Elettrosmog, Radio Vaticana assolta in appello

Il Codacons parla di sentenza scandalosa mentre l'emittente esprime soddisfazione. Secondo la Corte d'Appello la controversa Radio non č responsabile di getto pericoloso di cose. In primo grado erano scattate le condanne

Roma - La Corte d'Appello di Roma ha ribaltato il giudizio di primo grado su Radio Vaticana, al centro della questione più calda sul fronte dell'elettrosmog in Italia. Secondo i giudici della capitale, infatti, l'emittente pontificia non può essere considerata responsabile di inquinamento elettromagnetico né di getto pericoloso di cose, come sostenuto invece in primo grado.

Il motivo dell'assoluzione è tutto nella sentenza, conciso e chiarissimo: "Il fatto contestato non è previsto dalla legge italiana come reato". Il che significa che l'attività della Radio non può essere contestata né, tantomeno, può esserla quella del direttore generale dell'emittente, Pasquale Borgomeo, o del presidente del comitato di gestione, Roberto Tucci, entrambi prelati tirati in ballo dalle denunce.

A detta dell'accusa, come noto a chi segue il caso da vicino, Radio Vaticana sarebbe non solo responsabile dell'inquinamento elettromagnetico denunciato da anni dagli abitanti di Cesano, paesino a nord di Roma, e della frazione di La Storta, ma avrebbe persino sulla coscienza diversi generi di patologie in cui i residenti della zona sostengono di essere incorsi più di frequente che nel resto d'Italia. Proprio in quell'area, su un terreno di proprietà vaticana molto ampio, delimitato da un muretto e da due strade statali, Radio Vaticana gestisce una fitta rete di antenne e impianti di trasmissione.
I due prelati, uno un prete l'altro un cardinale, in primo grado erano stati condannati come accennato, per getto pericoloso di cose: era passata la tesi dell'accusa secondo cui le emissioni potevano essere considerate alla stregua di "cose".

In Appello questa impostazione non è servita a molto: i difensori della Radio sono riusciti a far dichiarare nulla la sentenza di primo grado appunto perché il tipo di fatto contestato non è previsto come reato dall'ordinamento. Ma l'emittente è sfuggita anche ad un altro potenziale problema legale: il procuratore generale Vittorio Lombardi aveva chiesto ai magistrati di riconoscere che i fatti contestati sono prescritti. Sebbene gli imputati per questa ragione non avrebbero potuto essere condannati, un simile riconoscimento avrebbe avvalorato le tesi dell'accusa secondo cui un reato è stato compiuto.

Lo stesso Lombardi ha spiegato la visione giuridica dei magistrati che hanno capovolto il giudizio di primo grado: "Ogni situazione relativa alle emissioni di onde elettromagnetiche da parte degli impianti non integra il reato previsto dall'articolo 674 del codice penale".

Comprensibile la soddisfazione dei legali della difesa, che hanno visto riconosciute le proprie tesi. Secondo Marcello Melandri, uno degli avvocati della Radio, "la sentenza di oggi ha chiarito e ha risolto quello che era un problema di diritto. La decisione dei giudici non entra nel merito del fatto, cioè sulla presenza o meno di onde elettromagnetiche, ma si sofferma sulla contestazione mossa agli imputati. I giudici nell'assolvere non hanno ritenuto che nel getto di cose rientrino le onde elettromagnetiche".

Gli osservatori ritengono a questo punto improbabile un ricorso in Cassazione: i due prelati, anche qualora la Cassazione ribaltasse il giudizio d'Appello, non subirebbero comunque alcuna conseguenza legale per la prescrizione del reato eventualmente contestato. Che la loro posizione rimanga delicata è peraltro scontato, visto che entrambi sono indagati per omicidio colposo sulla base delle denunce dei residenti della zona che, come accennato, ritengono la Radio e un centro radar della Marina italiana a La Storta le fonti di un inquinamento elettromagnetico costato la vita a loro congiunti.

È probabile che il destino dei due prelati, come quello di alcuni ufficiali della Marina denunciati a loro volta, sia legato da vicino all'esito della indagine sull'elettrosmog già avviata per ordine del GIP Zaira Secchi e che sta tentando di fare il punto, con una perizia epidemiologica, sulla possibile correlazione tra le patologie emerse nell'area e le attività dell'emittente e del radar della Marina.

In una nota Radio Vaticana si dice soddisfatta, rimandando alla lettura della sentenza per ulteriori giudizi. A suo dire il riconoscimento del corretto comportamento dell'emittente "costituisce un decisivo contributo per ristabilire il buon nome della Radio Vaticana stessa, la cui reputazione è stata danneggiata da accuse ingiuste, che hanno contribuito ad alimentare nella popolazione timori infondati". La Radio ne ha anche approfittato per ricordare che "in seguito all'accordo con il Governo italiano, opera dal 2001 nell'assoluto rispetto della normativa italiana in materia di emissioni elettromagnetiche" e auspica "che la sua attività possa ora svolgersi con serenità, nell'ambito di un imprescindibile e collaborativo rapporto con le competenti autorità italiane e con la cittadinanza".

Che sbocci l'amore tra popolazione ed emittente sembra però difficile, almeno a sentire le dichiarazioni del Codacons, secondo cui "il nuovo corso interventista della Chiesa ha colpito anche in tribunale, nonostante la Cassazione abbia ampiamente dimostrato come l'energia elettrica debba considerarsi cosa ai fini del reato di cui all'art. 674". L'associazione dei consumatori ha già annunciato il ricorso in Cassazione.
138 Commenti alla Notizia Elettrosmog, Radio Vaticana assolta in appello
Ordina
  • A riguardo di getto di cose pericolose nel panorama dell'infomazione italiana ritengo che Radio Vaticana sia fra le meno imputabili.
    Chi ha il capitale alle spalle sta da un'altra parte e distorce l'informazione con mezzi molto più sofisticati di una centrale di terra.
    Ma quanti se ne rendono conto?
    non+autenticato
  • si accusa la Chiesa, poi se puoi fregare la merenda del compagno di banco la rubi. Se si riesce a fare le cose senza fattura meglio così le tasse non le pago. Se sei di destra è colpa della sinistra, se sei di sinistra è colpa della destra.
    La Chiesa è fatta di uomini e come tali soggetti a sbagli e egoismi come tutti. se hanno errato paghino.
    Io sono cristiano e di questi tempi c'è da avere paura al riguardo.
    Facciamo più autocritica e cerchiamo di migliorare noi stessi.
    Chi si ricorda il caro Rienzi che sbraita su tutto e tutti e dalla Falcetti si infervora perchè non gli hanno dato la scorta a lui candidato alle politiche (poi lasciato per fortuna a casa?).
    Poi ritengo vero che l'elettrosmog è pericoloso ma il primo problema deriva dai cellulari sempre più usati dai ragazzini. Ma qui non ci sono problemi...vero?
    non+autenticato
  • La Chiesa è fatta di uomini e come tali soggetti a sbagli e egoismi come tutti. se hanno errato paghino.
    -----------------------------------------------------------
    da 1700 anni a questa parte?....esclusi pochi soggetti...
  • e tutte le persone morte o ammalate a causa dell'antenna di radio vaticano ?? solo coincidenza ???
    non+autenticato
  • Benissimo. Allora nel dubbio dovete avere il coraggio di gettare tutto ciò che funziona a radiofrequenza.
    non+autenticato
  • sono piu di 50 anni che le antenne sono li.
    la gente ci si è costruita la casa , abusivamente, ed ora sono le antenne ceh devono andarsene? ma non lo sapevano che li c'erano le antenne ?
    non+autenticato
  • Appunto... in un'area circolare intorno all'antenna in un solo punto, uno solo, qualcuno si è ammalato.

    A questo punto o tutti gli altri sono dei superuomini o lì c'è ANCHE qualcos'altro oltre alle onde di radio vaticana.

    E si sa anche cosa, a ben vedere...
    non+autenticato
  • Uno statistico direbbe che il to esempio non avrebbe alcuna valenza (statistica)
    non+autenticato
  • E allora che quel matematico cambi mestiere.
    A pari densità di abitanti per kmq il risultato è assolutamente attendibile.
    non+autenticato
  • E basta. Basta con l'ipocrisia. Non ne posso più di comitati e comitatini, di gente in preda al delirio per le "onde killer". Dovete essere coerenti nella vita: avete paura delle onde radio ? benissimo, e chi vi dice nulla. Però, per favore, non vi fate vedere con il telefonino in mano. Non è serio contestare l'elettrosmog con il telefonino in tasca. Non è serio contestare la radio per poi essere nella top ten mondiale per il possesso di telefonini e sim card. Ma che razza di paese è questo ?
    Siate coerenti. I vostri telefonini, le vostre belle tv al plasma, la vostra bella autoradio, funzionano perchè esistono le onde radio. Senza di esse, senza le antenne, non avrebbero motivo di esistere: sarebbero solo delle scatole vuote, senza vita e senza parola. Senza le onde l grande Guglielmo Marconradio le notizie non arrivano. Senza le onde radio il promettente WIFI non funziona. Senza le onde radio il messaggino non lo mandate. La luce con il quale vedete ogni cosa, è radiofrequenza. Non dimenticatelo mai. Ora, prendete il vostro telefonino in mano   e riflettete: lui esiste perchè un bel giorno un grande uomo, il Signor Guglielmo Marconi, ha fatto sperimentazione con la radio, le stesse onde radio che oggi tutti temono.
    Riflettete.
    non+autenticato
  • Il tuo discoro è logico e realista, quindi io lo quoto.

    La massa non è logica, anzi è completamente illogica e si comporta come un gregge di pecore.
    Ci sono più irradiazioni dalle antenne di telefonia mobile che da semplici emittenti radiofoniche. Quindi NON ROMPETE IL C...O!
    Prendetevela se proprio volete con le antenne dei dispositivi mobili che installano in ogni angolo di strada, prendetevela con l'enel che apre centrali nucleari degli anni '60 a 300m dal confine italiano.
    Pecoroni! Tornate a guardare veline e quizshow e lasciatevi uccidere senza protestare.
    m00f
    445
  • Mi rivolgo a chi giustifica, a chi spiega, argomenta e difende, a chi si permette di darci lezioni di civiltá, diritto, fisica, ecc.

    Siete pochi, meno male, ma fate davvero una tristezza infinita, e non lo dico per polemizzare con voi, ma solo perché le idiozie che avete scritto sono davvero irresistibili.

    La legge italiana fa ridere, per numero di provvedimenti, gestione complessiva del sistema, per l'impianto nel suo insieme é roba da terzo mondo e che serve solo ai nostri azzeccagarbugli e all'italiano medio per azzittirsi, proprio come successo anche oggi. Se poi l'italiano si sente "medio alto", usa anche sentenze e provvedimenti per foraggiare la sua stoltezza e dare lezioni ai poveri ignoranti di cui si sente circondato.

    In Germania, solo per fare un esempiuccio, esistono progetti di difesa dei bambini dai campi elettromagnetici, di critica (si suppone costruttiva) all'installazione di nuovi ponti radio ecc. ecc. E tu rompi le palle con le tue nozioni di fisica da mensa universitaria, ma fammi il piacere e informati. C'é un sacco di gente, persino qui, che si preoccupa e che s'interroga su cosa fare con le onde, ma mi devi spiegare cosa c'entri il fatto che c'é altro di cui preoccuparsi con il voler ignorare un flusso di tale portata che non ha uguali al mondo se non si cerca in ambito militare. Ah, dove abito c'é addirittura un apposito comitato cittadino, sostenuto direttamente dal comune, per l'elettrosmog... incredibile, vero?

    Il giornalismo, la veritá... dai, raccontacene un'altra, tu si che sei un vero drago! Il testo che citi non dice nulla di concreto a difesa degli scarafaggi di cui sei ovviamente un seguace, altrimenti non parleresti di ricerca della veritá, perché quella potete trovarla solo voi. Ma certo che voi sapete come si fa giornalismo, basta leggere i commenti alla trasmissione di Santoro e sentire un profumo di obbietivitá che non ha rivali. Ho persino sentito il direttore di Famiglia Cristi-anal, dire che il video era solo la storia di una tragedia personale, un romanzo, una cosa assolutamente evitabile e via dicendo.
    Se ci penso mi torna la nausea, ma sul serio!

    Mio padre é cresciuto in collegio e racconta che i preti facevano paura anche 60 anni fa, rubavano il cibo dai pacchi dei bambini, se li portavano in soffitta (i bambini), li picchiavano e li lasciavano a rosolare nei loro escrementi se solo avevano la sfiga di farsi addosso qualcosa, magari durante un bombardamento. Ah, tutto questo a Milano, non in un paese sperduto dell'Aspromonte e con dati e riscontri inequivocabili e riportatimi da piú persone. In pratica ti sto dicendo la veritá...

    Fate una bella cosa, voi che ancora pensate ma non cercate la veritá, fate obiezione di coscienza e chiedete di essere sbattezzati, vorrei tanto poterlo fare anch'io come molta gente che conosco, ma putroppo i miei genitori ci hanno pensato prima! Invece di bestemmiare e/o lamentarvi, disertate dall'esercito di Dio!

    http://www.uaar.it/laicita/sbattezzo

    Un'ottima sintesi, giá proposta da qualcuno ma che a me giunse a suo tempo sempre dal medesimo pulpito, quello del mio unico vero padre, é che se dio dovesse per caso esistere, i primi a ricevere calci in culo per l'eternitá saranno i preti.

    Spera Iuri,
    spera.
    non+autenticato
  • Odio la Chiesa sono ateo.

    Giusto perché tu lo sappia la Germania ha limiti di emissione imposti per legge inferiori ai nostri che sono i più rigidi di tutto il mondo occidentale.

    I "comitati cittadini", paranoici oltremisura, che rompono le palle nell'ignoranza totale sono ordini di grandezza peggiori di qualsiasi discorsetto da "mensa universitaria".
    Almeno nelle mense universitarie l'informazione arriva dai libri e non dal Gabibbo.
    Questo si applica alle onde EM come a tutte le altre questioni.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Precedente | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | Successiva
(pagina 2/9 - 42 discussioni)