Censura, gli azionisti bacchettano Google

Alcuni importanti fondi titolari di quote del gigante della ricerca si improvvisano difensori delle libertà digitali e avvertono BigG: il comportamento del motore di ricerca deve cambiare

New York - Google potrebbe essere ridotto a più miti consigli sul fronte della censura online da parte di un gruppo di importanti azionisti. Improvvisandosi avvocato dei diritti digitali dei netizen di ogni parte del mondo, il Comptroller di New York City, William C. Thompson, incalzerà BigG il prossimo 10 maggio affinché abbandoni ogni condiscendenza verso politiche di censura della rete. Thompson parlerà a nome degli azionisti partecipanti a cinque fondi pensione integrativi della City, rappresentando in totale 486.617 quote azionarie.

Il brand più potente del mondo, da tempo accusato di aver tradito il proprio motto don't be evil, si vedrà consegnare una proposta formale da una schiera nutrita di propri investitori affinché dismetta il gioco delle tre carte e inizi a fare sul serio sul fronte delle libertà di stampa, di espressione e di diffusione senza vincoli della conoscenza digitale interconnessa.

Il testo della proposta, pubblicato integralmente da Wired, si prende la briga di citare alcune importanti premesse: la libertà di parola e di stampa come diritti umani fondamentali e l'utilizzo libero di Internet sono protetti dall'articolo 19 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, che garantisce la libertà di "ricevere e comunicare informazioni e idee attraverso qualunque mezzo di comunicazione indipendentemente dalle frontiere".
Diritti che sono carta straccia in paesi quali Cina, Cuba, Egitto, Iran, Corea del Nord, Arabia Saudita, Siria, Tunisia, Vietnam, che adoperano generalmente ogni mezzo possibile per inibirli, oltre a prodigarsi in un controllo esteso sulle informazioni ricercate dai propri cittadini. In tali paesi, società tecnologiche come Google hanno sostanzialmente fallito, dice ancora la proposta, nello sviluppare standard adeguati grazie ai quali condurre affari con i governi locali proteggendo nel contempo i diritti umani della libertà di parola e di espressione.

In virtù di tali considerazioni iniziali, gli azionisti dei fondi pensione degli impiegati della City di New York, gli insegnanti, i poliziotti del NYPD, i pompieri del NYFD chiederanno a BigG di impegnarsi per raggiungere standard minimi di protezione dei diritti digitali. Tali standard prevedono che i dati identificativi degli utenti non vengano conservati nei paesi che censurano Internet, la società non partecipi in attività di censura proattiva, resista con ogni possibile mezzo legale alla suddetta censura e adotti una politica di trasparenza nei confronti degli utenti e dei loro dati.

Alfonso Maruccia
10 Commenti alla Notizia Censura, gli azionisti bacchettano Google
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)