iTunes Plus, una protezione c'è

Sparito il DRM non sparisce naturalmente il divieto di condividere illegalmente la musica online. E i brani acquistati rimangono comunque tracciabili

Roma - I brani disponibili da 24 ore circa nella sezione Plus dell'iTunes Store sono privi delle consuete protezioni DRM. Questo significa che è possibile per il proprietario spostarli ed utilizzarli nel modo che preferisce: ma condividerli su una rete P2P non sarebbe solo illegale, significherebbe anche mandare in giro i propri dati.

Ogni file "DRM-free", infatti, ora incorpora il nome dell'acquirente e l'account iTunes con il quale è stato acquistato: se qualcuno dovesse decidere di far girare un pezzo o un intero album, risalire al colpevole sarebbe estremamente facile. Se ne sono accorti in parecchi in rete, quando hanno visto comparire due nuove voci tra le informazioni aggiuntive che vengono fornite a corredo di ciascun brano acquistato (vedi foto qui sotto).

Lo stesso principio varrebbe nella malaugurata ipotesi di un conoscente che dovesse fare lo stesso con un brano prestatogli: il contratto sottoscritto all'atto dell'acquisto impone al compratore di non condividere i propri acquisti con nessuno, per non incorrere nello stesso tipo di reato di chi rilascia senza autorizzazione un prodotto coperto da copyright in una rete di file sharing.
Il nuovo formato "plus" consente infatti di ascoltare o spostare i propri brani su qualsiasi dispositivo compatibile con il formato ACC, e di masterizzarli tutte le volte che si desidera: ma la musica resta pur sempre protetta dai diritti d'autore di chi l'ha scritta e di chi l'ha pubblicata. L'acquisto rende l'individuo proprietario esclusivo, senza la possibilità di cedere alcunché a terzi.

Apple ha scelto di rinunciare al DRM nella speranza che questo possa contribuire ad accrescere il suo business: qualcuno si domanda se non si tratti di un rischio per la privacy inserire certi dati in una canzone, ma è fin troppo ovvio che la scelta di Cupertino sia una tutela non casuale, difficile credere ad una futura retromarcia.

L'accordo con EMI permette in ogni caso ad Apple di essere ancora una volta la prima nel suo campo: oggi iTunes è in grado di offrire brani di artisti prestigiosi come David Bowie e Paul McCartney privi di protezioni DRM, e con una qualità realmente superiore al passato grazie al bitrate raddoppiato (sebbene questa scelta non abbia convinto proprio tutti).

Luca Annunziata
45 Commenti alla Notizia iTunes Plus, una protezione c'è
Ordina
  • dovrebbero essere presenti nel contenitore mp4,quindi estraendo l'audio aac si dovrebbe avere un file senza informazioni.sbaglio?
    non+autenticato
  • Ma se io masterizzo un CD con questi file e poi rippo il cd, secondo voi le info rimangono?

    forse si...

    O meglio, se rippo il flusso audio, i dati rimangono?

    E se converto un po di volte i file?

    secondo me no.


    Qualcuno sa qualcosa in più?

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ma se io masterizzo un CD con questi file e poi
    > rippo il cd, secondo voi le info rimangono?

    ovviamente no, ma quello lo puoi fare da sempre, anche con quelli protetti con DRM
    non+autenticato
  • come è già stato fatto più volte notare, queste informazioni sono sempre state presenti.

    inoltre sono memorizzate in chiaro all'intenro del file (anche di quelli con fairplay), basta pochissimo per andarle a sostituire manualmente, basta impiegare due stringhe di testo della medesima lunghezza. uno scriptino che lo faccia in automatico è semplicissimo da confezionare, anzi già c'è: basta fare una ricerca e sostituzione automatica con textwrangeler (gratis…), sicuramente c'è qualcosa di simile anche per win.

    insomma, alla scoperta dell'acqua calda…

    senza contare che, ovviamente, quei files non dovrebbero andare in giro…
  • ...una grande vittoria per le majors,
    un po' meno per gli utenti.
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > ...una grande vittoria per le majors,
    > un po' meno per gli utenti.

    bah... questi giovani d'oggi evidentemente non si ricordano cosa si faceva con le cassette!Sorride

    Basta riprodurre il brano e riregistrarlo dallo stereo mix della scheda audio, si ottiene un bell'mp3 fatto da noi senza alcuna informazione del file originale.

    Si passa dall'analogico e si ridigitalizza? Beh, la perdita di qualità è niente rispetto a quanto si faceva anni fa doppiando le cassette. Fra l'altro, il fatto di usare un mp3 già fa capire che il target non è troppo interessato alla qualità (altrimenti acquisterebbe un cd).

    La copia di un dato, finché saranno legali sistemi di registrazione, si potrà sempre fare... la pirateria è sempre stata l'unica forma di concorrenza in un mercato monopolista per definizione, e continuerà a esserlo perché convieme alle stesse major.
    Se per qualche motivo da un giorno all'altro dovesse veramente diventare impossibile copiare la musica, non vi sarebbe la diffusione delle opere necessaria affinché chi può permetterselo acquisti i dischi. Le major lo sanno e, in maniera molto disonesta fingono di combattere la pirateria, criminalizzano chi copia e usano la pirateria come capro espiatorio per mantenere esageratamente alto il prezzo dei cd, in modo da avere un grosso margine. Rendono difficile (ma si guardano bene dal renderlo impossibile!) il piratare i pezzi, in modo da avere la certezza che vi sia sempre una fetta di popolazione che acquista e un'altra (che comunque non avrebbe acquistato perché non può permettersi certi prezzi) che comunque fa girare l'opera. Ragazzi, siamo manovrati come dei burattini.
    non+autenticato
  • Cioe' se io ad esempio ho un apparecchio non compatibile con acc li posso convertire in MP3?
    Ciaoo
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Cioe' se io ad esempio ho un apparecchio non
    > compatibile con acc li posso convertire in
    > MP3?
    > Ciaoo

    senza drm penso proprio si possa fare tutto..

    con winamp basta impostare l'uscita per registrare mp3 e dovrebbe funzionare
    non+autenticato
  • se sono normali aac come dicono (non ne ho ancora comprati, quindi non ho potuto provare) si possono convertire in alcuni formati direttamente da itunes.

  • - Scritto da:

    > con winamp basta impostare l'uscita per
    > registrare mp3 e dovrebbe
    > funzionare

    maddai, Winamp e registrazione ???? E quanto ci metti ???

    Basta premere il tasto destro sul brano/brani che vuoi convertire in iTunes, e selezionare "converti la selezione in mp3". Ovviamente, basta andare nelle impostazioni di Importazione in iTunes, per regolare bitrate, formati, etc.

    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)