K-Meleon 1.1 sfida Firefox su Windows

Il browser open source per Windows, seppure a ritmi non certo frenetici, sta crescendo con costanza. L'ultima versione, la 1.1, č ancora pių completa e funzionale

Roma - Lontano dai clamori, a piccoli passi, il giovane browser open source per Windows K-Meleon sta continuando il suo processo di maturazione. Dopo aver raggiunto, poco meno di un anno fa, l'importante versione 1.0, K-Meleon arriva ora nella nuova release 1.1 che aggiunge diverse funzionalità e lima alcune di quelle preesistenti.

K-Meleon 1.1 utilizza una più recente versione del motore di rendering Gecko (la 1.8.1.4), lo stesso utilizzato anche da Firefox, ed introduce il supporto alle macro modulari, alla localizzazione integrale dell'interfaccia, al salvataggio delle sessioni (ma non dei tab, qui chiamati layer), e alla possibilità di aprire una nuova istanza del browser.

Gli sviluppatori hanno poi migliorato diverse aree, tra cui supporto ai proxy, interfaccia utente, voci dei menù, personalizzazione dei motori di ricerca e delle mouse gestures ecc. Per un elenco completo dei cambiamenti e dei bugfix si veda il changelog.
K-Meleon 1.1Chi non ha mai utilizzato K-Meleon sarà probabilmente incuriosito dalla funzionalità macro, che generalmente si è abituati ad associare alle applicazioni per l'ufficio. Tale funzionalità permette di automatizzare certe operazioni o estendere le capacità del browser per mezzo di un linguaggio di programmazione, il MacroLanguage, facilmente utilizzabile anche da chi non è programmatore. Gli sviluppatori affermano l'ultima versione di K-Meleon semplifica l'installazione e l'utilizzo delle macro. Un repository di macro per K-Meleon è disponibile qui.

Un'altra funzionalità peculiare di K-Meleon è il Loader, un programma simile al QuickStart di OpenOffice che si posiziona nella system tray di Windows e carica in memoria, ad ogni avvio del sistema, una porzione del browser: in questo modo i tempi di esecuzione del software vengono fortemente ridotti. Va per altro detto che K-Meleon è già più snello e leggero di molti concorrenti, questo a scapito però dei lazzi e dei frizzi a cui gli utenti sono ormai abituati con gli altri browser.

K-Meleon implementa inoltre tutte le funzionalità che ci si può aspettare da un browser moderno, tra le quali blocco dei pop-up, le già citate mouse gestures, toolbar di ricerca personalizzabile, temi e skin, navigazione a schede e una completa serie di opzioni per la privacy. Per quanto riguarda i plug-in per Java, Flash, QuickTime, Adobe Reader ecc., K-Meleon è in grado di utilizzare direttamente quelli di Firefox: se quest'ultimo è già installato, tutti i suoi plug-in funzioneranno automaticamente anche con K-Meleon.

La versione 1.1 di K-Meleon può essere scaricata qui in varie lingue, ma manca l'italiano. Per provare il software non è necessario installarlo: è sufficiente scaricare il pacchetto 7zip e scomprimerlo in una qualunque posizione dell'hard disk.

Va ricordato che K-Meleon non è cross-platform, ed esiste dunque nella sola versione per Windows: in compenso questo browser è in grado di girare, eventualmente aggiornando qualche libreria, anche sulle versioni di Windows meno recenti, dalla 95 in poi.
78 Commenti alla Notizia K-Meleon 1.1 sfida Firefox su Windows
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 15 discussioni)