Toshiba dà nuova fiducia alle CPU AMD

Cancellando una decisione presa sei anni fa, Toshiba toglie l'esclusiva ad Intel per fare spazio alle CPU di AMD nella propria famiglia di notebook entry-level. Con attesi benefici sui costi - UPDATE

Tokyo - Con una decisione che ricorda quella presa da Dell lo scorso anno, Toshiba ha tagliato il vincolo di esclusiva che la legava ad Intel per la fornitura dei processori. A breve, il quarto produttore al mondo di PC portatili lancerà sul mercato alcuni modelli di notebook basati sui chip di AMD.

Toshiba ha fatto sapere che, almeno inizialmente, utilizzerà le CPU di AMD in alcuni notebook di fascia medio-bassa indirizzati sia al mercato consumer che a quello business. Stando a quanto riportato dal newsmagazine giapponese Nikkei, i laptop equipaggiati con processori AMD dovrebbero costare mediamente una sessantina di euro in meno rispetto ai comparabili modelli Intel-based.

Il colosso giapponese non ha fornito altri dettagli sui computer AMD-based in gestazione, salvo dire che questi arriveranno sui mercati nordamericano ed europeo nel corso dell'estate. Entro la fine dell'anno l'azienda prevede che il 20% dei suoi notebook destinati ai mercati occidentali utilizzerà chip AMD.
Toshiba aveva cessato di produrre notebook basati sui processori di AMD nel 2001. Nei documenti presentati da AMD nel processo antitrust contro Intel, il chipmaker di Sunnyvale sostiene che Toshiba aveva abbandonato i suoi processori dopo aver ricevuto "una sostanziosa somma di denaro" da Intel sotto forma di "sussidi alla vendita condizionati all'uso esclusivo di processori Intel".

Sebbene gli esperti siano concordi nel dire che, nell'ultimo anno, Intel sia riuscita a riguadagnare la leadership tecnologica nel settore dei processori x86, le mosse di Dell e Toshiba dimostrano che il rapporto prezzo-prestazioni delle soluzioni AMD-based è ancora in molti casi concorrenziale: Toshiba, ad esempio, si aspetta che il parziale passaggio ai processori di AMD le consentirà di ridurre il costo complessivo di approvvigionamento dei componenti hardware di almeno il 10%.

Sulla scelta di Toshiba potrebbe aver influito anche la promettente roadmap di AMD per il mercato mobile, che prevede lo sviluppo di una piattaforma wireless potenzialmente in grado di concorrere con quella Centrino di Intel e di una tecnologia, nota con il nome in codice Fusion, per l'integrazione della GPU sui processori multicore.

Update (ore 14,30) - In queste ore AMD ha diffuso un comunicato che fornisce qualche dettaglio in più sulla nuova offerta di notebook AMD-based. Di seguito se ne riporta uno stralcio.
Toshiba si appresta a lanciare tre nuovi notebook della linea Satellite basati sulla piattaforma mobile AMD. Combinando processori dalle prestazioni avanzate con soluzioni dalle eccezionali capacità grafiche, Toshiba arricchirà la propria famiglia di prodotti Satellite con sistemi basati sulla tecnologia mobile dual-core AMD Turion 64 X2 e sul chipset AMD M690. Toshiba, uno dei maggiori produttori di notebook al mondo, prevede di iniziare le consegne di questi nuovi modelli per il segmento consumer in tempo per l'apertura del prossimo anno scolastico.
Toshiba intende effettuare il lancio iniziale dei notebook basati su AMD negli Stati Uniti e in Europa. Toshiba si aggiunge al gruppo di OEM aderenti al programma AMD "Better by Design" che consente ai maggiori produttori di progettare notebook dalle superiori caratteristiche in fatto di prestazioni, grafica e connettività wireless unite a una maggiore efficienza energetica che si traduce in un prolungamento dell'autonomia delle batterie.
4 Commenti alla Notizia Toshiba dà nuova fiducia alle CPU AMD
Ordina
  • AMD si stava addormentando sugli allori di sei anni di supremazia nelle CPU desktop, la rinnovata competitività di intel l'ha svegliata, meglio per noi.
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > AMD si stava addormentando sugli allori di sei
    > anni di supremazia nelle CPU desktop, la
    > rinnovata competitività di intel l'ha svegliata,
    > meglio per
    > noi.

    AMD tornerà a dormire dopo le batoste che prenderà contro le nuove CPU Intel derivate dell'architettura Centrino... Penryn ora e Nehalem 8-core il prossimo anno...
    non+autenticato
  • Sarebbe un peccato se Intel riuscisse a "fare fuori" AMD.

    Anzi, a me piacerebbe che anche Via, con le sue CPU C7, Eden, Corefusion, ... potesse aumentare la sua fetta di mercato.

    La concorrenza ha fatto muovere Intel verso processori migliori del vecchio P4, ora fa muovere AMD verso processori migliori dei vecchi Athlon, finalmente, tra l'altro, verso processori a minore consumo rispetto alle vecchie stufette.

    Idealmente, a mio parere, AMD potrebbe concentrarsi su fasce di mercato dove Intel è meno forte e svilupparle fino ad avere una certa sovrapposizione con le fasce di Intel.

    Per fortuna AMD sembra avere una grande storia di operatività in situazioni di mercato abbastanza complicate.

    madder
  • Sei anni di supremazia li hai letti su novella 3000? Forse due anni e mezzo di "gloria" sì, ma sei non stanno da nessuna parte. E cmq di assi nella manica deve averne per farsi notare nel comparto notebook, i prodotti devono essere competitivi per prestazioni ed autonomia con quelli dotati di tecnologia Intel e non sarà facile. Il mio sentore è che negli ultimi tempi AMD stia giocando al bluff, se non tira fuori una mano veramente vincente per tempo perde non solo il piatto ma anche la camicia.
    non+autenticato