Lazio e-Citizen, i risultati

Soddisfazione dei promotori

Roma - Il progetto pilota Lazio e-citizen - Cittadinanza digitale ha portato all'inclusione nelle nuove tecnologie dell'informazione di 1900 persone, 1300 delle quali over45. Tra di loro anziani, casalinghe, immigrati e pensionati.

Ad annunciarlo sono i promotori del progetto voluto dall'Assessorato all'Istruzione Formazione e Diritto allo Studio della Regione Lazio attraverso la Filas (la società regionale dedicata al sostegno dell'innovazione), in collaborazione con istituti scolastici e l'Università Roma 3. Patronicanto dal CNIPA è finanziato anche da AICA, USR ed ENEA.

"I numeri sui primi 6 mesi dei corsi e-citizen - si legge in una nota - rivelano un crescente interesse per internet e le nuove tecnologie che accomuna tutte le generazioni. 1869 corsisti (1200 l'obiettivo iniziale), un esubero di altre 1000 richieste di partecipazione, 4.500 ore di pratica in 41 sedi tra università, scuole e Cpt nelle 5 province del Lazio, 64 docenti aiutati da oltre 400 giovani "facilitatori" provenienti dalle scuole superiori laziali".
"Un esempio di e-democracy - dicono i promotori - che rovescia un paradigma tradizionale tra generazioni e permette all'esperienza dei più giovani di aiutare i meno giovani. Infatti i facilitatori nei corsi sono studenti delle scuole superiori e insegnanti che affiancano il tutor previsto per ogni corso. Si tratta inoltre di un modello didattico innovativo che paga, vista la bassissima quota di abbandono dei corsi (3 per cento)".

Altre info sulle pagine dedicate