IBM, applicazioni Linux x86 anche su Power

Big Blue ha creato un motore di virtualizzazione che, senza setup né interazioni da parte dell'utente, è in grado di far girare automaticamente le applicazioni Linux x86 sui server System p basati su architettura Power

Armonk (USA) - Ad oggi IBM ha già portato sulla propria architettura Power oltre 2.800 applicazioni, ma sono ancora molte quelle che non posso essere fatte girare in modo nativo su questa piattaforma. Per rimediare al problema IBM ha sviluppato una soluzione di virtualizzazione battezzata System p Application Virtual Environment (System p AVE).

AVE è in grado di far girare sui server della linea System p tutte le applicazioni Linux scritte per la piattaforma x86. A differenza dei classici software di virtualizzazione, come VMware o Xen, AVE agisce in modo trasparente all'utente, attivandosi automaticamente non appena viene lanciata un'applicazione x86. Per l'utente utilizzare programmi scritti per processori Power o IA-32 diventa così del tutto indifferente, escludendo almeno il fattore performance: Big Blue ammette che le applicazioni virtualizzate girano ad una velocità fino al 10% inferiore a quella nativa.

IBM continua a puntare moltissimo sull'accoppiata Linux/Power, una piattaforma a 64 bit che negli ultimi anni ha ridestato l'interesse di molti sviluppatori open source grazie soprattutto all'iniziativa Power.org.
Il big di Armonk afferma che il numero di applicazioni native testate e disponibili per la piattaforma LoP è cresciuto di oltre il 200 percento negli ultimi due anni. Tali applicazioni possono girare sui server System p, System i e BladeCenter JS21, tutti progettati nativamente per far girare Linux.

Nel 2005 IBM ha profondamente ristrutturato la propria divisione Linux con l'obiettivo di dare maggiore centralità a questo sistema operativo. Il gigante americano è infatti convinto che nel futuro Linux giocherà un ruolo sempre più importante anche nel settore delle applicazioni mission critical, come quelle finanziarie e mediche.
49 Commenti alla Notizia IBM, applicazioni Linux x86 anche su Power
Ordina
  • Buongiorno,
    Pagine Gialle ha appena rilasciato una versione dimostrativa del proprio navigatore 3D standalone , il link è raggiungibile da : http://3d-visual.paginegialle.it per vedere di cosa si tratta e entrare a far parte del programma di beta testing scarica il file e registrati sul forum
    Altre info sono disponibili su : http://www.techcaffe.com

    un saluto e buon 3d a tutti.
    non+autenticato
  • Ma avete già provato ad installare i programmi IBM su Linux? Programmi compatibili unicamente con alcune distribuzioni e che, anche con le distribuzioni richieste, non si installano.
    Molte volte hanno degli installer addattati su delle configurazioni strane e molte volte gli script di installazione sono errati o con path fissi.
    Va beh...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ma avete già provato ad installare i programmi
    > IBM su Linux? Programmi compatibili unicamente
    > con alcune distribuzioni e che, anche con le
    > distribuzioni richieste, non si
    > installano.
    > Molte volte hanno degli installer addattati su
    > delle configurazioni strane e molte volte gli
    > script di installazione sono errati o con path
    > fissi.
    > Va beh...

    Ma infatti a volte mi chiedo se certe persone parlano con esperienza acquisita o per sentito dire.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Ma avete già provato ad installare i programmi
    > > IBM su Linux? Programmi compatibili unicamente
    > > con alcune distribuzioni e che, anche con le
    > > distribuzioni richieste, non si
    > > installano.
    > > Molte volte hanno degli installer addattati su
    > > delle configurazioni strane e molte volte gli
    > > script di installazione sono errati o con path
    > > fissi.
    > > Va beh...
    >
    > Ma infatti a volte mi chiedo se certe persone
    > parlano con esperienza acquisita o per sentito
    > dire.

    In effetti curioso.

    C'è da dire che se non si sa' dove metter le mani c'è in generale ben poco da fare.
    Per installare Domino su di una Debian, oltrte a perder il supporto IBM, c'è anche da mettersi le mani nei capelli.
    Ma in effetti chi ce lo fà fare di installare un software su di una piattaforma non supportata?
    Intendo oltre al porting?
    ecc
    121
  • Sarà una bella Spinta ....
    se è vero che è solo la prima di diverse generazioni basate su Cell

    non+autenticato
  • PS3 è la "terza generazione" di apparecchi "con il Cell". Prima ce ne sono due professionali, due generazioni di server IBM.
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > Sarà una bella Spinta ....
    > se è vero che è solo la prima di diverse
    > generazioni basate su
    > Cell
    >
    anche se per adesso il cell di ps3 è inutilizabile, visto che viene riconosciuto come dual core
    non+autenticato
  • E ndove credete di andare con 256 Mega da spartire tra programmi, sistema operativo e dati?
    non+autenticato
  • Qualche annetto fa' sembrava che l'architettura PowerPC dovesse nuovamente diffondersi grazie anche a Linux.L'interesse era piuttosto alto e tu ovviamente lo foraggiavi di continuo,attraverso iniziative quali power.org.Bene,dall'annuncio di Apple dello switch di architettura non abbiamo assistito a nessuna reazione nel tentativo di supportare direttamente o indirettamente questo meraviglioso RISC su Unix non proprietari come linux e BSD,adatti ad un mercato di fascia bassa ma comunque professionale.Le uniche realizzazioni di assemblati PowerPC come i Pegasos vanno scomparendo rimanedo con i vetusti PowerPC G4 in mano a FreeScale per lo sviluppo Embedded.
    I PowerPC 970 (G5) continuano ad essere introvabili nell'assemblato classico e le uniche offerte di workstation/server marchiate IBM sono offerte solo con AIX e a migliaia di dollari ovviamente.
    Certo Linux su Power gira ma non basta ad affermare che questa disponibilita' faccia mercato.Le condizioni di disponibilita' di applicazioni e driver dovrebbe essere almeno paragonabile alle realizzazioni x86.Ma nonostante la possibilita' di installare solo hw selezionato la situazione non e' mutata, anzi,port come quello della famosa Ubuntu,sono in via di esaurimento o annunciati come tali.
    Quindi in questi anni tante parole,promesse,ma in concreto molto poco.L'unico sistema che gira in maniera soddisfacente continua ad essere AIX ovvero un sistema proprietario e solo quello.Neppure Solaris ci gira ancora.Come la mettiamo?
    No,questa volta non e' colpa di Microsoft come ai tempi del compianto OS/2,non ci sono scuse da addossare a terzi.Questa volta la responsabilita' e' tutta tua.Saluti.
    non+autenticato
  • ti sei risposto da solo.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ti sei risposto da solo.

    Spero non consideri qualcosa di emulato alla stregua del nativo.Linux su x86 ci gira bene ed e' ricco di programmi.Su piattaforma RISC nulla di tutto cio' anzi.Da anni ci sono proclami di IBM,e' ora di vederne i frutti reali,non virtuali.
    non+autenticato
  • Scrivete alla IBM. Non credo che PI sia una delle letture preferite dei manager IBM.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Scrivete alla IBM. Non credo che PI sia una
    > delle letture preferite dei manager
    > IBM.

    se lo leggono in m$ non vedo perche' non lo dovrebbero leggere in ibm
    non+autenticato
  • Molto meglio dire a Caio quel che a Caio vuoi dire, non mettere un cartello su Tizio sperando che Caio lo veda.
    non+autenticato
  • Come quando volevano vendere linux da far girare su una partizione dell'as400. Da vomito...
    non+autenticato
  • gia' perche' le Xseries per WIn32 invece erano una bomba . . .
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)