Fisco/ Unico, chi lavora per la versione Linux?

Pubblicato sul portale open source del CNIPA un progetto che potrebbe portare su piattaforma aperta il software fin qui riservato a sistemi proprietari. La strada è tutta in salita

Roma - Alle polemiche che segnano il continuo ricorso da parte del Fisco italiano a software e formati proprietari per moduli e servizi telematici, risponde ora un nuovo interessante progetto pubblicato sul Portale open source del CNIPA, il braccio informatico del Governo.

Lo ha annunciato l'amministratore del progetto, Diego Zanga, che spiega di voler puntare alla creazione di una "correzione dinamica" del software attualmente distribuito dall'Agenzia delle Entrate e dal Ministero della Giustizia, scritto come noto, in Java per sistemi Windows e Mac e di cui al momento non sono distribuiti i sorgenti (in verità mancano anche le licenze).

Il progetto, Linux Java Class Loader, viene sinteticamente presentato così: "Tool per usare applicazioni java per win32/mac su linux: avvia i programmi correggendo dinamicamente i problemi legati a charset, file jar, path. Applicazione: UnicoOnline, Entratel, NIR/Codice a barre". Il tutto naturalmente sotto licenza GPL.
"La prima bozza pubblicata - spiega Zanga - è molto scomoda, dato che si basa sul software Unico 2007 per Windows, che non è accluso". "Lo scopo di questa prima pubblicazione - continua Zanga - è testare il funzionamento del programma, e verificare se questo approccio al problema può costituire una prima soluzione valida".

Il progetto, al quale qualunque sviluppatore open può prestare il proprio contributo, è al momento in cerca di tester: per iniziare basta iscriversi al sito.
70 Commenti alla Notizia Fisco/ Unico, chi lavora per la versione Linux?
Ordina
  • ...a realizzare anche un software per il 730, modello di dichiarazione molto più diffuso dell'Unico.
    E' ridicolo che un contribuente per poterne avere uno debba rivolgersi ad un privato (tipo taxonline), quando lo stato ha già una sua software house già ferrata in materia fiscale (la Sogei) che non ci metterebbe niente a realizzarlo.
    non+autenticato
  • ... è caduto un mito !

    ...non sono solo gli sparagestionaliVB a scrivere male i programmi !!! A bocca aperta

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ... è caduto un mito !
    >
    > ...non sono solo gli sparagestionaliVB a scrivere
    > male i programmi !!!
    >A bocca aperta

    Beh, di sicuro gli sparagestionaliVB sono più aiutati a farlo, ma evidentemente ci sono anche sparagestionaliJava che sono stati in grado di scrivere un programma Java non multipiattaforma. Cioè sono peggio del peggiore sparagestionaliVB.

    TAD
  • > > ... è caduto un mito !
    > >
    > > ...non sono solo gli sparagestionaliVB a
    > scrivere
    > > male i programmi !!!
    > >A bocca aperta
    >
    > Beh, di sicuro gli sparagestionaliVB sono più
    > aiutati a farlo, ma evidentemente ci sono anche
    > sparagestionaliJava che sono stati in grado di
    > scrivere un programma Java non multipiattaforma.
    > Cioè sono peggio del peggiore
    > sparagestionaliVB.
    >
    > TAD
    Ma non era impossibile con giava?A bocca aperta
    non+autenticato
  • > Ma non era impossibile con giava?A bocca aperta

    Non è impossibile. E' sufficiente dare "C:\Programmi...." come percorso per qualche path di file, o in qualche modo richiamare delle librerie di Windows o far aprire explorer.

    I modi per dipendere da Microsoft sono infiniti.

    TAD

  • - Scritto da: TADsince1995
    > > Ma non era impossibile con giava?A bocca aperta
    >
    > Non è impossibile. E' sufficiente dare
    > "C:\Programmi...." come percorso per qualche path
    > di file, o in qualche modo richiamare delle
    > librerie di Windows o far aprire
    > explorer.
    >
    > I modi per dipendere da Microsoft sono infiniti.
    >
    > TAD

    In una giornata (se grosso) si sistema tutto !!!

    Ma se il programmatore NON scrive bene il codice (per svariate ragioni, non solo perchè non è bravo) ovviamente le difficoltà aumentano !!!

    Ecco perchè Java è 1000 volte superiore al C#

    Ciao
    non+autenticato
  • beh pensa che in questo caso NON c'e' il codice, ed il programma viene corretto <dall'esterno>

    ciao C#, benvenuto Java
    non+autenticato
  • > ...non sono solo gli sparagestionaliVB a scrivere
    > male i programmi !!!


    Java è mainstream come VB e sta per essere raggiunto da MS/Java, cioè C#.

    Tutti quelli che si affacciano per la prima volta sul mondo del lavoro in campo IT cercheranno il più possibile di prepararsi e di infarcire il CV di esperienze su linguaggi mainstream.

    Se un'azienda è così cretina da cercare solo fra il personale con il CV infarcito di sigle e siglette dei sistemi, linguaggi e paradigmi che fanno più figo, se possibile junior per pagarlo poco e riempirlo di straordinari, si merita il personale che trova e il codice che produce.

    Java è un discreto linguaggio con una schifezza di implementazione, ma è solo parte del problema dell'informatica italica.
    non+autenticato
  • >Tool per usare applicazioni java per win32/mac su linux

    Ma java una volta non era platform independent ?

    Write once, run many ?

    Mah
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ma java una volta non era platform independent ?
    >
    > Write once, run many ?
    >
    > Mah

    Java è indipendente, sempre che chi lo scriva si attenga alle regole. Se inizia a scrivere i path in stile windows e a collegarsi a librerie MS closed per l'interfaccia allora non è più platform indipendent.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Ma java una volta non era platform independent ?
    > >
    > > Write once, run many ?
    > >
    > > Mah
    >
    > Java è indipendente, sempre che chi lo scriva si
    > attenga alle regole. Se inizia a scrivere i path
    > in stile windows e a collegarsi a librerie MS
    > closed per l'interfaccia allora non è più
    > platform
    > indipendent.

    in pratica, a parte quello che c'è nelle cartelle /examples degli ide java NON è platform indipendent.

    molto bene, s'era capito che è na sòla...
    In lacrime
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > in pratica, a parte quello che c'è nelle cartelle
    > /examples degli ide java NON è platform
    > indipendent.
    >
    > molto bene, s'era capito che è na sòla...
    > In lacrime

    serve un programmatore e due dita di cervello, accluso al fatto che non esiste niente di meglio, il che facilita la scelta
    non+autenticato

  • > Java è indipendente, sempre che chi lo scriva si
    > attenga alle regole. Se inizia a scrivere i path
    > in stile windows e a collegarsi a librerie MS
    > closed per l'interfaccia allora non è più
    > platform
    > indipendent.

    Si questo lo so, ma essendoci anche la versione per Mac, pensavo avessero scritto il codice in maniera indipendente, invece ste bestie devono aver scritto:

    if (windows) fai così
    if (mac) fai pomì

    ripeto il mio:

    Mah
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > Si questo lo so, ma essendoci anche la versione
    > per Mac, pensavo avessero scritto il codice in
    > maniera indipendente, invece ste bestie devono
    > aver
    > scritto:
    >
    > if (windows) fai così
    > if (mac) fai pomì
    >

    hihihihhi ........ si e' cosi'

    ..... per quanto il problema e' che se esegui un applicativo esterno o toppi il crc dei file perche' non verifichi le lettere accentate c'e' poco da fare
    non+autenticato
  • > > Ma java una volta non era platform independent ?
    > >
    > > Write once, run many ?
    > >
    > > Mah

    Potenza del marketingSorpresa

    > Java è indipendente, sempre che chi lo scriva si
    > attenga alle regole. Se inizia a scrivere i path
    > in stile windows e a collegarsi a librerie MS
    > closed per l'interfaccia allora non è più
    > platform
    > indipendent.
    Forse perchè è l'unico modo per avere prestazioni accettabili?A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    [..]
    > > closed per l'interfaccia allora non è più
    > > platform
    > > indipendent.
    > Forse perchè è l'unico modo per avere prestazioni
    > accettabili?A bocca aperta

    Mai avuto problemi di prestazioni, non ne ho idea.

    Certo e' scomodo l'avvio delle librerie per la parte gui, ma impiega piu' mesi word a partire, e fa piu' danni word "al paragone", per cose mitologiche come msgrid32 [problema solo per il dizionario italiano]

    Buttaci un'occhiata e chiediti come sia possibile: in java non e' possibile A PRIORI, non e' questione di essere bravi, e' che se non puoi bruciare un casa, poi non capita incidentalmente per 56 milioni di persone che dovrebbero pagare 400 euro a cranio per office.
    non+autenticato
  • > > > closed per l'interfaccia allora non è più
    > > > platform
    > > > indipendent.
    > > Forse perchè è l'unico modo per avere
    > prestazioni
    > > accettabili?A bocca aperta
    >
    > Mai avuto problemi di prestazioni, non ne ho idea.

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    > Buttaci un'occhiata e chiediti come sia
    > possibile: in java non e' possibile A PRIORI, non
    > e' questione di essere bravi, e' che se non puoi
    > bruciare un casa, poi non capita incidentalmente
    > per 56 milioni di persone che dovrebbero pagare
    > 400 euro a cranio per
    > office.
    Certo, andando a 10 KMH è difficile farsi maleA bocca aperta
    non+autenticato
  • lo e' ancora ed e' il meglio che c'e' in materia di crossplatform sotto OGNI aspetto.

    Certo che quando uno scrive un file usando un charset specifico, e ci fa una routine per il controllo del CRC senza considerare il charset, quando lo usi su linux CAPITA che non funzioni.

    Non funzionano neanche cose come CHIAMARE INTERNET EXPLORER con comandi tipo cmd /start explorer; etc etc.

    Fanno corsi di programmazione: se li segui sai di cosa parli.

    NB
    dimenticavo chi per aprire un file scrive C:\.... sw che poi non va se lo installi sempre in windows, ma sul disco D:....
    non+autenticato
  • > lo e' ancora ed e' il meglio che c'e' in materia
    > di crossplatform sotto OGNI aspetto.

    C a parte Innamorato

    > Certo che quando uno scrive un file usando un
    > charset specifico, e ci fa una routine per il
    > controllo del CRC senza considerare il charset,
    > quando lo usi su linux CAPITA che non
    > funzioni.

    ASCII ti dice niente?A bocca aperta
    non+autenticato
  • due anni fa avevo partita iva e ho usato il programma dell'agenzia delle entrate.
    Non sembra poi così complicato quindi perché non farlo in versione web based in PHP ???
    non+autenticato
  • > perché non
    > farlo in versione web based in PHP

    perche sarebbe una scelta troppo intelligente

    comunque meglio cosi, se dovessero farlo fare a chi ha fatto italia.it vedremmo soldi buttati, inefficienza e magari qualche logo da 100'000 euro fatto da un'azienda americana.
  • beh in primo luogo significa RI-Farlo in PHP,

    in secondo cambia la struttura di questo ed il carico di lavoro da gestire su un server con banda internet [ed i costi conseguenti]

    a meno di non "fare l'applicativo" desktop in php, e sognare che uno si carichi l'applicativo php sul pc
    non+autenticato
  • Beh se creano 10000 pacchetti sfusi come succede in linux col caxxo che la gente perderà tempo ad installarsi tutto ma se si creasse in tutti i 3 casi un pacchetto unico che installa tutto il necessario da apache fino alla serie di script e il tutto risultasse avviabile con un semplice click su desktop forse...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Beh se creano 10000 pacchetti sfusi come succede
    > in linux col caxxo che la gente perderà tempo ad
    > installarsi tutto ma se si creasse in tutti i 3
    > casi un pacchetto unico che installa tutto il
    > necessario da apache fino alla serie di script e
    > il tutto risultasse avviabile con un semplice
    > click su desktop
    > forse...

    Stai parlando di LAMP o WAMP...

    Ha Merli' l'hanno gia' inventata l'acqua calda !
    non+autenticato
  • Si, ma installare apache per far girare un unico programma in PHP mi sembra come usare un'incudine per schiacciare una mosca. A quel punto che lo si faccia davvero in Java, ma fatto bene.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Si, ma installare apache per far girare un unico
    > programma in PHP mi sembra come usare un'incudine
    > per schiacciare una mosca. A quel punto che lo si
    > faccia davvero in Java, ma fatto
    > bene.

    vorrei ricordare a questi luminari dell'informatica che php funziona anche senza apache

    non con questo pero' mi metterei a farlo in php
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > non con questo pero' mi metterei a farlo in php

    Guardate che sotto Firefox e SeaMonkey esiste un plugin che permette d'eseguire PHP senza istallare il server PHP !!!

    Senza contare :
    https://addons.mozilla.org/en-US/firefox/search?q=...

    Ciao
    non+autenticato
  • ...forse sarebbe garantito che solo i grulli si fiderebbero ad usarlo per lavorare
    non+autenticato
  • > due anni fa avevo partita iva e ho usato il
    > programma dell'agenzia delle
    > entrate.
    > Non sembra poi così complicato quindi perché non
    > farlo in versione web based in PHP
    > ???
    Già non va in giava...A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > due anni fa avevo partita iva e ho usato il
    > programma dell'agenzia delle
    > entrate.
    > Non sembra poi così complicato quindi perché non
    > farlo in versione web based in PHP
    > ???

    No, per carità...:)

    Ma perchè questa mania di webbizzare tutto?
    Ormai per far girare un cacchio di soft che occuperebbe di striscio 100Kb in C devi caricare macchine virtuali, server HTML, motori SQL, interpreti, mischiare linguaggi insieme e altre schifezze.

    Non ho niente in contrario al soft che usa il web, ma facciamolo dove realmente serve il web. Bisogna tendere ad usare lo strumento più adatto allo scopo, non semplicemente quello che si ha a disposizione, se no presto o tardi l'involuzione ci porterà a scrivere i kernel in Python perchè è più semplice.
    non+autenticato
  • Ho dato un' occhiata al sorgente; ok che è una bozza ma non c'è una riga di commento, pieno zeppo di costanti hardcoded, javadoc manco a parlarne...
    Non mi sembra che si stia prtendo bene... Triste
  • > Ho dato un' occhiata al sorgente; ok che è una
    > bozza ma non c'è una riga di commento, pieno
    > zeppo di costanti hardcoded, javadoc manco a
    > parlarne...
    > Non mi sembra che si stia prtendo bene... Triste
    Ad un vero programmatore i commenti non servonoA bocca aperta
    non+autenticato
  • > Ad un vero programmatore i commenti non servono

    ma aiutano

    dipende quanto è vero il programmatore che ha scritto il codice
  • > Ad un vero programmatore i commenti non servono
    >A bocca aperta
    >

    ne riparliamo quando dovrai riusare adattando una funzione complessa che hai scritto 2 anni fa.

    In lacrimeIn lacrimeIn lacrime
    ancora mi autoflagello per non aver messo dei // in più.

    Fan AmigaFan LinuxFan Apple
    non+autenticato
  • Si chiama open source perchè te devi poter leggere il sorgente mica capirlo così se hai bisogno di aiuto sganci il centone e non ti lamenti A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > Ho dato un' occhiata al sorgente; ok che è una
    > > bozza ma non c'è una riga di commento, pieno
    > > zeppo di costanti hardcoded, javadoc manco a
    > > parlarne...
    > > Non mi sembra che si stia prtendo bene... Triste
    > Ad un vero programmatore i commenti non servono
    >A bocca aperta
    >

    Deluso
    non+autenticato


  • > Ad un vero programmatore i commenti non servono
    >A bocca aperta
    >
    Si. E infatti in ambienti dove vengono usati tutti i giorni i sorgenti, pagano la gente per cercare di commentare il codice.
    Questo grazie ai "geni" dell'informatica, arrivati a lavorare nel periodo del boom della programmazione e convinti di essere bravi...
    Poi se cambi azienda vuoi anche che ti vengano a cercare per telefono per farti interpretare il codice scritto 5 anni prima?
    In epoca euro mi son trovato a dover modificare programmi scritti da "veri programmatori"...
    dai dai, tanto i programmi li modificherà qualcun altro!!!
    non+autenticato

  • > Ad un vero programmatore i commenti non servono
    >A bocca aperta

    Non diciamo pazzie per favore. I commenti sono importanti quanto il codice stesso, spesso è molto più il tempo che si passa nella modifica che nello sviluppo iniziale.
    Un codice ben commentato è velocemente rileggibile e modificabile anche dopo tempo, velocemente = minor tempo nello sviluppo.

    TAD

  • - Scritto da: TADsince1995
    >
    > > Ad un vero programmatore i commenti non servono
    > >A bocca aperta
    >
    > Non diciamo pazzie per favore. I commenti sono
    > importanti quanto il codice stesso, spesso è
    > molto più il tempo che si passa nella modifica
    > che nello sviluppo
    > iniziale.
    > Un codice ben commentato è velocemente
    > rileggibile e modificabile anche dopo tempo,
    > velocemente = minor tempo nello
    > sviluppo.
    >
    > TAD

    Penso fosse ironico .....
    non+autenticato
  • previo astroturfing [sono "quattro righe"] :

    1.5b e qualche commentoSorpresa)

    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)