Hackers nell'Instant Messaging di AOL

Un gruppo di espertoni ha trovato un modo per entrare negli account dei milioni di utenti di AIM partendo dal nick pubblico dell'utente. Un buco decisamente imbarazzante

Web (internet) - Gli utenti di AIM, il servizio di Instant Messaging di America Online, sono da qualche ora a rischio. Stando alle ultime notizie, infatti, un gruppo di hacker ha trovato il modo di entrare nei loro account partendo dagli account di AOL 5.0, il servizio internet di AOL utilizzato da milioni di utenti.

Pare che gli hacker, partendo dal nick pubblico di un utente, sfruttando un tool trovato "giocando" con il servizio online di AOL, siano in grado di sfruttare un buco di sicurezza nel processo di registrazione di AOL 5.0, al punto di essere in grado di resettare la password di un qualsiasi utente. Una volta resettata la password, l'utente "colpito" non può più entrare nei propri account, mentre gli hacker possono accedere alla sua lista personale di contatti AIM e continuare ad utilizzare l'account a piacimento, in pratica "impossessandosi" della sua "identità digitale".

AOL ha fatto precipitosamente sapere di non avere alcuna segnalazione di problemi in questo senso ma ha assicurato che i suoi tecnici stanno lavorando sulla cosa: "siamo consapevoli della situazione e stiamo sviluppando nuove procedure di sicurezza per sconfiggere gli hacker".