Spam, l'Italia volta pagina

Il Garante e la Polizia Postale si rendono protagonisti della prima vera offensiva contro gli spammer nostrani. Sono sette le aziende nel mirino delle autorità per violazione della privacy. Si spera in un cambio di rotta

Spam, l'Italia volta paginaRoma - Non si sa, non ancora almeno, quali siano le sette società colpite dai più clamorosi provvedimenti finora presi dalle autorità italiane contro una piaga della rete: lo spam. La decisione del Garante per la Privacy di agire con fermezza, ottenendo la piena collaborazione della Polizia Postale, segna una svolta nell'approccio al problema dello spam praticato da aziende soggette all'ordinamento giuridico del nostro Paese.

La Polizia Postale, su mandato dell'Autorità garante della privacy, ha trasmesso alle aziende accusate di spamming a Milano, Roma e Napoli l'ordine di "congelare" il proprio database di indirizzi email e di cancellare tutti i nominativi indicati dal Garante e che al Garante hanno fatto ricorso contro le azioni di spam di quelle società.

Secondo il Garante, le aziende coinvolte nell'operazione "hanno violato le norme sulla privacy utilizzando in maniera indebita, senza il consenso informato degli interessati, i loro indirizzi e-mail e altri dati per inviare comunicazioni di tipo commerciale o promozionale".
Contro lo spam in Italia, di cui Punto Informatico si occupa da anni, siamo di fronte ad una offensiva senza precedenti. Le sette società rischiano infatti pesanti sanzioni pecuniarie, e persino severe pene detentive in caso di inadempienza, per aver trasmesso tonnellate di posta non richiesta ad altrettanti indirizzi email. Indirizzi che le aziende stesse hanno ammesso di aver rastrellato in rete, di aver comprato da fornitori di elenchi o di aver prodotto con software dedicati secondo un meccanismo consolidato.

"L'operazione - ha dichiarato Marco Strano, criminologo che lavora presso la Polizia delle Comunicazioni - vuole lanciare un messaggio ben preciso agli utenti di internet e ai gestori delle società di servizi responsabili di queste attività. Gli uni e gli altri, i navigatori che si trovano ad essere bersagliati dalle pubblicità non richieste e coloro che organizzano queste attività, sanno che è possibile per gli investigatori risalire alle società che sono all'origine del fenomeno".

La speranza, naturalmente, è che le sanzioni esemplari che verranno irrogate nei confronti delle le sette imprese coinvolte nell'operazione siano sufficienti a rendere chiaro a tutti che lo spam è considerato alla stregua di una grave violazione della legge sulla privacy ed è dunque perseguibile anche sul piano penale.

Sebbene l'operazione antispam sia partita da segnalazioni di singoli utenti, sul modello di quella che portò al primo risarcimento per uno spam italiano, il Garante ha affermato di aver preso provvedimenti drastici, come quello del blocco del database delle aziende coinvolte, perché ha ritenuto che siano numerosissimi gli utenti bombardati dallo spam che non hanno però effettuato ricorso all'Autorità. Si prevede che per ogni ricorso accolto le società dovranno pagare, con ogni probabilità, una sanzione di almeno 250 euro.

Gli uomini della Polizia Postale confermano che questa non sarà certo l'ultima operazione di questo tipo, perché "nel mondo delle TLC è sempre più evidente il problema della tutela dei dati personali". Una promessa di impegno che vale anche per chi abusa dei cellulari inviando spam via SMS: anche su quel fronte non si escludono a breve nuovi blitz investigativi. Come noto sullo spam via cellulare sta indagando proprio il Garante.

"Queste misure - ha concluso il Garante - intervengono contemporaneamente alla recentissima direttiva europea su privacy e telecomunicazioni, che ha generalizzato in Europa il principio del consenso (e non del rifiuto a posteriori) per lo spamming, disciplinando anche quello anonimo. Proprio per regolamentare una volta per tutte l'uso a diversi fini degli indirizzi email, il Garante sta mettendo a punto un decalogo, in vista anche del codice deontologico previsto dal decreto legislativo n.467 entrato in vigore lo scorso primo febbraio".

Comprensibile, dunque, l'entusiasmo di queste ore tra i gruppi antispam italiani e non, come traspare da alcuni thread apparsi su it.news.net-abuse e altrove. Meno comprensibile, secondo alcuni, il fatto che non siano stati resi noti i nomi delle sette aziende sottoposte a scrutinio per l'attività spammatoria.
27 Commenti alla Notizia Spam, l'Italia volta pagina
Ordina
  • help a kiunque legga sta mail, poco tempo fa c'era una mail nella mia casella che pubblicizzava un sito porno (come a solito) ora; io hl'ho conservata insieme alle altre 13 + o - ma che ci devo fare....? ho provato a risalire all'e-mail dello spammer ma indovinate?? non esiste!!!!!! come posso fargliela pagare a sti B.-A.-S.-T.-A.-R.-D.-I.-????????????????????
    scrivetemi pure se non volete lasciare un post argaar@wappi.com
    non+autenticato
  • ...nuova nuova:

    -----------------------
    Da : "Postmaster" <postmaster@taxact.com>
    A : ******@hotmail.com
    Oggetto : Virus Detected
    Data : Mon, 2 Sep 2002 11:08:24 -0500

    A message for this address contained a virus
    and was not delivered.

    Virus detected - W32.Nimda.A@mm(html)
    The message was from <morthelp012389343348@yahoo.com>
    Subject: The best possible mortgage ..
    ------------------------

    Mi sa che questi spammer sono pure un po' idioti....
    non+autenticato


  • - Scritto da: TeX
    > ...nuova nuova:
    >
    > -----------------------
    > Da : "Postmaster" <postmaster@taxact.com>
    > A : ******@hotmail.com
    > Oggetto : Virus Detected
    > Data : Mon, 2 Sep 2002 11:08:24 -0500
    >
    > A message for this address contained a virus
    > and was not delivered.
    >
    > Virus detected - W32.Nimda.A@mm(html)
    > The message was from
    > <morthelp012389343348@yahoo.com>
    > Subject: The best possible mortgage ..
    > ------------------------
    >
    > Mi sa che questi spammer sono pure un po'
    > idioti....

    Sei sicuro che trattavasi di spam?
    non+autenticato
  • Da un certo periodo di tempo nella mia posta
    elettronica arrivano messaggi promozionali del tipo:

    Per Cancellarti Scrivi a unsubscribe@lycos.it metti nell'oggetto questa mail #recipient#

    Il sito è in fase di modifica
    ma è sempre favoloso
    http://sexypeach.iscool.nl

    Premetto che non mi sono mai iscritta a nessun sito del genere e tantomeno sono interessata a farlo ma mi piacerebbe molto evitare di ricevere questo tipo di e-mail che oltre a riempire la casella degli indesiderati mi irrita non poco!
    E' mai possibile che non si riesca a rispettare
    proprio nessuno?
    Se qualcuno di voi ha qualche suggerimento.....
    Grazie!

    non+autenticato
  • - Scritto da: Cristina
    > Da un certo periodo di tempo nella mia posta
    > elettronica arrivano messaggi promozionali
    > del tipo:
    >
    > Per Cancellarti Scrivi a
    > unsubscribe@lycos.it metti nell'oggetto
    > questa mail #recipient#
    >
    > Il sito è in fase di modifica
    > ma è sempre favoloso
    > http://sexypeach.iscool.nl
    >
    > Premetto che non mi sono mai iscritta a
    > nessun sito del genere e tantomeno sono
    > interessata a farlo ma mi piacerebbe molto
    > evitare di ricevere questo tipo di e-mail
    > che oltre a riempire la casella degli
    > indesiderati mi irrita non poco!
    > E' mai possibile che non si riesca a
    > rispettare
    > proprio nessuno?
    > Se qualcuno di voi ha qualche
    > suggerimento.....
    > Grazie!
    >

    Innanzi tutto non inviare nessun email per chiedere la cancellazione, tanto, ammesso che lo ricevano, se ne fregherebbero.. inoltre avrebbero la certezza che la casella è attiva.

    Visto che poi lo spam sembra essere italiano le cose sono un po' più facili.

    Dovresti impostare il client email per far visualizzare l'header completo, da questo puoi individuare da che mail server è transitato lo spam. A questo punto sai dove è l'account, anche se non conosci il nome effettivo (quasi di sicuro non è unsubscribe@lycos.it e neppure quello che vedi nel campo From.. e forse non è neppure su lycos..) a questo punto scrivi al servizio abuse del gestore del server (in genere abuse@<nomegestore>) inviando come forward (con l'header completo) lo spam. A quel punto se è un gestore serio l'account email dello spammatore viene fatto fuori...ovviamente se ne creerà un altro nel giro di un'ora... ma almeno gli hai rotto un po' le scatole...

    Se lo spammatore è italiano un'altra strada è di fare ricorso al Garante della Privacy...

    Comunque ti do un paio di link dove il tutto è spiegato molto meglio..

    http://www.collinelli.net/antispam/
    http://www.maxkava.com/spam/spam_intro.htm


    non+autenticato
  • Gli spammer hanno capito che è meglio registrare un account, usarlo una volta e poi ricrearne un altro. Così hai voglia ad andare a inserire il mittente nella posta indesiderata...
    Ma ve ne racconto una bella... Gestisco un dominio, hackeralliance.net che ho acchiappato circa 4 mesi fa. Bene, dopo 2 mesi dalla registrazione, ricevo puntualmente la mail di una società che ogni volta che il server su cui sta il mio sito va Down (per vari motivi) loro mi avvisano e poi si fanno pubblicità... che questo "sui loro server non succede!".. Allora, visto che al mondo di cose incredibili se ne vedono ogni giorno, mi era anche venuto per la testa che fossero loro a mettere down il sito con un qualche net strike... mi sembra assurdo (tecnicamente) ma non impossibile, ormai mi aspetto di tutto... He si, mi trovavo nella mail il link al sito con a fianco scritto "Clicca e vedrai con i tuoi occhi".
    A voi le conclusioni
    non+autenticato
  • Chi e' che come me ha ricevuto mail dallo spammer nafura?

    Penso sia arrivato al mio indirizzo in questo modo: cognomi_italianimaggiori_provider.it

    Mi segnalate qualche sito antispam / associazione itliana?

    grazie
    non+autenticato
  • Questo e' un link con tutte le principali organizzazioni Europee:

    http://www.spamlaws.com/eu.html
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)