Il crack HD DVD diventa il tormentone anti-major

La protesta nata in seno a Digg si diffonde. Nascono stringhe colorate generate dal codice esadecimale della processing key sotto accusa, t-shirt e dibattiti sulla legalità dell'azione di censura decisa dall'industria

Roma - Per misurare la portata di un evento si prendono di solito in considerazione le conseguenze e gli strascichi nei giorni successivi agli accadimenti: che la rivolta dei digger seguita alla soppressione della diffusione della chiave per la decodifica dei videodischi di nuova generazione abbia una portata dirompente lo dimostra il pot pourri di reazioni, commenti e considerazioni che si moltiplicano sul web.

Non bastasse la messa sotto assedio della homepage di Digg di due giorni fa, il bailamme scatenato dalla diffida del consorzio AACS - che promuove gli interessi dell'industria anche mediante iniziative legali a favore delle protezioni anticopia - continua a generare elettricità tra blogger e netizen. t3knomanser ha convertito il numero esadecimale in codici colore, trasformandolo in una immagine GIF e mettendo ironicamente in guardia dal loro utilizzo perché in questo caso si infrange la legge.

La tshirt in venditaSulla stessa scia l'iniziativa dello sviluppatore web Myles Eftos, che ha notato come la processing key somigli ad una palette grafica, che gli ha infine fatto venire l'idea di una T-shirt a tema di cui è già possibile fare il pre-ordine a questo indirizzo. C'è poi chi parla di similitudini tra questo e il caso oramai storico del DeCSS co-sviluppato dal celebre hacker norvegese DVD Jon.
Un simile putiferio non poteva ovviamente rimanere vincolato alla platea discreta e frammentaria dei netizen che bloggano: la copertura da parte delle testate di informazione ufficiali e dal vasto pubblico si va rinforzando di ora in ora anche in Italia. Mentre ars technica descrive come futili i tentativi dell'industria di richiudere il vaso di Pandora.

Le major, osservano in tanti, nello zittire chi ha diffuso le informazioni riservate, non hanno fatto altro che ottenere l'effetto contrario, facendo per di più aumentare la consapevolezza circa le nuove tecnologie DRM e la disponibilità dei crack relativi (qui una bella galleria di Wired con le immagini che girano in rete).

Le immagini della protestaTratta l'argomento anche EFF, la nota organizzazione pro-diritti digitali che alla cifra esadecimale più famosa del momento dedica un interessante approfondimento legale. Secondo gli esperti dell'organizzazione, AACS LA ha il DMCA totalmente dalla sua parte, potendo nei fatti pretendere che le cifre contese spariscano da siti, link e quant'altro presente sul web. Almeno negli States.

Viene vieppiù confutato anche l'argomento che tanto ha tenuto banco tra i digger e nella blogosfera, vale a dire la presunta assurdità del copyright di semplici cifre alfanumeriche: la cosa non ha importanza, dice la EFF, perché la chiave è di per sé una tecnologia - o una sua parte - di aggiramento della protezione, ricadendo quindi in pieno sotto gli effetti del sempre più discusso DMCA americano. Che poi davvero possa sparire, naturalmente, ai più appare come una pia illusione.

Alfonso Maruccia
86 Commenti alla Notizia Il crack HD DVD diventa il tormentone anti-major
Ordina
  • Perdonate, so che non c'entra con la notizia, ma mi sento in dovere (personalmente, e forse a nome di quanti hanno usato i loro programmi free) di dare una mano a quelli di "Casperizie & co", che si trovano impelegati in un problema che, anche se non c'entra con la notizia, è comunque di interesse "Informatico".
    Questo è quanto appare sul sito di Casperizie (e lo incollo solo perchè molto probabilmente presto sparirà!!!):

    Casperize.com
    Il dominio in ostaggio dei criminali di Wide.it
    Wide.it, provider criminale
    May 4th, 2007

    Da 11 giorni in ostaggio di un provider criminale
    Caro visitatore, prima di passare oltre, potrebbero interessarti un paio di cosette stuzzicanti che stanno accadendo su questo dominio.

    Devi sapere che il 25 Aprile scorso, del tutto casualmente il giorno della Liberazione, ho chiesto all’attuale provider Wide.it di rimuovere il Registrar Lock in vista di un trasloco di Casperize.com sui server di Aruba. Mi dirai, niente di più facile.

    Sbagliato.

    Wide ha rimosso il Registrar Lock, ma c’è un ma: questo di per sè non è sufficiente. Il contatto email registrato nel Whois Record deve poi rispondere ad una email standard del nuovo maintainer, confermando in questo modo il trasferimento. Se questo contatto email è un indirizzo del provider attuale, come si da il caso che sia, il successo dell’intera procedura dipende dall’onestà e trasparenza di gente che sa di essere sul punto di perdere un cliente. Se per puro caso le istruzioni contenute nel messagio del nuovo provider vengono ignorate, dopo alcuni giorni di attesa il trasferimento fallisce.

    E naturalmente è fallito.

    Il 29 Aprile ho richiesto la rimozione del Registrar Lock anche per le estensioni .net e .org di questo dominio, disponendo nel contempo il trasferimento anche dell’estensione .it: insomma, una transumanza totale. Indovina il risultato: richiesta ignorata, silenzio di tomba. Registrar Lock rimosso, questo sì, ma come abbiamo visto non basta.

    A questo punto, le opzioni possibili sono sostanzialmente quattro: 1) fare buon viso a cattivo gioco e rinunciare al trasferimento; 2) continuare a scrivere a Wide per chiedere che rispettino le procedure internazionali senza fare i furbi; 3) dare retta a ICANN e chiedere l’assistenza del nuovo provider affinchè risolva l’impasse; 4) incazzarsi come una iena, far visita alla Guardia di Finanza e sporgere denuncia.

    Considerato che Casperize.com sarebbe un blog, ho deciso di fare di necessità virtù e di provare a seguire passo-passo tutte le procedure previste, alla lettera, documentandole per i posteri. L’opzione scelta è quindi la terza: obbedire a ICANN, morsicarsi la lingua e invocare l’intervento del nuovo provider. Già, perchè la prassi di “assistenza” di Wide non prevede nè comunicazioni email nè numeri di telefono da contattare per risolvere i problemi: si compila un modulo online e si aspetta. Se risulta una richiesta senza risposta, semplicemente non è permesso inoltrare ulteriori solleciti. Come dicevo, si aspetta. Che cosa, non è dato sapere: probabilmente, nient’altro che i loro comodi.

    E dunque sediamo sulla riva del fiume e aspettiamo, finchè la procedura non sarà completa, allorchè passeremo puntualmente dall’ICANN alle materne mani della Procura della Repubblica.

    Sempre che questa pagina non sparisca improvvisamente per qualche malaugurato incidente tecnico, caro visitatore, ti terrò puntualmente informato del calvario. Quando Casperize.com tornerà finalmente online sui server di Aruba (e tornerà online, puoi giocarci le tue mutande migliori), queste righe diventeranno un post che sarà un piacere e un onore tenere in massima evidenza per fare un po di pubblicità gratuita a Wide, che se la merita senza riserve. Nel frattempo, se per tua disgrazia sei cliente di questa gente, fossi in te comincerei a preoccuparmi. Se stavi considerando la possibilità di sottoscrivere uno qualsiasi dei loro “servizi“, fossi in te ci ripenserei.

    E se magari sei anche un blogger, hai un vuoto di creatività e ti manca lo spunto per il post del giorno, che ne diresti di due righe di incoraggiamento in pubblico per gli amici di Wide e il loro eccellente servizio? Quel genere di pubblicità che toglie la pelle di dosso, per intenderci. Quella che si riserva solo ai migliori. Sono certo che la apprezzeranno.

    Benvenuto in Italia, la più evoluta colonia dell’Africa Nera. Terra di santi, navigatori, eroi, dottori, commendatori, mafiosi, buffoni, cacciaballe e professionisti della domenica. Là dove tutti fanno ciò che cazzo vogliono, che tanto la si passa liscia alla grande. Torna a trovarmi, che c’è da divertirsi.

    Aggiornamenti:

    5 Maggio - Wide (in copia nel messaggio a OnlineNIC) mi risponde: “La sua email è scorretta e menzognera“, perchè loro hanno sbloccato il dominio e mi hanno trasmesso il codice di autorizzazione, ed io non ho mai chiesto di aggiornare il Whois Record. Vero: lo sto facendo adesso, dopo 11 giorni che ci giriamo i pollici e due tentativi di trasferimento falliti. Non una parola sul perchè non abbiano ancora fatto il terzo e indispensabile passo: seguire il link nella email di OpenSRS-Tucows, che io non posso vedere, inserire il maledetto codice e chiudere l’argomento. Mi si invita anche ad “essere più rispettoso se non altro dei principi della netiquette“. Prima di pubblicare il testo completo sia di questa comunicazione che della mia risposta, attendo di constatare il fallimento anche dell’ultimo tentativo di trasferimento.

    Nel frattempo, sempre rispettoso dei principi della netiquette, ho inoltrato richiesta di assistenza al GAT - Nucleo Speciale Frodi Telematiche della Guardia di Finanza, allegando la documentazione disponibile. Date un’occhiata al loro sito, prima o poi potrebbe tornarvi utile.

    5 Maggio - inoltrata richiesta di assistenza a OnlineNIC, il registrar accreditato del quale Wide.it è rivenditore.


    4 Maggio - Aruba inoltra nuovamente richiesta di trasferimento. Alla mia (ingenua) domanda circa cosa accadrà se Wide continuerà ad ignorare le richieste, Cristiana Minghi del servizio clienti Aruba risponde: “Gentile cliente, la informiamo che se non viene risposto alla mail di Open srs il trasferimento non può avvenire.” E con questo mettiamo una bella pietra tombale anche al capitolo della policy ICANN per la risoluzione dei problemi.

    3 Maggio - Richiesto intervento del nuovo provider come previsto dalla policy ICANN.

    non+autenticato
  • 09 F9 11 02 9D 74 E3 5B D8 41 56 C5 63 56 88 C0
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > 09 F9 11 02 9D 74 E3 5B D8 41 56 C5 63 56 88 C0

    quotoRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • CONCORSO UFFICIALE

    Chi riesce a far apparire questo numero in wikipedia ha vinto!
    (ovviamente senza spezzettarlo su più righe!
    A bocca apertaA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > CONCORSO UFFICIALE
    >
    > Chi riesce a far apparire questo numero in
    > wikipedia ha
    > vinto!
    > (ovviamente senza spezzettarlo su più righe!
    > A bocca apertaA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta

    Aprilo tu .....
  • Forse è meglio dire "stringa esadecimale" invece di "cifra esadecimale": la cifra hex è un simbolo fra 16 (0,1,2,...,8,9,A,B,C,D,E,F); stringa è invece una concatenazione ordinata di più cifre hex.
    non+autenticato
  • E' giusto puntualizzare..siamo su Punto Informatico...non su Punto Politico (sulla politica non ne sbagliano una)
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Forse è meglio dire "stringa esadecimale" invece
    > di "cifra esadecimale": la cifra hex è un simbolo
    > fra 16 (0,1,2,...,8,9,A,B,C,D,E,F); stringa è
    > invece una concatenazione ordinata di più cifre
    > hex.
    quoto
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 17 discussioni)