La PA e i sorgenti del software

Qualcosa si muove nella Pubblica Amministrazione, sebbene in modo molto farraginoso. Un caso descritto in breve

Roma - Scrive Diego Z.: "Il ministero della giustizia, dopo anni di richieste, ha gentilmente fornito i sorgenti del programma Redattore Atti, utilizzato per il processo civile telematico (l'informatizzazione del settore giustizia e dei processi civili).

Attualmente il software funziona solo con Windows e Word (vincolanti se si vogliono usare strumenti informatici). I sorgenti in realtà non sono pubblicati, ma vanno richiesti: alla richiesta si ottengono file aggiornati al massimo ad ottobre 2005.

Il programma è limitatamente utile, perché non è la versione aggiornata in questi due anni. In "compenso" tutto è in corso di "riscrittura" sulla nota piattaforma.NET, perché lavori senza che Word sia obbligatorio (scusate, perché lavori su Windows senza che Word sia obbligatorio)".
sul tema vedi anche:
Il Fisco non digerisce l'open source
Smanettando, il Fisco digerirebbe l'open source
7 Commenti alla Notizia La PA e i sorgenti del software
Ordina