La PA italiana si dota di computer Linux

Aumentano i casi di acquisto di Linux, come dimostra un bando della Consip, che si prepara ad acquistare 75mila PC, molti dei quali potranno essere dotati di sistema operativo open source. Il trusted computing? Un plus

Roma - Sì, ci sono alcune incertezze nel capitolato d'appalto della gara indetta da Consip per l'acquisto di decine di migliaia di PC per le pubbliche amministrazioni - qua e là invece di Linux si scovano dei "Linus" o dei "linux" - epperò rappresenta senz'altro una significativa notizia il fatto che molti dei 75mila desktop che si vogliono acquistare potranno montare una distribuzione Linux. Una conferma, dunque, della crescente pur claudicante attenzione della PA verso il software open source.

La gara della società che cura gli acquisti per la PA, qui il bando, si chiuderà il 22 giugno ed è suddivisa in tre lotti, vale a dire che le aziende che vorranno concorrere potranno presentare offerte per uno o più lotti. Per ciascuno di questi lotti è prevista la possibilità di offrire PC che montino sistemi Linux: quale distribuzione del Pinguino non viene specificato, perché saranno i fornitori a scegliere quella che riterranno meglio rispondente ai requisiti tecnici imposti dalla gara.

Tra gli altri elementi di interesse di questa gara anche il fatto che il sistema operativo proprietario indicato sia Windows Vista Business, e che insieme ad altre tecnologie venga considerata elemento di pregio (ma non indispensabile) la presenza di un processore TPM 1.1 o superiori, il ben noto Fritz chip, cuore delle controverse architetture di trusted computing.
Rimanendo su questa gara Consip, va infine citata l'attenzione alla compatibilità ambientale: i fornitori dovranno dimostrare che i propri prodotti siano certificati dagli organismi europei di settore e che, come tali, rispondano alle attuali possibilità di contenimento dei consumi energetici informatici. Non solo, dovranno anche andare incontro alle richieste del bando sullo smaltimento dei computer obsoleti che verranno sostituiti.
85 Commenti alla Notizia La PA italiana si dota di computer Linux
Ordina
  • Data la triste situazione italiana dal punto di vista della penetrazione del software libero presso la PA, ci si accontenta di quel poco che c'è e si plaude anche a queste notizie.

    C'è però da chiedersi per quale motivo la presenza di un TPM sia da considerare un "elemento di pregio", e come sia possibile che si parli di windows vista business quando gli addetti ai lavori sanno benissimo che in campo aziendale un prodotto consolidato è preferibile alla novità per motivi di affidabilità e compatibilità con l'esistente.

    Probabilmente la competenza di chi ha redatto il bando non era all'altezza della situazione, oppure (cosa che ritengo, purtroppo, più probabile) le solite pressioni lobbistiche hanno fatto sì che non si riuscisse ad osare di più...

    Spero che iniziative come questa, unite all'azione legislativa portata avanti soprattutto dai Verdi (famoso ormai il nome di Fiorello Cortiana) servano a proseguire, anche se lentamente, nella giusta direzione.
    non+autenticato
  • C'è un lavoro di fino del marketing nelle brochure e nelle riviste business che sta inculcando nella testa di manager e responsabili acquisti che TPM è bene, è tecnologia di sicurezza che serve e servirà alle aziende per difendere il frutto del proprio business.

    Il germe della discordia, del telecontrollo e del male si sta insinuando passando per tecnologia buona che farà i nostri interessi.

    non+autenticato
  • E cmq trovo decisamente positivo il fatto di non far volare i nostri soldi ad una societa Americana.
    Sono consapevole che cmq non pochi vi mangiano dal contorno del SO di BigM ma volete mettere la soddisfazione per una volta di usare per noi il nostro denaro?
    Ok magari (sicuro come il sole) qlche furbo vi sarà di sicuro e altri SO non daranno la stessa immediatezza di Microsoft ma pensiamo anche alla sicurezza.

    Gia argomenti come echelon mi danno i brividi, ma l'NSA che mette mani a Vista?
    Il codice chiuso e le operazioni trusted piu o meno gestite(come?Non lo so io mi sono arenato al sito https://www.trustedcomputinggroup.org/home)
    Insomma non vedo perche dopo casi come lantern, Thomson-Csf Fr dovremmo ancora affidare i nostri soldi e i nostri dati a chi un po per aspirazione un po per l'aria che tira oggi(America ancora paese della liberta?) non li merita.
    Costa piu fatica?
    Bene, disposto a farla pur di non rimanere sotto un sistema che non mi appartiene e che non voglio.
    Bye
  • Bisogna riconsocere a questi fanatici del pinguino che sono riusciti a fare sufficientemente chiasso da far credere alla gente comune che "è arrivato linux"... moderno e che porti chissà quale vento di rivoluzioni tecnologiche...

    Ah ... non appena tutti faranno le esperienze con linux (che ricordo è solo un vecchio unix monolitico rivisto con una grafica tutta bacata) ci faremo quattro grasse risate Occhiolino
    non+autenticato
  • vedremo...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Bisogna riconsocere a questi fanatici del
    > pinguino che sono riusciti a fare
    > sufficientemente chiasso da far credere alla
    > gente comune che "è arrivato linux"... moderno e
    > che porti chissà quale vento di rivoluzioni
    > tecnologiche...
    >
    > Ah ... non appena tutti faranno le esperienze con
    > linux (che ricordo è solo un vecchio unix
    > monolitico rivisto con una grafica tutta bacata)
    > ci faremo quattro grasse risate
    >Occhiolino


    Guarda per adesso vedo la gente che lo prova tenere windows solo per i giochi e consigliare linux agli amici...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Bisogna riconsocere a questi fanatici del
    > > pinguino che sono riusciti a fare
    > > sufficientemente chiasso da far credere alla
    > > gente comune che "è arrivato linux"... moderno e
    > > che porti chissà quale vento di rivoluzioni
    > > tecnologiche...
    > >
    > > Ah ... non appena tutti faranno le esperienze
    > con
    > > linux (che ricordo è solo un vecchio unix
    > > monolitico rivisto con una grafica tutta bacata)
    > > ci faremo quattro grasse risate
    > >Occhiolino
    >
    >
    > Guarda per adesso vedo la gente che lo prova
    > tenere windows solo per i giochi e consigliare
    > linux agli
    > amici...

    sei proprio sicuro?

    io quelli che ho visto provare linux sono fuggiti in notte fonda tra le campagne nudi a urlare a squarcia gola: AIUTOOOOO!!!

    l'unico che conosco è che tiene una fedora su VMware sono io... la uso rarissimamente per dei test di compatibilità
    non+autenticato

  • >
    > io quelli che ho visto provare linux sono fuggiti
    > in notte fonda tra le campagne nudi a urlare a
    > squarcia gola:
    > AIUTOOOOO!!!

    si ma poi quando si sono allontanati abbastanza da te si sono rimessi a tromb...
    non+autenticato
  • io di sciocchi ne conosco meno di teRotola dal ridere
    non+autenticato
  • Consiglio Ubuntu Linux da installare sulla stessa macchina dove hai già Windows per provare, così con calma lo valuti.
    Comunque per la PA italiana dove la maggior parte delle operazioni è limitata a redazione documenti e determine, lettere etc. OpenOffice sotto Linux è più che adeguato e si ha la certezza di usare un sistema sicuro, libero.
    Una difficoltà invece la vedo nell'integrazione di programmi "verticali" già esistenti, ma a tal fine possono essere d'aiuto: Crossover Linux, Wine, Vmware, Virtualbox.
    Al momento, non so se esistono programmi specifici per la PA sotto Linux ma credo che basterà attendere e verrà effettuato il porting di applicazioni esistenti.
    Staremo a vedere.
    Intanto a casa uso Ubuntu Linux e mi ci trovo veramente, ma veramente, bene.
    Poi del resto staremo a vedere...!
    non+autenticato
  • > Al momento, non so se esistono programmi
    > specifici per la PA sotto Linux ma credo che
    > basterà attendere e verrà effettuato il porting
    > di applicazioni
    > esistenti.

    I programmi per le PA verranno realizzati per Linux quando sarà un po' diffuso, lo sforzo che devono fare le aziende che li producono è importante perché in genere usano un visual basic stentato
    non+autenticato
  • Dove divo io l'altro giorno parlavo con un assessore ( che poi ha dato le dimissioni ).

    Non ricordo se si erano dimenticati o hanno fatto due gare di appalto diverse.

    Prima hanno preso i PC, poi le licenze di windows.
    Non OEM, ma quelle Retail.

    Vorrei sapere chi ha fatto la consulenza..... 4 cose gliele vorrei dire.
    Non dico usare una distro Linux, ma almeno la licenza OEM.
  • Sì comunque questi casi di spreco di denaro pubblico configurano una responsabilità patrimoniale (e penale) di chi li ha compiuti.
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > Sì comunque questi casi di spreco di denaro
    > pubblico configurano una responsabilità
    > patrimoniale (e penale) di chi li ha
    > compiuti.

    sì ma tanto restano regolarmente impuniti...
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > - Scritto da:
    > > Sì comunque questi casi di spreco di denaro
    > > pubblico configurano una responsabilità
    > > patrimoniale (e penale) di chi li ha
    > > compiuti.
    >
    > sì ma tanto restano regolarmente impuniti...

    per voi classici comunisti del linux non puoi fare nulla contro il vostro volere... che zac! senti già il tintinnio di manette

    non+autenticato
  • io sento il rumore dei criceti nel tuo cervelletto
    non+autenticato
  • > per voi classici comunisti del linux non puoi
    > fare nulla contro il vostro volere... che zac!
    > senti già il tintinnio di
    > manette

    A geniaccio, sto semplicemente dicendo che se un dirigente vuole comprare 100 computer 100 licenze MS li deve comprare insieme, in modo da pagare le licenze come OEM e non come RETAIL.
    Non ha senso comprare 100 PC e contestualmente 100 licenze RETAIL, guarda che i soldi buttati sono anche tuoi.
    non+autenticato
  • > A geniaccio, sto semplicemente dicendo che se un
    > dirigente vuole comprare 100 computer 100 licenze
    > MS li deve comprare insieme, in modo da pagare le
    > licenze come OEM e non come
    > RETAIL.
    > Non ha senso comprare 100 PC e contestualmente
    > 100 licenze RETAIL, guarda che i soldi buttati
    > sono anche
    > tuoi.

    può aver senso se le acquisti con una qualche offerta multilicenza della M$, e vedere se a conti fatti viene a costare meno di 100 licenze OEM.
    Senza considerare il non dover fare 100 attivazioni e poter usare i ghost senza doverti rompere le OO a cambiare numero di serie in ogni PC
  • Che tristezza,
    richiedere almeno 1 giga di RAM, un processore carrozzato e consumare costantemente tantissimi Watt per far girare qualche form per cui basterebbero 256 mega e un processore entry level...
    tanto paghiamo noi...
  • E che si blocca di continuo.

    Ho preso un nuovo laptop core2 duo Toshiba proprio questa settimana, ci ho trovato Vista e oltre che lento si impalla di continuo. Non so se siano i driver di qualche componente del laptop forniti da Toshiba, spero che diano qualche aggiornamenti nel loro sito perché è allucinante!!!
    Pare di essere tornati a Win95A (la prima edizione ancora parzialmente a 16bit) o WinME.

    Ci ho installato Ubuntu Linux in dual boot ed ha riconosciuto tutte le periferiche al primo colpo e funziona benissimo con una stabilita che Vista si sogna, ma soprattutto pare di avere un computer molto ma molto più veloce che con Vista.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    [...]
    > Ci ho installato Ubuntu Linux in dual boot ed ha
    > riconosciuto tutte le periferiche al primo colpo
    > e funziona benissimo con una stabilita che Vista
    > si sogna, ma soprattutto pare di avere un
    > computer molto ma molto più veloce che con
    > Vista.

    E pensa che Ubuntu così come viene installato è tutt'altro che performante!
    non+autenticato

  • - Scritto da: gipoint
    > Che tristezza,
    > richiedere almeno 1 giga di RAM, un processore
    > carrozzato e consumare costantemente tantissimi
    > Watt per far girare qualche form per cui
    > basterebbero 256 mega e un processore entry
    > level...
    > tanto paghiamo noi...

    un gb di ram per muovere il puntatore...

    1 gb di ram per tenere aperto exploder

    1 gb di ram per tener aperto madia player

    1 gb per aereo

    1 gb di ram per... ops vista e'un sistema operativo del futuro ed e' a 32 bit

    quindi tutta sta ram se la sogna...
    non+autenticato
  • - Scritto da: gipoint
    > Che tristezza,
    > tanto paghiamo noi...

    Lavoro per una piccola PA (parco regionale) e settimana scorsa dovevo prendere 2 piccoli PC da usare in un centro visite.
    Ho chiesto un preventivo con Vista Business OEM, totale 350+iva.
    Al che li richiamo per sapere quanto veniva lo stesso pc senza Vista = 250+iva ....... alla faccia!
    "Ok, me li dia senza sistema operativo!" e ci ho installato Ubuntu. risparmio totale = 240 euri di soldi pubblici (le nostre tasse).
    Tutti contenti tranne Zio Bill... alla faccia sua!
    non+autenticato

  • - Scritto da: gipoint
    > Che tristezza,
    > richiedere almeno 1 giga di RAM, un processore
    > carrozzato e consumare costantemente tantissimi
    > Watt per far girare qualche form per cui
    > basterebbero 256 mega e un processore entry
    > level...
    > tanto paghiamo noi...

    Lavoro nella P.A. e non posso che darti ragione...
    Open Source tanto sbandierato sulla stampa ed invece dietro le quinte i nostri politici stanno vendendo l'anima a Bill, bah
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)