AMD taglia i consumi degli Athlon

L'azienda lancia due modelli di Athlon dual-core in grado di consumare un massimo di 45 watt, 20 in meno rispetto ai modelli standard. Presentata ufficialmente la specifica DTX

Taipei (Taiwan) - Con un nuovo passo verso il mercato delle piattaforme a basso consumo energetico, AMD ha annunciato in occasione della fiera del Computex la finalizzazione delle specifiche DTX e l'introduzione di nuovi processori con un consumo di soli 45 watt.

Come si è appreso ad inizio anno, lo standard DTX è un nuovo formato di scheda madre pensato soprattutto per i PC da salotto e i client aziendali: le sue dimensioni, pari a 200 x 244 millimetri, sono inferiori sia a quelle dell'ATX standard, di 305 x 244 mm, che a quelle del microATX, di 244 x 244 mm.

Tra i poduttori che alla fiera taiwanese hanno mostrato soluzioni basate sulla specifica DTX vi sono Albatron, Asus, Cooler Master, ECS, Gigabyte, MSI, Silverstone e Thermaltake. I primi sistemi DTX sono attesi sul mercato entro la fine dell'anno.
"AMD è fortemente impegnata nel supportare il proprio ecosistema di partner e il settore nel suo complesso, favorendo lo sviluppo di sistemi tanto gradevoli esteticamente per gli utenti finali quanto economici dal punto di vista dei consumi", ha dichiarato Bob Brewer, corporate vice president e general manager della Desktop Division di AMD. "L'impegno di AMD nell'iniziativa DTX, insieme all'introduzione dei nuovi processori desktop a basso consumo, testimonia la nostra fiducia nell'approccio basato su standard aperti per promuovere l'innovazione, affinché le soluzioni proposte possano soddisfare le aspettative della clientela consumer e commerciale".

I nuovi processori a basso consumo introdotti da AMD sono l'Athlon X2 BE-2350 (91 dollari) e l'Athlon X2 BE-2300 (86 dollari), entrambi con TDP di 45 watt e costruiti con una tecnologia di processo a 65 nanometri. Il modello 2300 gira a 1,9 GHz, mentre il fratello maggiore, il 2350, ha un clock di 2,1 GHz. Tutti e due i chip dispongono di una cache L1 di 128 KB, di una cache L2 da 512 KB e del Socket AM2.

Le specifiche tecniche dell'Athlon X2 BE-2350 e dell'Athlon X2 BE-2300 sono rispettivamente identiche a quelle dell'Athlon 64 X2 4.000+ e dell'Athlon 64 X2 3.600+, ad esclusione del fatto che queste ultime due CPU hanno un TDP di 65 watt.

In contemporanea con l'annuncio dell'introduzione dei nuovi processori da 45 watt, AMD ha reso noto di aver avviato il passaggio a un nuovo modello di denominazione dei processori desktop "atto a facilitare la comprensione delle differenze e dei miglioramenti esistenti tra un prodotto e l'altro". Il nuovo sistema di classificazione, che la società prevede di applicare ai prossimi prodotti, ha l'obiettivo di "rendere maggiormente visibili gli incrementi da un modello all'altro riguardanti le differenze prestazionali offerte dai processori multi-core nei vari scenari di impiego". Maggiori informazioni si possono trovare qui.
7 Commenti alla Notizia AMD taglia i consumi degli Athlon
Ordina