OpenOffice alza bandiera rossa

La Chinese Academy of Science, attraverso la propria sussidiaria Redflag, presterà al progettone open source 50 dipendenti che lavoreranno full-time per migliorare la suite ed estenderne le funzionalità

Santa Clara (USA) - La Cina diverrà presto uno dei maggiori contributori del progetto OpenOffice.org. A darne notizia è Sun, che la scorsa settimana ha stretto un accordo di collaborazione con la società Redflag Chinese 2000 Software, sviluppatrice di una versione di OpenOffice in lingua cinese chiamata RedOffice.

In base all'accordo, Redflag metterà a disposizione di OpenOffice.org 50 ingegneri e sviluppatori a tempo pieno, alcuni dei quali lavorano alla suite open source già da diversi mesi.

Sebbene il gruppo di sviluppo cinese focalizzerà la propria attenzione su RedOffice, estendendone le funzionalità e migliorandone il supporto alla lingua mandarina, Sun ne coordinerà il lavoro in modo tale che buona parte dei contributi al codice possano essere condivisi anche da OpenOffice.
"Avere 50 persone in più che lavorano a tempo pieno su OpenOffice è davvero utile: ci sono molte cose interessanti che possono essere realizzate solo se si ha il sufficiente numero di persone", ha scritto sul proprio blog Malte Timmermann, dipendente di Sun e technical architect di OpenOffice.org. "(Questa collaborazione, NdR) dovrebbe portare nuove e più avanzate funzionalità, alcune utili a tutti, altre specifiche per certe regioni".

Sun non ha detto se nei progetti lanciati con Redflag vi sia anche l'eventuale implementazione, in OpenOffice, del formato cinese dei documenti Uniform Office Format (UOF): tale ipotesi, come si ricorderà, era stata ventilata dal chairman di Sun in un recente incontro con alcuni rappresentanti del Governo cinese.

Redflag è una società controllata dalla Chinese Academy of Science, un'organizzazione governativa che coordina il lavoro di oltre un centinaio di università e istituti di ricerca cinesi.
118 Commenti alla Notizia OpenOffice alza bandiera rossa
Ordina
  • Ehhh! Addirittura il regime comunista cinese si erge pubblicamente a sviluppatore di OpenSource...
    con il solo intento di usarlo come arma per abbattere l'economia occidentale.
    non+autenticato
  • Comunismo in Cina? ma da che mondo vieni? da quello delle favole? la Cina e' il paese col capitalismo + aggressivo che esista.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Comunismo in Cina? ma da che mondo vieni? da
    > quello delle favole? la Cina e' il paese col
    > capitalismo + aggressivo che
    > esista.

    Tu sei fuori di testa. In Cina c'è il più grande regime comunista del mondo. Il capitalismo lo usano i capi del regime per piegare l'economia occidentale.
    Sveglia !
    non+autenticato
  • troll-lol-lol-lol Troll occhi di fuori
  • Il troll ha ragione, la Cina è capitalista al di fuori, ma al proprio interno vige la sudditanza. Nelle più grandi aziende è il segretario del partito che dirige la baracca, mica l'imprenditore di turno!
    non+autenticato
  • sostituisci comunismo con petroldollari e vedrai che se la frase rimane in piedi la differenza svanisce
    non+autenticato
  • Diamo atto a Punto Informatico per aver finalmente partorire un articolo neutrale sulla Cina senza i soliti sgraditi commenti idioti e personali in chiave anti-cinese.

    Che Dio porti luce tra le tenebre.





    Il Detrattore,
    Pechino

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Diamo atto a Punto Informatico per aver
    > finalmente partorire un articolo neutrale sulla
    > Cina senza i soliti sgraditi commenti idioti e
    > personali in chiave
    > anti-cinese.
    >
    > Che Dio porti luce tra le tenebre.
    >
    >
    >
    >
    >
    > Il Detrattore,
    > Pechino
    >

    E che il Tao illumini il nostro cammino... cioè lontano, molto lontano da USA e Cina.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Diamo atto a Punto Informatico per aver
    > finalmente partorire un articolo neutrale sulla
    > Cina senza i soliti sgraditi commenti idioti e
    > personali in chiave
    > anti-cinese.
    >
    > Che Dio porti luce tra le tenebre.
    >
    >
    >
    >
    >
    > Il Detrattore,
    > Pechino
    >

    Tutte ste storie perchè tua moglie è cinese.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Diamo atto a Punto Informatico per aver
    > > finalmente partorire un articolo neutrale sulla
    > > Cina senza i soliti sgraditi commenti idioti e
    > > personali in chiave
    > > anti-cinese.
    > >
    > > Che Dio porti luce tra le tenebre.
    > >
    > >
    > >
    > >
    > >
    > > Il Detrattore,
    > > Pechino
    > >
    >
    > Tutte ste storie perchè tua moglie è cinese.

    Un altro rinnegato per colpa della topa, come il Degni che ha sposato una croata e da abruzzese lazzziale (doh!) fa il talebano filoslavo e rimpiange il maresciallo tito.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Diamo atto

    non ce ne frega un cazzo dei tuoi atti.
    SEI OT
    non+autenticato
  • E' proprio di ieri la notizia,
    (http://punto-informatico.it/p.aspx?id=2008041&r=PI)
    qui su PI, del rapporto degli USA sugli enormi investimenti (100 Giga$) della Cina nel settore del cyberwar, quindi virus, crack, exploit. Lo scopo è chiaramente di attaccare informaticamente per spiare o attaccare qualsiasi azienda o ente extra-muraglia.
    Cosa c'è di più facile, per inserire backdoor abusive in un programma, che avere i propri uomini tra i programmatori dello stesso ?

    2 + 2 fa 4


  • > Cosa c'è di più facile, per inserire backdoor
    > abusive in un programma, che avere i propri
    > uomini tra i programmatori dello stesso
    > ?


    farsi finanziare dal dipartimento di stato, assumere programmatori legati ai servizi e vendere un programma closed source


    > 2 + 2 fa 4

    ma 4 mele non sono comparabili con 4 pere
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    >
    > > Cosa c'è di più facile, per inserire backdoor
    > > abusive in un programma, che avere i propri
    > > uomini tra i programmatori dello stesso
    > > ?
    >
    >
    > farsi finanziare dal dipartimento di stato,
    > assumere programmatori legati ai servizi e
    > vendere un programma closed source
    >
    >
    >
    > > 2 + 2 fa 4
    >
    > ma 4 mele non sono comparabili con 4 pere

    Preferisco essere controllato da un'azienda seria e perbene come Microsoft, che essere spiato da un branco di comunisti malvagi e criminali come Stallman, Torvalds e i servizi segreti cinesi.

    Fan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan Windows
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > >
    > > > Cosa c'è di più facile, per inserire backdoor
    > > > abusive in un programma, che avere i propri
    > > > uomini tra i programmatori dello stesso
    > > > ?
    > >
    > >
    > > farsi finanziare dal dipartimento di stato,
    > > assumere programmatori legati ai servizi e
    > > vendere un programma closed source
    > >
    > >
    > >
    > > > 2 + 2 fa 4
    > >
    > > ma 4 mele non sono comparabili con 4 pere
    >
    > Preferisco essere controllato da un'azienda seria
    > e perbene come Microsoft, che essere spiato da un
    > branco di comunisti malvagi e criminali come
    > Stallman, Torvalds e i servizi segreti
    > cinesi.
    >
    > Fan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan Windows


    Allora vai a vivere in usa; secondo il rapporto Europeo su Echelon proprio gli usa sono i peggio spioni al mondo, se perdi soldi nel tuo lavoro e' colpa loro.
    non+autenticato
  • Queste cose le scrivi quando sei in ufficioe ti controllano che faccia per bene il tuo lavoro di astroturfer?

    Scommetto che da casa non perdi occasione per sputare su M$.

    non+autenticato
  • Son convinto che già oggi lo facciano con office. Almeno openoffice è open e qualche programmatore con volgia può scoprire queste cose.
    Con office MS non è possibile farci nulla, con l'open ci puoi analizzare il codice.

    E comunque 50 sono si tanti, ma ancora pochi rispetto a quelli che già ci lavorano

  • - Scritto da: PedroMaltese
    > Cosa c'è di più facile, per inserire backdoor
    > abusive in un programma, che avere i propri
    > uomini tra i programmatori dello stesso
    > ?
    >
    > 2 + 2 fa 4

    Continua a fare 2+2 che è una cosa alla tua portata. Quando i cinesi danno il codice a Sun con le backdoor abusive secondo te quelli di SUN, Novell e tutta l'altra gente che si spulcia il codice ogni giorno non se ne accorge eh?
    non+autenticato


  • > Continua a fare 2+2 che è una cosa alla tua
    > portata. Quando i cinesi danno il codice a Sun
    > con le backdoor abusive secondo te quelli di SUN,
    > Novell e tutta l'altra gente che si spulcia il
    > codice ogni giorno non se ne accorge
    > eh?

    Sei proprio un ingenuotto.
    Sai che qualche anno fa qualcuno ha violato i server dove erano custoditi i sorgenti del kernel di LINUX ?
    Tra le milioni di righe di codice era bastato cambiare un "==" in un "=" in una if che testava i flag dei processi per aprire una falla attraverso cui un processo, con i flag forgiati ad arte, automaticamente otteneva i massimi privilegi.
    Se ne sono accorti quasi per caso!
    E solo confrontando le vecchie versioni del sorgente hanno capito che era stato fatto apposta. Altrimenti avrebbe potuto essere benissimo un errore umano.


  • Secondo me è stato Giorgino W. Bush e i suoi compari con le manie di controllo globale... Sorride

    Comunque come hai visto se ne sono accorti.
    E da qual giorno si è lavorato parecchio in contromisure atte a confrontare codici, intrusioni e bug pericolosi.

    Cosa ne sappiamo invece di quali schifezze ci sono dentro Windows e il software closed?

    non+autenticato

  • - Scritto da:

    > Comunque come hai visto se ne sono accorti.

    ROFTL... COME CAZZO PENSI SIA POSSIBILE CITARE UN CASO IN CUI NON SE NE E' ACCORTO NESSUNO?????
    SE LO CITI VUOL DIRE CHE QUALCUNO SE NE E' ACCORTO.
    CHISSA' QUANTI ALTRI CE NE SONO E NESSUNO SE NE E' ACCORTO.

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    >
    > > Comunque come hai visto se ne sono accorti.
    >
    > ROFTL... COME CAZZO PENSI SIA POSSIBILE CITARE UN
    > CASO IN CUI NON SE NE E' ACCORTO
    > NESSUNO?????
    > SE LO CITI VUOL DIRE CHE QUALCUNO SE NE E'
    > ACCORTO.
    > CHISSA' QUANTI ALTRI CE NE SONO E NESSUNO SE NE
    > E'
    > ACCORTO.


    Se ne sono sempre accorti nell'arco di pochi gg, mentre non sono mai stati scoperti casi di cose del genere presenti da mesi... A meno che non ne hai trovati tu... I sorgenti sono li' dimostracelo.
    non+autenticato
  • se la logica del software libero è quella di collaborare con chi uccide le libertà, allora c'è da piangere.
    non+autenticato
  • Il software open lo può usare chiunque senza distinzioni. Quindi anche i cinesi nonostante non siano esattamente dei santi...

  • > se la logica del software libero è quella di
    > collaborare con chi uccide le libertà, allora c'è
    > da
    > piangere.

    la logica del software libero é quella di offrire la possibilità di un uso pieno del software, non di dare giudizi morali su chi lo sviluppa solo in base alla provenienza

    in ogni caso il sorgente é controllabile

    d'altra parte quando si compra software commerciale d'oltreoceano mica la meniamo sul fatto che collaboriamo all'invasione dell'iraq

    e quando usiamo mosix mica guardiamo la nazionalità dell'autore e diciamo che collaboriamo al genocidio palestinese

    sulla limitazione delle libertà sono d'accordo se ti da fastidio da DOVUNQUE provenga e non solo da est, dal momento che che é più diffusa di quanto pensi, ti consiglio di dare un'occhiata alle leggi usa dal patriot act in poi, alle leggi sul mediattivismo in francia (pre-sarkozy, fra l'altro), alle leggi australiane di little john, e a quello che consentono di fare le nostre leggi con il pretesto di privacy , anti terrorismo e antipedoporno

    non+autenticato
  • > e quando usiamo mosix mica guardiamo la
    > nazionalità dell'autore e diciamo che
    > collaboriamo al genocidio
    > palestinese

    Ma quale genocidio: ma piantatela di difendere 4 pezzenti che stanno rompendo i coglioni al mondo da 60 anni.

    Fan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan Windows
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > e quando usiamo mosix mica guardiamo la
    > > nazionalità dell'autore e diciamo che
    > > collaboriamo al genocidio
    > > palestinese
    >
    > Ma quale genocidio: ma piantatela di difendere 4
    > pezzenti che stanno rompendo i coglioni al mondo
    > da 60
    > anni.
    >
    > Fan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan WindowsFan Windows

    Non il modo più elegante per dirlo, ma essenzialmente corretto.
    Inoltre, per protestare contro il genocidio dei palestinesi uno dovrebbe boicottare i palestinesi stessi, dato che sembra che riescano bene a farlo anche senza aiuto esterno.
  • Beh, se si parla di uccisori, di libertà e di uomini, allora dovremmo ben guardarci anche dagli USA. Anzi, soprattutto dagli USA... Occhiolino

    - Scritto da:
    > se la logica del software libero è quella di
    > collaborare con chi uccide le libertà, allora c'è
    > da
    > piangere.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Beh, se si parla di uccisori, di libertà e di
    > uomini, allora dovremmo ben guardarci anche dagli
    > USA. Anzi, soprattutto dagli USA...
    > Occhiolino
    >
    > - Scritto da:
    > > se la logica del software libero è quella di
    > > collaborare con chi uccide le libertà, allora
    > c'è
    > > da
    > > piangere.

    sono ancora l'autore del post iniziale.

    1- sono anti-USA e odio Bush e chi la pensa come lui sotto ogni latitudine.

    2- non si può paragonare onestamente il modo di amministrare la giustizia e i vari diritti civili all'interno del proprio paese (al di fuori, USA e Cina sono sullo stesso piano,, ognuno si fa i suoi sporchi giochi). Se si è in buona fede, almeno su questo, USA-CINA 100 a 0.

    3- Ci si scandalizza su Microsoft e tutto il closed source per motivi "morali/etici" e poi mi tocca leggere che: "la logica del software libero é quella di offrire la possibilità di un uso pieno del software, non di dare giudizi morali su chi lo sviluppa solo in base alla provenienza...eccetera"

    cerchiamo di essere giusti, grazie.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Beh, se si parla di uccisori, di libertà e di
    > > uomini, allora dovremmo ben guardarci anche
    > dagli
    > > USA. Anzi, soprattutto dagli USA...
    > > Occhiolino
    > >
    > > - Scritto da:
    > > > se la logica del software libero è quella di
    > > > collaborare con chi uccide le libertà, allora
    > > c'è
    > > > da
    > > > piangere.
    >
    > sono ancora l'autore del post iniziale.
    >
    > 1- sono anti-USA e odio Bush e chi la pensa come
    > lui sotto ogni
    > latitudine.
    >
    > 2- non si può paragonare onestamente il modo di
    > amministrare la giustizia e i vari diritti civili
    > all'interno del proprio paese (al di fuori, USA e
    > Cina sono sullo stesso piano,, ognuno si fa i
    > suoi sporchi giochi). Se si è in buona fede,
    > almeno su questo, USA-CINA 100 a
    > 0.
    >
    > 3- Ci si scandalizza su Microsoft e tutto il
    > closed source per motivi "morali/etici" e poi
    > mi tocca leggere che: "la logica del software
    > libero é quella di offrire la possibilità di
    > un uso pieno del software, non di dare giudizi
    > morali su chi lo sviluppa solo in base alla
    > provenienza...eccetera"

    Riguardo a microsoft ci si lamenta per il monopolio, per l'abuso di posizione dominante, perche' preferisce continuare a delinquere e pagare le multe, per omicidio della concorrenza; tutti motivi molto piu' pratici che morali/etici.

    > cerchiamo di essere giusti, grazie.

    Appunto...
    non+autenticato
  • Scusate, ma accendere il cervello prima di postare, no? Non è che si possa sparare la prima fesseria venuta in mente.
    OpenOffice ha forse siglato un accordo con il Partito Comunista Cinese? No. L'accordo è con una società privata.
    Mica vorrai dire che tutto il popolo cinese deve essere condannato perché soggetto ad una dittatura? (cioè, oltre al danno la beffa).

    Ma per favore...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    [...]
    > OpenOffice ha forse siglato un accordo con il
    > Partito Comunista Cinese? No. L'accordo è con una
    > società
    > privata.
    [...]

    È controllata da un ente governativo, ma questo non inficia per niente il tuo pensiero... anzi, le avesse la nostra "democrazia" società così!
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > [...]
    > > OpenOffice ha forse siglato un accordo con il
    > > Partito Comunista Cinese? No. L'accordo è con
    > una
    > > società
    > > privata.
    > [...]
    >
    > È controllata da un ente governativo, ma questo
    > non inficia per niente il tuo pensiero... anzi,
    > le avesse la nostra "democrazia" società
    > così!

    È controllata da un ente governativo ?
    È controllata da un ente governativo ??
    È controllata da un ente governativo ???

    Bhe, allora e' come quelli che hanno fatto un buon 80% di implementazioni di SELinux.
    non+autenticato
  • da allora ci sono state delle novità?
    secondo me è parecchio migliorabile, soprattutto per come gestisce gli indici e i sommario e altre cose..

    ps. mi sa che i cinesi si sono buttati su open office perchè forse ha uqalche limitazione sulla loro lingua..

    magari riuscissero ad accelerazre il carimento!!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)