Automobili, il telefonino come immobilizer?

Se la chiave elettronica di un'auto tocca un cellulare attivo, la memoria si potrebbe resettare. E l'automobilista potrebbe rimanere, letteralmente, a piedi

Roma - Nel mondo dell'automobile si stanno sempre più diffondendo dispositivi di apertura e accensione che rendono superflua la classica "chiave di accensione". Sembra però che almeno alcuni di questi dispositivi soffrano di una vulnerabilità, o di una feature, che portano al blocco del sistema quando vengono in contatto con un telefono cellulare. Lo dice Nissan, uno dei più noti brand del settore.

Secondo quanto riferisce The Register, infatti, la Casa giapponese (del gruppo Renault) ha avvisato i propri clienti sul rischio di malfunzionamento della chiave elettronica "I-Key", utilizzata per la versione 2007 dei modelli Altima e Infiniti G35 (di cui qualche esemplare, importato parallelamente, circola anche sulle strade italiane).

Secondo l'azienda, le emissioni elettromagnetiche durante una telefonata possono azzerare la memoria della chiave elettronica delle due automobili: "Abbiamo scoperto che se una I-Key tocca un cellulare... le chiamate possono potenzialmente alterare il codice memorizzato in essa" ha dichiarato un portavoce dell'azienda. Da qui la decisione di comunicare ai propri clienti di mantenere, tra il cellulare e la chiave elettronica, una distanza minima di sicurezza di un pollice (2,54 cm).
Chi non segue questo suggerimento, sostiene Nissan, può dunque rischiare che la propria auto non si apra o non parta. Il che è un problema perché la chiave, spiega il produttore di automobili, non è riprogrammabile. Certo, può essere sostituita, ma l'operazione richiede tempo. Poco male se l'auto si trova nell'autorimessa di casa e non si hanno viaggi in programma, ma se l'inconveniente si verifica di fronte a un passaggio a livello, nel parcheggio del supermercato con il bagagliaio traboccante, o mentre si accompagna la moglie a partorire, la seccatura può diventare drammatica.

Dario Bonacina
25 Commenti alla Notizia Automobili, il telefonino come immobilizer?
Ordina
  • Non lo sapevo,sono rimasto stupefatto: L'automobile ad aria,cioe' come "carburante" usa l'aria!!!
    Entrera' in produzione a breve:

    http://www.engadget.com/2007/05/27/indian-air-powe.../

    Ma vi rendete conto? Non e' un prototipo,un'idea e' un veicolo che verra' prodotto.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Non lo sapevo,sono rimasto stupefatto:
    > L'automobile ad aria,cioe' come "carburante"
    > usa l'aria!!!

    >
    > Entrera' in produzione a breve:
    >
    > http://www.engadget.com/2007/05/27/indian-air-powe
    >
    > Ma vi rendete conto? Non e' un prototipo,un'idea
    > e' un veicolo che verra'
    > prodotto.

    Supponiamo che sia vero e non la solita bufala.

    Come immagini alimenteranno i compressori necessari a raggiungere una pressione tale da spostare un'automobile per oltre 100 miglia?
  • > Come immagini alimenteranno i compressori
    > necessari a raggiungere una pressione tale da
    > spostare un'automobile per oltre 100
    > miglia?

    Con una enorme ruota spinta dalle braccia dei fessi che non pensano a questi "dettagli" Sorride

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > Come immagini alimenteranno i compressori
    > > necessari a raggiungere una pressione tale da
    > > spostare un'automobile per oltre 100
    > > miglia?
    >
    > Con una enorme ruota spinta dalle braccia dei
    > fessi che non pensano a questi "dettagli" Sorride
    >
    >
    senza contare che l'efficienza di queste soluzioni dovrebbe essere sul 30-40%.... se pensiamo di comprimere l'aria con energia derivata dal petrolio o nucleare, non è proprio una cosa intelligente. Discorso diverso se si usasse energia solare, che essendocene in abbondanza anche se va sprecata non è un così grosso problema.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > Come immagini alimenteranno i compressori
    > > necessari a raggiungere una pressione tale da
    > > spostare un'automobile per oltre 100
    > > miglia?

    Gas metano, biomasse, fotovoltaico, eolico, biodiesel, inceneritori... per produrre energia c'e' gia' tanto scarto meno inquinante del petrolio o addirittura fonti inesauribili che non inquinano.
    L'altro giorno ho sentito uno stupido di destra che parlava che con i tetti fotovoltaici si coprira' solo in 10% del fabbisogno nazionale...a me non sembra affatto un ragionamento valido perche' se oggi copri il 10% e INIZI gia' sono migliaia di miliardi di euro che l'Italia risparmia e con questo risparmio si puo' valorizzare la ricerca e portare almeno al 50% le fonti rinnovabili... e non dobbiamo inventare nulla basta guardare la Germania per renderci conto che non e' un miracolo e poi ni abbiamo piu' sole e piu'acqua ci dobbiamo solo applicare;)

    Quelli che qui ovviamente invece sanno tutto sui "dettagli" beh loro farebbero presto un bel po' di scorie nucleari e due tre spolveratine di particolato e la loro energia e' gia' pronta:)
    non+autenticato
  • e la bufala di eolo....di fatti l'ingeniere che l'ha inventata è lo stesso!!!! ci ho creduto anchio a suo tempo!!
    voglio vederla su strada
  • e si, è proprio Eolo...
    saranno 5 anni che non ne sento parlare.
    al tempo avevo seguito la vicenda sulle riviste specializzate, ricordo che quelli di Quattroruote, col passare dei vari MotorShow di Bologna, lamentavano l'impossibilità di poter provare il mezzo su strada.
    Poi alla fine, dopo lunghe insistenze, quelli della Eolo fecero provare la macchinetta e i giornalisti di 4ruote documetarono tutto...
    La prova su strada fu estremamente deludente, l'auto si inchiodo durante la marcia pochi minuti dopo la partenza.
    L'unico aspetto positivo era l'estrama silenziosità del motore e il relativo non-inquinamento.
    Quello che più mi stupisce e che vicino a casa mia c'è un distributore di benzina di un privato che integra anche una pompa EOLO!
    Io credo che nessuno l'abbia mai provata.
    Eppure secondo me sarebbe stato un mezzo rivoluzionario.
    Chissà cosa non fa decollare quest'invenzione...

    Paolo
    non+autenticato
  • > EOLO
    > Io credo che nessuno l'abbia mai provata.
    > Eppure secondo me sarebbe stato un mezzo
    > rivoluzionario.
    > Chissà cosa non fa decollare quest'invenzione...
    Il costo dei fagioli necessari a ricaricare le bomboleArrabbiato
    non+autenticato
  • Le temperature di esercizio, abbondantemente sotto zero per via della espansione dell'aria compressa. Infatti il prototipo si rompeva perché diversi particolari non reggevano le bassissime temperature raggiunte in marcia.
    Lanf
    148
  • Non è una bufala, diciamo che è un progetto vecchio, in rete si trova tutta la documentazione, ad esempio:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Motore_ad_aria_compre...
    http://www.ecplanet.com/canale/tecnologia-2/veicol...

    Poi visto che noi occidentali non interessa perchè abbiamo un mare di petrolio, abbiamo venduto il progetto all'india Triste
    non+autenticato
  • a parte i problemi dati dal congelamento del motore dato dalla espansione dell'aria compressa che non mi risulta siano stati risolti, io bombole da 300 bar sotto il culo non me le metterei mai.
    non+autenticato
  • le auto elettroniche.

    Ogni auto moderna ha una centralina.

    Date un bell'impulso elettrico alla centralina, e la macchina e' da rottamare.
    Niente se e niente ma.


    Cosa accadra' in futuro ?
    Centraline schermate ?
    A quale prezzo aggiuntivo sulle auto ?


    E poi oggi costruirsi un jammer/disturbatore elettromagnetico e' cosa facile, in futuro ancor piu' facile...tra 10 anni, quando pure la macchinetta del caffe' sara' elettronica, ci sara' da ridere se qualche criminale piazzera' sotto casa nostra un bel congegno....
    non+autenticato
  • Credo che siamo arrivati a livelli di invasività dell'elettronica molto alti.

    Ma è mai possibile che la mia automobile (Seat Ibiza, Luglio 2001) debba soffrire di problemi alla centralina ogni volta che c'è un temporale?
    In 6 anni di vita, usata molto poco, ho dovuto portarla in assistenza, per problemi alla centralina, ben 3 volte!!

    Ora devo spendere qualcosa come 600 Euro (ma anche più) per riparare il danno... e il fulmine non era neanche caduto in prossimità della macchina... è caduto a 200 metri di distanza!

    Non me ne frega nulla dell'elettronica in macchina, se questa mi crea così tanti problemi!

    bye
    non+autenticato
  • > Non me ne frega nulla dell'elettronica in
    > macchina, se questa mi crea così tanti
    > problemi!


    hem...guarda che hai frainteso... non e' che l'elettronica nella tua macchina e' fatta per darti qualche cosa in piu' sulla qualita' del prodotto.

    L'elettronica serve alle grandi aziende per :

    -Farti pagare di piu' in fase di acquisto.

    -Rendere le LORO vetture riparabili SOLO nei LORO centri specializzati.

    -Farti comprare SOLO i LORO pezzi di ricambio.

    -Farti cambiare la macchina dopo tot. anni (casualmente si guasta la centralina e cambi la macchina).


    Anche perche', se ci pensi bene, per fare una bella macchina durevole, basterebbe creare un motore e una meccanica con materiali di qualita', definendo uno standard per abbassare il costo delle riparazioni....
    Se non lo fanno, non e' certo per mancanza di tecnologie, solo per interessi economiciOcchiolino
    non+autenticato
  • Anche perche', se ci pensi bene, per fare una bella macchina durevole, basterebbe creare un motore e una meccanica con materiali di qualita', definendo uno standard per abbassare il costo delle riparazioni....
    Se non lo fanno, non e' certo per mancanza di tecnologie, solo per interessi economici


    Hai perfettamente ragione, e non solo per le auto, purtroppo!
  • > Anche perche', se ci pensi bene, per fare una
    > bella macchina durevole, basterebbe creare un
    > motore e una meccanica con materiali di qualita',
    > definendo uno standard per abbassare il costo
    > delle
    > riparazioni....
    > Se non lo fanno, non e' certo per mancanza di
    > tecnologie, solo per interessi economici
    >Occhiolino
    Prenditi un bel cavalloA bocca aperta
    non+autenticato

  • > hem...guarda che hai frainteso... non e' che
    > l'elettronica nella tua macchina e' fatta per
    > darti qualche cosa in piu' sulla qualita' del
    > prodotto.
    >
    > L'elettronica serve alle grandi aziende per :
    >
    > -Farti pagare di piu' in fase di acquisto.
    >
    > -Rendere le LORO vetture riparabili SOLO nei LORO
    > centri
    > specializzati.
    >
    > -Farti comprare SOLO i LORO pezzi di ricambio.
    >
    > -Farti cambiare la macchina dopo tot. anni
    > (casualmente si guasta la centralina e cambi la
    > macchina).

    Certoooo non per permettere la sicurezza con tutti i vari sistema anti slittamento, limitatori di coppia, velocita' di crociera e limitatore di velocita', freno pneumatico...noooo queste cose le trovi anche nelle auto d'epoca tu che sei un genio?!

    L'elettronica si puo' rompere si ma si ripara a costi molto minori rispetto ad una rottura meccanica, ma ha permesso di creare auto piu' sicure e confortevoli rispetto alle auto d'epoca o classiche.
    non+autenticato
  • ... sì in parte è vero, però c'è anche da dire che l'elettronica ha permesso di realizzare dispositivi di sicurezza non da poco, si pensi solo all'ABS e agli stabilizzatori vari...
  • L'elettronica diffusa ha portato a grandi poteri: dopo aver affiancato per anni funzioni meccaniche, idrauliche o semplicemente elettriche, ora le sostituisce consentendo di ottenere funzioni impensabili con i precedenti sistemi.

    Purtroppo pare che progettisti e utilizzatori non si vogliano occupare dell'altra faccia della medaglia: se non sono programmati in opportuna ridondanza e sicurezza, questi dispositivi possono lasciare in gravi guai l'utilizzatore.

    Un diverso approccio ingegneristico, IMHO, sarebbe ora raggiungesse la testa delle aziende. Ficoso
    non+autenticato
  • infatti
    rende l'auto più sicura dai furti, ma se sei sfigato resti a piedi pure tu

    :(

    ho un auto con chiave elettronica
    non+autenticato
  • Ho risolto il problema comprando una macchia a pedali. Nessuno me la ruba e non mi servono costosi fronzoli elettronici.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > L'elettronica diffusa ha portato a grandi poteri:
    > dopo aver affiancato per anni funzioni
    > meccaniche, idrauliche o semplicemente
    > elettriche, ora le sostituisce consentendo di
    > ottenere funzioni impensabili con i precedenti
    > sistemi.
    >
    > Purtroppo pare che progettisti e utilizzatori non
    > si vogliano occupare dell'altra faccia della
    > medaglia: se non sono programmati in opportuna
    > ridondanza e sicurezza, questi dispositivi
    > possono lasciare in gravi guai
    > l'utilizzatore.
    >
    > Un diverso approccio ingegneristico, IMHO,
    > sarebbe ora raggiungesse la testa delle aziende.
    >Ficoso


    dal titolo mi sa che hai visto l'uomo ragno recentemente Rotola dal ridere
    non+autenticato