Accordo MS-Governo, una controproposta open source

L'Associazione per il Software libero propone al Governo un contro-accordo dopo quello appena stretto con Microsoft per i centri innovazione. E spiega: possiamo offrire molte più risorse di quante ne offra il big di Redmond

Roma - Le polemiche per l'intesa raggiunta nei giorni scorsi tra Governo italiano e Microsoft sul fronte dei centri di ricerca e dell'innovazione ha spinto l'Associazione per il Software Libero a formulare una controproposta che condivide gli obiettivi di quel progetto ma li persegue in tutt'altro modo. Un'iniziativa che si incunea nelle polemiche che percorrono il mondo open source dopo l'annuncio di quell'accordo, già stigmatizzato anche da alcuni esponenti politici.

In una nota, l'Associazione specifica che secondo l'intesa sottoscritta a Palazzo Chigi "malgrado non si sappia ancora quanto costerà questa operazione ai cittadini italiani, Microsoft si è resa disponibile ad erogare ben 737.300 euro in tre anni, ovvero 245.766 euro all'anno, poco più di 20.000 euro al mese da suddividere in tre Centri di Ricerca, ovviamente non in contanti, ma "tramite terze parti, sulla base delle necessità specifiche di prodotti hardware, software, servizi di supporto tecnico e attività formative".

Su queste basi, l'Associazione, che si dice "sensibile alle difficoltà economiche del Governo", propone un accordo a suo dire "molto più vantaggioso".
Con questa proposta, l'Associazione si impegna "a mettere a disposizione del Governo, per un periodo di cinque anni, attività formative, materiale didattico, soluzioni tecnologiche e software, direttamente o delegando aziende italiane che lavorano nell'ambito del software libero, per un valore complessivo dell'ordine di 10.000.000 (dieci milioni) di euro all'anno".

"Dovunque vengano applicate sufficienti risorse umane e finanziarie - ha dichiarato il presidente dell'Associazione, Paolo Didonè - si hanno dei risultati che spesso vanno al di là delle previsioni, e ci auguriamo naturalmente che questa collaborazione, che proponiamo pubblicamente al Governo, produca analoghi risultati".
140 Commenti alla Notizia Accordo MS-Governo, una controproposta open source
Ordina
  • Ho ricevuto per conoscenza, e ben volentieri provvedo a pubblicare:

    >>>
    1. Ho il piacere di informare i frequentatori di questo Forum che DIDASCA - The First Italian Cyber Schools for Lifelong Learning - intende contribuire ad incrementare di cinque milioni di euro il valore del profitto indicato nella ' Proposta per un protocollo di intesa con il Governo italiano ' avanzata dalla Associazione per il Software Libero.

    2. In concreto, DIDASCA si rende disponibile ad erogare in favore di ciascuno dei Centri citati nell' Art. 2, comma 3, per un periodo di cinque anni, servizi di formazione tali da offrire al Centro e/o ad altre Pubbliche Amministrazioni un profitto, anche in forma di risparmio, del valore complessivo di almeno 1.000.000 (un milione) di euro l'anno.

    3. I servizi di formazione che vengono offerti riguardano la ' SoftMigration ', di cui è reperibile una breve descrizione preliminare nel sito http://www.SoftMigration.it.

    Silverio Carugo
    Rettore
    DIDASCA - The First Italian Cyber Schools for Lifelong Learning
    www.didasca.it
    s.carugo@didasca.org

    >>>
  • adesso si sono mossi anche loro, speriamo che sia una concorrenza costruttiva.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > adesso si sono mossi anche loro, speriamo che sia
    > una concorrenza
    > costruttiva.

    Rosiconi come sono gli sta solo che bene se il governo accetta, così poi c. loro.
    non+autenticato
  • E' sempre così. Sono anni che seguo le "evoluzioni" di questi fanatici ed ho sempre notato una sola costante. Loro non innovano, semplicemente notano quello che fanno gli altri (in genere proprio coloro che disprezzano tanto) e, presi dall'invidia, clonano. Poi aprono il codice facendo si che il lavoro di chi invece ha investito soldi per arrivarci per primo valga la metà.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > E' sempre così. Sono anni che seguo le
    > "evoluzioni" di questi fanatici ed ho sempre
    > notato una sola costante. Loro non innovano,
    > semplicemente notano quello che fanno gli altri
    > (in genere proprio coloro che disprezzano tanto)
    > e, presi dall'invidia, clonano. Poi aprono il
    > codice facendo si che il lavoro di chi invece ha
    > investito soldi per arrivarci per primo valga la
    > metà.

    Diamine, hai appena descritto ciò che Microsoft ha fatto con Apple. Parola per parola.
    Almeno questi poi il codice che copiano lo lasciano aperto.

    E per i più attenti, la nota storica: Chicago. Chicago.
    non+autenticato

  • ho visto il sito, a parte molta parte burocratica, non ho visto:

    - la loro finalita'.

    - i loro progetti per diffonodere il SW libero.

    - che tipo di materiale forniscono.

    - La copia letterale e la distribuzione del materiale qui raccolto nella sua integrità sono permesse con qualsiasi mezzo, a condizione che questa nota sia riprodotta (se non diversamente indicato).

    vuol dire che posso riprodurlo oppure no, posso prendere spunto da loro oppure no?

    - cosa producono?
    non+autenticato
  • Hai presente la politica ? Hai presente quegli ometti che salgono sul palco e parlano una specie di italiano che solfeggia tanto bene (quanto una scoreggia) ma che alla fine non si capisce quali sono inizio, conclusione e fine del discorso ?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Hai presente la politica ? Hai presente quegli
    > ometti che salgono sul palco e parlano una specie
    > di italiano che solfeggia tanto bene (quanto una
    > scoreggia) ma che alla fine non si capisce quali
    > sono inizio, conclusione e fine del discorso
    > ?

    Certo che l'ho presente. E' il tuo post.
    non+autenticato

  • > Certo che l'ho presente. E' il tuo post.

    Vero, ma stando ai loro dati negli ultimi due anni hanno speso

    0 euro in sviluppo e in open


    piu' di 2000 euro in studi legali

    adesso vogliono dare milioni di euro per ricerca e sviluppo.....

    non+autenticato
  • Microsoft su quel milione di euro, fosse anche che si tramutasse tutto nel loro software, pagherà almeno l'iva allo stato italiano.

    L'iva e le tasse varie su quei 50.000.000 di euro di finanziamento della associazione software libero chi li pagherà? Chiaramente se mandano pinco pallino a fare 10 ore e quantificano il suo lavoro in 1000 euro, pinco pallino dovrà pagare tasse su quei 1000 euro. Se ciò non succedesse, l'associazione software libero non avrebbe donato proprio nulla, si chiamerebbe VOLONTARIATO.

    Sempre più fuffa 2
    non+autenticato
  • Più che il discorso dell'iva la differena tra volontari e stipendiata è un'altra ben peggiore: una persona stipendiata per contratto visto che è pagata ha un orario da rispettare, deve dare un tot ore all'azienda/ente (visto che è pagata) e soprattutto non può sparire dall'oggi all'indomani.
    Risultato: l'oggetto sotto sviluppo prosegue la sua crescita.
    Un volontario invece, trovandosi lì solo per sua volontà senza vedere una lira (forse neanche i buoni della benzina) può levare le tende in qualsiasi momento per qualsiasi ragione fosse anche la sedia scomoda o il colore della tappezzeria di suo non gradimento.
    Questo fa capire chiaramente che al volontario non si potrà mai offrire alcuna posizione di responsabilità all'interno del progetto, nessuna esperienza di crescita a lungo termine e forse neppure a breve.
    La valanga di progetti abbandonati su sourceforge dovrebbe averlo fatto capire da un po' ma purtroppo gli unici veri destinatari di questo messaggio continuano a fare orecchie da mercante e sono convinti di piegare il mercato agli umori di un gruppo di volontari senza regole nè orari
    non+autenticato
  • Quoto tutto quello che hai detto, comunque era per far capire che promettere 50.000.000 di euro è diverso da offrire gratis manodopera, perchè su quei 50.000.000 le tasse da una parte o dall'altra vanno pagate. Non so cosa potrà pagare l'associazione software libero con 610.000 euro.

    - Scritto da:
    > Più che il discorso dell'iva la differena tra
    > volontari e stipendiata è un'altra ben peggiore:
    > una persona stipendiata per contratto visto che è
    > pagata ha un orario da rispettare, deve dare un
    > tot ore all'azienda/ente (visto che è pagata) e
    > soprattutto non può sparire dall'oggi
    > all'indomani.
    > Risultato: l'oggetto sotto sviluppo prosegue la
    > sua
    > crescita.
    > Un volontario invece, trovandosi lì solo per sua
    > volontà senza vedere una lira (forse neanche i
    > buoni della benzina) può levare le tende in
    > qualsiasi momento per qualsiasi ragione fosse
    > anche la sedia scomoda o il colore della
    > tappezzeria di suo non
    > gradimento.
    > Questo fa capire chiaramente che al volontario
    > non si potrà mai offrire alcuna posizione di
    > responsabilità all'interno del progetto, nessuna
    > esperienza di crescita a lungo termine e forse
    > neppure a
    > breve.
    > La valanga di progetti abbandonati su sourceforge
    > dovrebbe averlo fatto capire da un po' ma
    > purtroppo gli unici veri destinatari di questo
    > messaggio continuano a fare orecchie da mercante
    > e sono convinti di piegare il mercato agli umori
    > di un gruppo di volontari senza regole nè
    > orari
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Quoto tutto quello che hai detto, comunque era
    > per far capire che promettere 50.000.000 di euro
    > è diverso da offrire gratis manodopera, perchè su
    > quei 50.000.000 le tasse da una parte o
    > dall'altra vanno pagate. Non so cosa potrà pagare
    > l'associazione software libero con 610.000 euro.

    Tre geni della finanza e della microeconomia si sono riuniti al zirco della destra liberista, quelli che l'economia di mercato la sanno tutta loro (ammesso che non sia uno solo che si risponde... va che tre è difficile...), venghino signore e signori!!!

    Eccolo, colui che confonde l'attivo in cassa con la salute finanziaria di una società. Facciamogli un esempio.

    Da una parte, l'attivo... Le entrate, stella, capisci entrate? Sì? Bravo. Andiamo avanti.

    Dall'altra, il passivo, le uscite. Capisci uscite, stella? Ma bravo il nostro pucci!

    Mi spieghi cosa c'entra il saldo di cassa con la solidità patrimoniale di una società? Vorrei capire, visto che si possono avere bilanci in passivo per ANNI, con i ragni in cassa, e restare all'avanguardia con investimenti di MILIARDI di euro. Gli esempi non te li faccio, cercateli.

    Tra l'altro: 610.000 euro sono un gran bel saldo di cassa.

    Infine, faccio sommessamente notare che l'intero thread parte da una affermazione falsa, cioè che i 50.000.000 di euro siano erogati in ore lavoro.

    Ho sprecato tempo e molle dei tasti, lo so, ma diamine, certe minchiate a volte meritano del tempo libero.

    Curatevi.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Quoto tutto quello che hai detto, comunque era
    > > per far capire che promettere 50.000.000 di euro
    > > è diverso da offrire gratis manodopera, perchè
    > su
    > > quei 50.000.000 le tasse da una parte o
    > > dall'altra vanno pagate. Non so cosa potrà
    > pagare
    > > l'associazione software libero con 610.000 euro.
    >
    > Tre geni della finanza e della microeconomia si
    > sono riuniti al zirco della destra liberista,
    > quelli che l'economia di mercato la sanno tutta
    > loro (ammesso che non sia uno solo che si
    > risponde... va che tre è difficile...), venghino
    > signore e
    > signori!!!
    >
    > Eccolo, colui che confonde l'attivo in cassa con
    > la salute finanziaria di una società. Facciamogli
    > un
    > esempio.
    >
    > Da una parte, l'attivo... Le entrate, stella,
    > capisci entrate? Sì? Bravo. Andiamo
    > avanti.
    >
    > Dall'altra, il passivo, le uscite. Capisci
    > uscite, stella? Ma bravo il nostro
    > pucci!
    >
    > Mi spieghi cosa c'entra il saldo di cassa con la
    > solidità patrimoniale di una società? Vorrei
    > capire, visto che si possono avere bilanci in
    > passivo per ANNI, con i ragni in cassa, e restare
    > all'avanguardia con investimenti di MILIARDI di
    > euro. Gli esempi non te li faccio,
    > cercateli.
    >

    Guarda le entrate e le uscite, genio. In un anno gira per tale associazione qualche centinaio di mmigliai di euro. Poi dimmi se può permettersi di offrire 50.000.000 di euro.

    > Infine, faccio sommessamente notare che l'intero
    > thread parte da una affermazione falsa, cioè che
    > i 50.000.000 di euro siano erogati in ore
    > lavoro.
    >

    Comunque sono erogati vanno pagate le tasse, genio. Se doni software per 1.000 euro, ci paghi l'iva su quei 1.000 euro. Se dichiari che hai dato servizi o prodotti per tot euro, su quei tot euro qualcuno ci deve pagare le tasse o le imposte, se no vuol dire che stai TRUFFANDO.

    non+autenticato
  • Ma anche se truffano chi vuoi che li vada a prendere ? Chi sono ? Dove sono ? Si sono mai visti in faccia ? Ecco perchè linux ed il "free" software possono permettersi di violare brevetti in massa. Non si possono perseguire dei fantasmi
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Guarda le entrate e le uscite, genio. In un anno
    > gira per tale associazione qualche centinaio di
    > mmigliai di euro. Poi dimmi se può permettersi di
    > offrire 50.000.000 di
    > euro.
    >

    Non sono un genio. Comunque, dai dati che abbiamo, la risposta è sì. No. Fata turchina. Traforo del Monte Bianco.
    Hanno tutte la stessa portata logica, banfone.
    Io non ho mai detto che se lo possono permettere. Io sto ridendo DI TE. Che per dimostrare che non possono sembri Lino Banfi quando allenava la Longobarda. Le tue tirate di economia ricordano in maniera preoccupante il discorso delle BiZona!

    > Comunque sono erogati vanno pagate le tasse,
    > genio. Se doni software per 1.000 euro, ci paghi
    > l'iva su quei 1.000 euro. Se dichiari che hai
    > dato servizi o prodotti per tot euro, su quei tot
    > euro qualcuno ci deve pagare le tasse o le
    > imposte, se no vuol dire che stai
    > TRUFFANDO.
    >

    Infatti. Quando lo avranno fatto, cioè evaso IVA e altre imposte, saranno degli evasori fiscali. Non dei truffatori, stella. La truffa è un reato, la cui fattispecie, regolata dal codice penale, non ha nulla a che vedere col mancato pagamento di imposte.

    Sullo specifico, ci paghi l'IVA è azzardato, perché c'è di mezzo la pubblica amministrazione. O mi sai anche fornire l'aliquota, coi dati che hai? Sulle tasse, fossi loro ti farei causa per diffamazione.

    Infine, ribadisco e affermo:

    -che il vero genio dell'economia sei tu
    -che gtutto il thread si basa su un'affermazione falsa: che l'unico servizio erogato siano ore di lavoro.

    Baci, zio Lino. 5-5-5!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Guarda le entrate e le uscite, genio. In un anno
    > > gira per tale associazione qualche centinaio di
    > > mmigliai di euro. Poi dimmi se può permettersi
    > di
    > > offrire 50.000.000 di
    > > euro.
    > >
    >
    > Non sono un genio. Comunque, dai dati che
    > abbiamo, la risposta è sì. No. Fata turchina.
    > Traforo del Monte
    > Bianco.
    > Hanno tutte la stessa portata logica, banfone.
    > Io non ho mai detto che se lo possono permettere.
    > Io sto ridendo DI TE. Che per dimostrare che non
    > possono sembri Lino Banfi quando allenava la
    > Longobarda. Le tue tirate di economia ricordano
    > in maniera preoccupante il discorso delle
    > BiZona!
    >

    Anno 2006:
    http://www.softwarelibero.it/situazione-patrimonia...

    La somma di tutte le entrate è di circa 2.000.000 di euro

    In un anno, senza togliere nessuna spesa, loro riescono a recuperare 2.000.000 di euro. Scritto nero su bianco. Ma propongono di darne 10.000.000. Capisco che tu sei il genio con 5 master di economia, ma le loro entrate rimangono quelle e oltre quello non vanno.

    > > Comunque sono erogati vanno pagate le tasse,
    > > genio. Se doni software per 1.000 euro, ci paghi
    > > l'iva su quei 1.000 euro. Se dichiari che hai
    > > dato servizi o prodotti per tot euro, su quei
    > tot
    > > euro qualcuno ci deve pagare le tasse o le
    > > imposte, se no vuol dire che stai
    > > TRUFFANDO.
    > >
    >
    > Infatti. Quando lo avranno fatto, cioè evaso IVA
    > e altre imposte, saranno degli evasori fiscali.
    > Non dei truffatori, stella. La truffa è un reato,
    > la cui fattispecie, regolata dal codice penale,
    > non ha nulla a che vedere col mancato pagamento
    > di
    > imposte.
    >

    Quanto sei capzioso inutilmente.

    > Sullo specifico, ci paghi l'IVA è azzardato,
    > perché c'è di mezzo la pubblica amministrazione.
    > O mi sai anche fornire l'aliquota, coi dati che
    > hai?

    20%, bello, su sw e hw è il 20%. Ne sono certissimo.

    Sulle tasse, fossi loro ti farei causa per
    > diffamazione.
    >

    Per cosa visto che non li ho accusati di nulla dato che era un ragionamento in generale?

    Vedo che su singoli termini ti impunti inutilmente, poi non vedi i "se" e associ frasi in cui discutevo su dei principi generali facendo passare che erano riferite alla ASL, cosa che non ho mai scritto.


    > Infine, ribadisco e affermo:
    >
    > -che il vero genio dell'economia sei tu
    > -che gtutto il thread si basa su un'affermazione
    > falsa: che l'unico servizio erogato siano ore di
    > lavoro.

    Qualsiasi altro servizio eroghino le tasse o le imposte qualcuno le deve pagare.
    non+autenticato
  • Ma finiscila ! Dove sta scritto che quello che offre la FSF vale 10M ? Uno può andare a farsi installare ubuntu in un lug e non pagare niente come può entrare in un negozio e pagare 50 o 100 euro. Dove sta scritto quanto può valere un simile servizio ? Chi lo decide ? Esiste un equilibrio di mercato (come succede altrove) verificabile ?
    Poi vi stupite che non vi caga nessuno negli ambienti che contano
    non+autenticato
  • Saldo cassa: Euro 610.000 (anno 2007)

    Hanno promesso un finanziamento pari a quasi 100 volte i soldi che hanno a disposizione

    Questa proposta assomiglia sempre più a fuffa
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Saldo cassa: Euro 610.000 (anno 2007)
    >
    > Hanno promesso un finanziamento pari a quasi
    > 100 volte i soldi che hanno a
    > disposizione

    >
    > Questa proposta assomiglia sempre più a fuffa

    Tu sì che capisci di bilanci. E' noto infatti che il saldo di cassa è l'indice attraverso il quale si valutano le capacità di investimento e produttività.
    (Tra l'altro, che SIGNOR saldo di cassa!)
    Bravo, al Ministero delle Attività Produttive subito. E santo subito, già che ci siamo. Però ci dovresti gentilmente fornire nome e cognome.

    Mi domando perché certa gente non va a cattare le rane invece di rendersi ridicola nei forum... Ovviamente in forma asettica e anonima...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Saldo cassa: Euro 610.000 (anno 2007)
    > >
    > > Hanno promesso un finanziamento pari a quasi
    > > 100 volte i soldi che hanno a
    > > disposizione

    > >
    > > Questa proposta assomiglia sempre più a fuffa
    >
    > Tu sì che capisci di bilanci. E' noto infatti che
    > il saldo di cassa è l'indice attraverso il quale
    > si valutano le capacità di investimento e
    > produttività.
    > (Tra l'altro, che SIGNOR saldo di cassa!)

    Leggiti il bilancio, è pubblico. E' tutto quanto hanno in cassa, escluso patrimonio immobiliare. Cioè loro possono spendere al massimo 600.000 euro prima di incominciare a vendere le loro eventuali sedi, se non sono in affitto.

    Forza, dimmi dove li tirano fuori questi 50.000.000 di euro pari ad una 90ina di volte i soldi che hanno a disposizione.

    Prima di fare irionia, vai sul loro sito e guarda il bilancio.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Leggiti il bilancio, è pubblico. E' tutto quanto
    > hanno in cassa, escluso patrimonio immobiliare.
    > Cioè loro possono spendere al massimo 600.000
    > euro prima di incominciare a vendere le loro
    > eventuali sedi, se non sono in
    > affitto.
    >
    > Forza, dimmi dove li tirano fuori questi
    > 50.000.000 di euro pari ad una 90ina di volte i
    > soldi che hanno a
    > disposizione.
    >
    > Prima di fare irionia, vai sul loro sito e guarda
    > il
    > bilancio.

    L'ho letto. Fratello calmati. Sei tu che non sai leggere un bilancio, e appena sopra ti ho spiegato con dettagli e esempi il perché.
    Ribadisco: hanno un saldo di cassa da fare invidia. Sul resto non posso fare valutazioni. Ma nemmeno tu.

    Resta il fatto che hai una strana visione di come una società/associazione investe, da che parte della metà foglio si mettono le voci nei bilanci, e del modo con cui le aziende producono valore ed entrate. Spetta, indizio: vendendo beni e/o servizi.

    Da adesso in avanti, le ripetizie si pagano.

    Ti saluto banfone... Sei un simpatico qualunquello della rete, che difende a spada tratta le sue scoperte (MAMMA! MAMMA! Mai lo sai che la Telecom fallisce???? SONO IN PASSIVO! IN PASSIVO MAMMA!!!)
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Leggiti il bilancio, è pubblico. E' tutto quanto
    > > hanno in cassa, escluso patrimonio immobiliare.
    > > Cioè loro possono spendere al massimo 600.000
    > > euro prima di incominciare a vendere le loro
    > > eventuali sedi, se non sono in
    > > affitto.
    > >
    > > Forza, dimmi dove li tirano fuori questi
    > > 50.000.000 di euro pari ad una 90ina di volte i
    > > soldi che hanno a
    > > disposizione.
    > >
    > > Prima di fare irionia, vai sul loro sito e
    > guarda
    > > il
    > > bilancio.
    >
    > L'ho letto. Fratello calmati. Sei tu che non sai
    > leggere un bilancio, e appena sopra ti ho
    > spiegato con dettagli e esempi il
    > perché.
    > Ribadisco: hanno un saldo di cassa da fare
    > invidia. Sul resto non posso fare valutazioni. Ma
    > nemmeno
    > tu.
    >
    > Resta il fatto che hai una strana visione di come
    > una società/associazione investe, da che parte
    > della metà foglio si mettono le voci nei bilanci,
    > e del modo con cui le aziende producono valore ed
    > entrate. Spetta, indizio: vendendo beni e/o
    > servizi.
    >
    > Da adesso in avanti, le ripetizie si pagano.
    >
    > Ti saluto banfone... Sei un simpatico
    > qualunquello della rete, che difende a spada
    > tratta le sue scoperte (MAMMA! MAMMA! Mai lo sai
    > che la Telecom fallisce???? SONO IN PASSIVO! IN
    > PASSIVO
    > MAMMA!!!)

    Telecom fattura milioni (miliardi?) di euro. Quelli in un anno si beccano poche centinaia di migliaia di euro ma ne vogliono finanziare 50.000.000. Continui a fare il finto tonto ma a parte inutili puntualizzazioni non hai smosso di nulla il punto della questione: promettono ordini di grandezze in più di quanto possono offrire sulla carta.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)