2mila siti oscurati in Arabia

La censura sarebbe dovuta al timore di destabilizzazione da parte dei fondamentalisti. Ne parlano i ricercatori di Harvard. Al centro i seguaci di Bin Laden

Roma - Sono più di duemila i siti internet che nelle ultime settimane sono stati oscurati dalle autorità dell'Arabia Saudita, probabilmente per timore che dalla rete giungano spinte destabilizzanti in un momento critico per la stabilità dell'intera regione mediorientale.

A parlarne in questi termini sono due ricercatori dell'università americana di Harvard - Jonathan Zittran e Benjamin Edelman - che vedono nella mossa delle autorità di Riad un tentativo di contenere l'estremismo islamico fomentato dai seguaci di Osama Bin Laden in un momento in cui si parla con sempre maggiore insistenza di un possibile attacco al regime iracheno di Saddam Hussein. Una situazione potenzialmente esplosiva anche per il ricco regno saudita.

Stando a quanto riportato dalla BBC, gli esperti di Harvard giudicano i 2mila siti legati in un modo o nell'altro ad attività informative di tipo politico, religioso o persino erotico, sebbene siano stati oscurati anche spazi web apparentemente "innocui", come quelli dedicati alla musica o alla moda.
Un elemento fondamentale per comprendere la rilevanza della ricerca è il fatto che Zittran e Edelman hanno avuto il via libera per il loro lavoro da parte del Governo di Riad. "Hanno accettato di farci vedere la loro versione di internet - ha spiegato Edelman - per consentirci di valutare quel che permettono e quello che vietano. La maggioranza degli altri paesi non ha accettato di farlo quando lo abbiamo chiesto".

A quanto pare, i due hanno monitorato un parco di 64mila siti internet. Sulle pagine di quelli oscurati, il Governo ha fatto apporre una pagina web che attesta l'avvenuta censura "al fine di tutelare i valori dell'Islam".

Secondo gli autori dello studio, l'effetto della censura non è naturalmente solo quello di ostacolare l'ingresso nel paese di idee "scomode", elemento che da sempre guida la mano censoria di Riad, ma anche quello di togliere strumenti di critica alla parte più conservatrice della società saudita.
TAG: censura
6 Commenti alla Notizia 2mila siti oscurati in Arabia
Ordina
  • Ve ne racconto una su questi "morigerati" islamici. Tanto morigerati da voler fare stupri pubblici per riparare ad una colpa o a lapidare viva una adultera, ma molto diversi al chiuso delle loro 4 mura..

    Gestisco un piccolo sito in italiano dedicato a informazioni e consigli per teenager. Il traffico non e' molto ma mi fa piacere cercare di dare una mano per quanto posso ai ragazzi e alle ragazze che mi scrivono. Per via del target del sito e dei temi trattati, amore, sesso, amicizie eccetera, spesso viene visitato anche da chi cerca pornografia (che sul sito naturalmente non trova!) con ragazze e a volte anche ragazzine.
    Guardando le statistiche di accesso al sito il primo paese di provenienza degli accessi (escludendo gli stati uniti perche' usando domini .com o .net non vengono riconosciuti come statunitensi) e' l'italia ovviamente perche' il sito e' in italiano. Il secondo e' la svizzera perche' anche li' in alcuni cantoni si parla italiano. Qual e' il primo stato non di lingua italiana che fa piu' accessi al mio sito magari avendo inserito in un motore di ricerca la parola "teens"?
    Avete indovinato, proprio l'arabia saudita!!

    Noi occidentali saremo anche brutti e cattivi e infedeli e "crociati" (come ci chiama bin laden e la sua gentaglia) secondo questi islamici ma evidentemente gli piace allungare gli occhi sulle nostre (o nostri??) "infedeli" teenager!!
    non+autenticato
  • ...e ti consiglio di leggere (se non l'hai già fatto) "La rabbia e l'orgoglio" della mitica Oriana Fallaci.
    Sono un paio di ore spese bene.
    non+autenticato
  • Sono sicuro del fatto che tra gli islamici ci sono elementi depravati e "fortemente repressi", ma da qua a generalizzare ce ne passa....

    In base a questa logica, siccome in USA c'è stato lo scandalo dei preti pedofili dovremmo desumere che tutti i preti sono pedofili??

    Guardate che è molto facile considerare il diverso un "inferiore"... solo che la II guerra mondiale dovrebbe aver insegnato al mondo dove può portare questo ragionamento.....

    La rabbia e l'orgoglio è solo una gran stronzata di libro... per il semplice fatto che istiga alla violenza, alla soppressione di una civiltà "inferiore"...

    Come ultima cosa vi dico che non sono un mussulmano e che trovo perlomeno discutibile (e abonevole) alcune pratiche e pensieri che alcuni mussulmani posseggono (meglio sarebbe dire pratiche e pensieri che sono stati loro inculcati). Ciò non toglie che credo sia giusto che ognuno di noi abbia il suo credo, senza che questo leda IL RISPETTO DEGLI ALTRI!!!!

    non+autenticato
  • Eeeh, ma che zozzoni 'sti maomettani, si vorrebero trombare le minorenni occidentali. Che vadano in Cambogia a comprarsi le bambine, come molto più civilmente facciamo noi occidentali.
    Che cazzo!
    non+autenticato
  • Daniele, tu ti sei fatto un'idea dei Sauditi spulciando i logs tel tuo sito web... io in Arabia ci sono stato e ti assicuro che ci sono ragazzi assolutamente simili a me e a te, la maggior parte essendo stati educati in prestigiosi colleges occidentali. Non credo che la morigeratezza dei costumi islamici sia la causa delle presunte depravazioni che tu noti... è assurdo trarre certe conclusioni su problemi così importanti basandosi solo sull'analisi dei logs!!!!
    Cerchiamo tutti insieme invece di capirci e comprenderci, ognuno con le proprie differenze e sempre co il massimo rispetto reciproco. Vi assicuro che gli islamici hanno un senso del rispetto molto più sentito rispetto agli occidentali.
    non+autenticato
  • > Arabia ci sono stato e ti assicuro che ci
    > sono ragazzi assolutamente simili a me

    Qui si sta parlando di censura imposta dai governi ... vediamo di non cadere in facili generalizzazioni ...

    Ah, domandina ... tempo fa su PI c'è stata una sollevazione popolare contro la censura operata a danno di alcuni siti che bestemmiavano il dio dei cattolici,

    Secondo te cosa sarebbe successo in Arabia Saudita al gestore di un sito che bestemmiava il dio dei mussulmani?
    non+autenticato