuori dal Giappone e il ritorno economico per i produttori e' stato notevole; mi domando se anche per questo motivo i produttori di anime no nsembrano intenzionati a fare nulla contro la distribuzione dei fansub, forse ci troviamo in una situazione di tolleranza piu' o meno forzata.
    Impossibile da dire se i fansub portino danni ai produttori ma un'eventuale azione contro i fansubbers sarebbe un disastro nel campo delle PR come sta succedendo per Riaa e Mpaa.
    non+autenticato
  • il materiale riguardante la pedofilia non è da mettere nelle fonti sicure ma da eliminare immediatamente. che schifo di mondo...............................
    non+autenticato