Il Colosseo non era poi così capiente

Completata la più imponente ricostruzione storica di una città. E' Roma. I turisti potranno dare un'occhiata al passato prima di riversarsi nella capitale italiana. I Maya, intanto, scoprono Second Life

Roma - È ufficiale, la cosiddetta "realtà virtuale" è qui per rimanere. A questo giro di valzer è stata pinzata Roma con l'ambizioso progetto Rome Reborn: una ricerca dell'Università della Virginia che si è trasformata in una simulazione digitale e "monumentale" della Roma che fu. Stando ai ricercatori, infatti, la quantità di particolari integrati alla simulazione, la fedeltà alle testimonianze storiche fissate al 320 d.c., quando Roma era governata da Costantino, non hanno precedenti.

"Possiamo accompagnare le persone sotto il Colosseo e mostrargli come funzionavano gli ascensori che portavano gli animali dai sotterranei alla zona superiore", ha spiegato Bernard Frischer, coordinatore del progetto. E in futuro non è escluso che la simulazione possa coprire altri periodi storici.

"Questo modello virtuale preparerà i turisti alla visita del Colosseo, del Foro e dei palazzi Imperiali sul Palatino per permettere una migliore comprensione di ciò a cui assisteranno", ha aggiunto Frischer. In futuro, i visitatori delle più celebri strutture della Roma antica potranno essere dotati di palmari con supporto GPS per localizzare esattamente la propria posizione rispetto alla ricostruzione.
Il lavoro di Frischer si è basato sopratutto sull'analisi di mappe e testi antichi, senza contare le immagini digitali del "Plastico di Roma Antica" esposto nel Museo della Civiltà Romana.

Il Colosseo 3DUno degli aspetti più interessanti del progetto è rappresentato dal cosiddetto "reverse modeling", implementato dal team di Frischer, dal Politecnico di Milano e dall'Università di Firenze. Si tratta di una funzione software che permette di popolare l'ambiente virtuale per comprendere più approfonditamente le caratteristiche di ventilazione, acustica e di capacità delle strutture.

"Ad esempio, nella letteratura scolastica il Colosseo è ricordato come una struttura capace di attirare grandi masse. Le stime in questo senso indicavano una capienza compresa tra 35 mila e 78 mila posti", ha sottolineato lo specialista della University of Virginia. I test virtuali hanno dimostrato, invece, una capienza massima di non più di 48/50 mila posti.

Rome rinasce in un progetto a metà tra scienza e turismo. Ma a rinascere sono anche altre città antiche, come dimostra l'apertura del sito archeologico Maya Chichen-Itza che è stato realizzato su Second Life dal Mexico Tourism Board. La qualità dei due progetti non è paragonabile, ma l'obiettivo di offrire una navigazione tridimensionale e accurata nelle città del passato è lo stesso.

Dario d'Elia
9 Commenti alla Notizia Il Colosseo non era poi così capiente
Ordina
  • riportate il colosseo alle sue origini ..
    è un peccato farlo perdere si sta rovinando
    non+autenticato
  • Ci servivano quelli della Virginia per farci ricostruire Roma antica e si sono fatti pure aiutare da Firenze e da Milano... Di Roma c'è "solo" il plastico presente nel Museo della Civiltà Romana!
    Allora, innanzi tutto ho visto i filmati sul sito e fanno schifo, il rendering è fatto con i piedi perché non si sono preoccupati nemmeno di simulare un'illuminazione solare adeguata dei monumenti, le texture dei modelli 3D sono ridicole a livello dei software 3D di 20 anni fa, la passeggiata virtuale va a finire dritta dritta attraverso i muri del Colosseo! Dai non scherziamo, che è sta roba!?
    10 anni fa se non di più, usci un CDROM su Roma imperiale che è avanti 2000 anni a questa schifezza americana, aveva un modello 3D della città spettacolare, visite virtuali in QuickTimeVR realistiche con modelli dei monumenti ruotabili in tutte le direzioni.
    Veramente scandaloso che si dia notizia sui media di un prodotto americano di una cosi bassa fattura.
    Sandro
  • ok, hanno lo stesso obiettivo (finalità) ... ma sono due cose completamente diverse... la qualità è centrale!
    non+autenticato
  • "Ad esempio, nella letteratura scolastica il Colosseo è ricordato come una struttura capace di attirare grandi masse. Le stime in questo senso indicavano una capienza compresa tra 35 mila e 78 mila posti", ha sottolineato lo specialista della University of Virginia. I test virtuali hanno dimostrato, invece, una capienza massima di non più di 48/50 mila posti."

    E quindi? 50.000 posti non è un valore compreso tra 35.000 e 78.000?
    E 50.000 non è un valore "immenso" pensando alle strutture dell'epoca?
  • Senza contare che permetteva una evaquazione delle tribune in tempi ridottissimi, ancora oggi non eguagliati.
  • vabbé, il giornalista avrà bevuto un cicchetto a colazioneSorrideSorrideSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: ottomano
    > "Ad esempio, nella letteratura scolastica il
    > Colosseo è ricordato come una struttura capace di
    > attirare grandi masse. Le stime in questo senso
    > indicavano una capienza compresa tra 35 mila e 78
    > mila posti", ha sottolineato lo specialista della
    > University of Virginia. I test virtuali hanno
    > dimostrato, invece, una capienza massima di non
    > più di 48/50 mila
    > posti."
    >
    > E quindi? 50.000 posti non è un valore compreso
    > tra 35.000 e
    > 78.000?
    > E 50.000 non è un valore "immenso" pensando alle
    > strutture
    > dell'epoca?

    se un range di valori è dato dai due estremi, questi due estremi sono stati specificati con maggior precisione.

    è quindi ESCLUSO il limite superiore precedentemente indicato.

    Ecco spiegato.
    non+autenticato
  • Beh è il classico pensiero succube agli americani..
    Ho visto un documentario dove sostenevano che lo riempissero di acqua per fare le battaglie navali, in sostanza hanno molto tempo libero in Virginia..



    Saluti

    Stefano
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 13 giugno 2007 13.59
    -----------------------------------------------------------
  • x Stefano614
    Infatti è vero.
    Sotto la superfice del Colosseo c'è un intreccio di canali che permette(va) l'afflusso dell'acqua per inscenare delle vere e proprie battaglie navali.
    Oltretutto è stato il primo stadio coperto al mondo.