Open source nella PA, disegno di legge in Puglia

Presentazione

Bari - Si terrà nella sede del Gruppo PRC alla Regione Puglia il 16 maggio alle 11 la conferenza stampa di presentazione del "Disegno di Legge Regionale recante norme in materia di trasformazione ed adeguamento tecnologico della Pubblica Amministrazione Regionale secondo criteri di difesa della libertà, della democrazia e della sicurezza informatica nell'era della comunicazione digitale".

"Per la prima volta in Italia - si legge in una nota diffusa dal PRC - viene proposto un disegno di legge regionale che si propone di regolamentare e trasformare la Pubblica Amministrazione attraverso l'adozione di un altro modello di impiego e di realizzazione del software utilizzato nella Pubblica Amministrazione passando da quello proprietario, costosissimo, a codice chiuso, immodificabile e con licenza d'uso a pagamento, a quello Open Source, modificabile e quasi sempre gratuito ed adattabile ad ogni esigenza dell'utilizzatore".

Secondo i promotori, "le ricadute positive che deriverebbero dall'approvazione di questo DDL in termini di contenimento dei costi a bilancio, di sviluppo e crescita dell'economia e dell'occupazione sono già evidenti in numerose esperienze già realizzatesi altrove nel mondo, in Italia ed in Europa. Lo stesso DDL affronta, per la prima volta attraverso un atto legislativo, anche il grave problema dell'Hardware condizionato all'uso di software ad alto costo economico e sociale".
Alla conferenza stampa interverranno il Segretario regionale PRC Puglia Nicola Fratoianni, il Capogruppo PRC alla Regione Puglia Arcangelo Sannicandro, il presidente di Tecnopolis Guido Pasquariello, il responsabile del Dipartimento Comunicazione ed Innovazione tecnologica del PRC Puglia.
26 Commenti alla Notizia Open source nella PA, disegno di legge in Puglia
Ordina