Microsoft: a scuola Windows costa meno

Un nuovo studio sull'open source commissionato da Microsoft sostiene che Windows e Office possono far risparmiare le scuole. Nello studio si afferma anche che gli studenti utilizzano con più soddisfazione Office di OpenOffice

Roma - Microsoft ha recentemente commissionato alla partner Wipro Technologies uno studio sull'open source, l'ennesimo, che confronta i costi del software open source con quelli del software proprietario nell'ambito scolastico. In particolare, lo studio prende in considerazione contesti quali l'apprendimento, la produttività di insegnanti e amministratori, e tutti i principali tipi di costi (licenze, gestione, manutenzione ecc.).

L'indagine, che ha coinvolto 73 scuole in sei differenti paesi europei, conclude sostenendo che "le scuole che utilizzano software open source spendono meno denaro per l'acquisto dei sistemi operativi e dei software per la produttività, ma i prodotti di Microsoft costano meno in termini di gestione e manutenzione". Sommando il tutto, nel rapporto si afferma che, nel medio termine, le scuole che utilizzano software Microsoft risparmiano.

Nello studio si afferma anche che gli studenti generalmente preferiscono usare MS Office al posto di OpenOffice o altre suite open source. In particolare, circa il 50% delle scuole sostengono che i propri studenti utilizzino con più soddisfazione Office rispetto alla controparte open source. Al contrario, solo il 17-26% delle scuole afferma che i propri studenti siano più soddisfatti con le piattaforme open source.
Come sempre, questo tipo di indagine solleva molte critiche e perplessità non solo tra i membri della comunità open source, ma anche tra osservatori più neutrali. Ad esempio, ArsTechnica fa notare che nel campione di scuole preso in considerazione da Wipro non compare alcuna scuola britannica: quest'ultima si è giustificata affermando che in Gran Bretagna vi sono pochissime scuole che utilizzano l'open source, ma un rapporto della British Educational Communications and Technology Agency datato 2005 sembrerebbe smentire questa affermazione.
74 Commenti alla Notizia Microsoft: a scuola Windows costa meno
Ordina
  • Secondo me è già uno scandalo che si insegni a scuola agli studenti ad utilizzare Windows e Office, per creare generazioni di studenti capaci solo di usare programmi Microsoft.
    E per di più le scuole devono pagare Microsoft per comprare i programmi...
    E' uno sperpero delle risorse pubbliche.
    Ciò è scandaloso e si giustifica solo a causa di una classe politica corrotta.
    non+autenticato
  • ho installato per la Facoltà in cui Lavoro il nuovo server:
    Ubuntu + Apache + Mysql + Postfix + Spamassassin,
    a ZERO euro...se dovevo installare windows 2003 :

    Windows Svr Ent 2003 R2 Italian OLP NL AE     505,08
    SQL Svr Standard Edtn 2005 Win32 Italian OLP NL AE Qualified   300
    Exchange Svr 2007 Italian OLP NL AE     251,94
    Antispam: cica 1000 euro all'anno..

    Oltre 200 EURO!!!
    Ma non si vergognano a fare queste pubblicità comparative FALSE!!

    La gente si sta svegliano, seppur lentamente, ed io mi batto ogni giorni affinchè
    tutta la pubblica amministrazione usi OPENOFFICE, tanto la segretaria della segreteria
    usa Office 2003 esattamente allo stesso modo di Wordpad!!!!!
    non+autenticato
  • Il prodotto Office 2007 imho vale le 300-400 euro nella sua versione media, ti ricordo inoltre che quasi sempre viene venduto in oem a prezzi 3-4 volte inferiori, per cui di fatto una licenza office 2003 inciderebbe si un pc per non più di 60-70 euro, star office oppure open office in retail costa circa 40 euro, alla fine la differenza è di 20-30 euro, ma hai office

    se poi secondo te open office è meglio di msoffice allora possiamo fermarci qui
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nicola
    > ho installato per la Facoltà in cui Lavoro il
    > nuovo
    > server:
    > Ubuntu + Apache + Mysql + Postfix + Spamassassin,
    > a ZERO euro...se dovevo installare windows 2003 :

    e fatela 'na donazinoe ogni tanto, tirchioni-ciuccia-software! A bocca aperta

    se linux costasse 1 euro, tornereste tutti di nuovo a piratare windows Occhiolino
    non+autenticato
  • Non sono qui per dire qual è meglio ma mi pare una forzatura dire che OpenOffice costa 40€ -> www.questar.it/html/linspire/oooff/openoffice.html
    40€ se vuoi la scatola (trall'altro più brutta della scatola MS) e se vuoi comprarlo in ufficio. Non mi pare dia molto di più della versione scaricabile gratuitamente. Un CD su cui masterizzarlo costa 0.80€
    non+autenticato
  • Sono fandonie che un sistema Windows costa meno in termini di manutenzione e di aggiornamento, basta pensare al potentissimo ed al contempo semplicissimo sistema di gestione dei pacchetti .deb Debian.
    Quando ad esempio su Ubuntu scelgo di aggiornare il sistema, si aggiornano tutte le applicazioni del sistema, fra le quali anche OpenOffice.
    Non è possibile operare con la stessa semplicità e potenza su Windows ed allora la maggior parte delle volte gli utenti semplicemente non aggiornano le applicazioni.
    Altro avete mai provato a fare un upgrade da una versione di Windows a quella successiva senza dover reinstallare che so' Office...: si può fare...?
    Con Linux si passa alla versione successiva solitamente in modo indolore e non si deve nemmeno riavviare il sistema.
    Ciò che dico è testato sul campo da vari anni con Fedora ed Ubuntu.

    Poi citiamo ancora a sfavore di Windows i noti difetti: spyware, virus, frammentazione filesystem, formati chiusi, riavvii obbligatori del sistema per completare aggiornamenti...

    Boh... !
    Sarà ma questi studi a me non la raccontano giusta.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Sono fandonie che un sistema Windows costa meno
    > in termini di manutenzione e di aggiornamento,
    > basta pensare al potentissimo ed al contempo
    > semplicissimo sistema di gestione dei pacchetti
    > .deb
    > Debian.
    > Quando ad esempio su Ubuntu scelgo di aggiornare
    > il sistema, si aggiornano tutte le applicazioni
    > del sistema, fra le quali anche
    > OpenOffice.

    voglio vedere cosa succederebbe a canonical se dovesse gestire gli update delle centinaia di migliaia di software e installazione tipici di windows, qualora linux dovesse capovolgere le percentuali di diffusione degli OS

    il modello di donazioni ed elemosine crollerebbe come un castello di sabbia

    è di ieri una letterà-pietà di Mark Shuttleworth che chiede più impegno tecnico e più donazioni da parte degli amanti del pinguino, canonical rischia di fare il botto per aver fatto il passo più lungo della sua gamba

    e detto tra noi, ubuntu rispetto a windows vista è un prodotto sempliciotto e amatoriale che tenta banalmente di imitare i grandi

    > Non è possibile operare con la stessa semplicità
    > e potenza su Windows ed allora la maggior parte
    > delle volte gli utenti semplicemente non
    > aggiornano le
    > applicazioni.
    > Altro avete mai provato a fare un upgrade da una
    > versione di Windows a quella successiva senza
    > dover reinstallare che so' Office...: si può
    > fare...?

    si può fare quasi sempre

    >
    > Con Linux si passa alla versione successiva
    > solitamente in modo indolore e non si deve
    > nemmeno riavviare il sistema.

    dai non disciamo sciocchezze, una cosa è windows una cosa è un kernel con un'interfaccia grafica

    non c'è più ignorante di colui che non sa esserlo

    >
    > Ciò che dico è testato sul campo da vari anni con
    > Fedora ed
    > Ubuntu.
    >

    anche io ho usato e ancora uso saltuariamente fedora

    > Poi citiamo ancora a sfavore di Windows i noti
    > difetti: spyware, virus, frammentazione
    > filesystem, formati chiusi, riavvii obbligatori
    > del sistema per completare
    > aggiornamenti...

    spyware e virus non sono difetti di windows, essi sono direttamente proporzianali alla diffuzione di un sistema operativo

    firefox oggi è in balia di malware peggio di internet explorer, era necessario che la volpe si doffondesse almeno un po'

    la stessa cosa potrebbe accadere con linux, tra l'altro esistono già diversi virus per il pinguino, i primi rootkit inoltre sono nati in ambienti unix mainframe, quando questi erano la maggiorparte

    >
    > Boh... !
    > Sarà ma questi studi a me non la raccontano
    > giusta.

    nemmeno a me, ma nemmeno le tue opinioni mi sembrano poi così tanto autorevoli
    non+autenticato
  • @Anonimo: Ni... si, accedo alla mia bella Ubunto e mi arrivano gli aggiornamenti, ma non è la prima volta che mi capita che per aver sbagliato qualcosina (spesso per far funzionare un programma devo mettere patch o librerie da altre fonti e spesso sono incompatibili) mi ritocca installare tutto il sistema. L'ultima volta per passare da Ubuntu 6.10 a 7.4 ho preferito ricaricare il CD e rifare tutto da capo. Magari poi sono in che non sono buono.

    @Goliar: Ni anche a te... sono convinto pure io che sistemi più diffusi siano più soggetti ad attacchi. Bisogna considerare però che essendo il codice aperto è più facile trovare bug e risolvere falle di sicurezza (almeno teoricamente). Per il discorso di Ubunto sistema amatoriale non l'ho capito prorio.. a me funziona, su questo computer e su quell'altro vecchio. Windows vista no, non mi riconosce ne la stampante, ne la scheda video, ne la scheda sonora. Su questo nuovo parte e mi ride in faccia perché ho solo 512 Mb di memoria, senza considerare che il 80% dei programmi che uso non ci girano, ancora troppo giovano Windows vista. >_>

    Ma non stavamo parlando di Open Office vs MS Office?
    Ancora non capisco quale costi di gestione veda Microsoft nei software open source.
    Uno studente delle medie un po' sveglio riesce ad installare entrambi i software, non vedo perché un tecnico di laboratorio non ce la dovrebbe fare. Perché immagino che se c'è un laboratorio con dei computer, ci sarà anche un tecnico in quella scuola. Comunque un computer usato per far girare office (open o MS) a parte gli aggiornamenti di sistema che si fanno con un click su entrambe le piattaforme non ha costi di gestione. Non ditemi che serve un tecnico per risolvere i problemi perché quello serve anche con windows, con Ubuntu, con debian, con freeBSD con la calcolatrice e anche con l'orologio da polso.
    non+autenticato
  • > voglio vedere cosa succederebbe a canonical se dovesse gestire gli
    > update delle centinaia di migliaia di software e installazione
    > tipici di windows

    Canonical supporta quello che interessa a lei. E il software supportato non è poco.
    Se poi installi il pacchetto di Nero per Linux o di Zattoo, ovviamente il supporto spetta alla ditta produttrice.

    > è di ieri una letterà-pietà di Mark Shuttleworth che chiede più
    > impegno tecnico e più donazioni da parte degli amanti del
    > pinguino, canonical rischia di fare il botto per aver fatto il
    > passo più lungo della sua gamba

    Ovviamente avrai studiato il piano finanziario di Canonical per poter affermare questo. Potresti renderci partecipi delle tue scoperte ?

    > e detto tra noi, ubuntu rispetto a windows vista è un prodotto
    > sempliciotto e amatoriale che tenta banalmente di imitare i grandi

    E' chiaro che non hai mai provato UbuntuSorride
    Prova, e come me avrai l'impressione che Vista è un prodotto che sa di vecchio, oltre a essere incredibilmente pesante !

    > spyware e virus non sono difetti di windows, essi sono
    > direttamente proporzianali alla diffuzione di un sistema operativo

    Direttamente proporzionali ? Niente affattoSorride ! Fai un paio di conti sul numero di virus per Windows e per Linux, poi confrontali con la loro diffusione !

    > firefox oggi è in balia di malware peggio di internet explorer,
    > era necessario che la volpe si doffondesse almeno un po'

    No. Il problema non è Firefox, il problema è WindowsOcchiolino !

    > la stessa cosa potrebbe accadere con linux, tra l'altro esistono
    > già diversi virus per il pinguino, i primi rootkit inoltre sono
    > nati in ambienti unix mainframe, quando questi erano la
    > maggiorparte

    Come sopra: Fai un paio di conti e renditi conto di quanto Windows sia "infettabile"Sorride !
    non+autenticato
  • > Con Linux si passa alla versione successiva
    > solitamente in modo indolore e non si deve
    > nemmeno riavviare il sistema.

    Beh, indolore mica tanto...
    Parlando di Ubuntu (uso kubuntu), solo nel passaggio dalla Edgy alla Feisty le cose sono "indolore".

    Quando sono passato dalla Dapper alla Edgy mi si è impallato xorg e/o Kde. Ho dovuto disinstallare xorg e kde da linea di comando e reinstallarli.

    Tralaltro tutti gli aggiornamenti ho dovuto farli con apt-get disti-upgrade, perchè con "gksu “update-manager -c ” mi si bloccava a metà.

    Un utente medio questo non sa mica farlo.

    Mi piace linux (sono anni che lo uso in dual boot con Windows), ma potrà spopolare solo se avrà la semplicità d'uso di un MacOSX

    bye
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 17 giugno 2007 16.50
    -----------------------------------------------------------
  • sul fatto che ad uno studente piaccia o meno un software biogna verificare se in quella scuola il modello opensource è portato avanti bene o se è una "messa in scena"

    logicamente, pure io, se a scuola,lavoro,altro mi trovo il solito software, prediligo quello, visto che ci sono abituato, e se mi "impongono" (lab scolastici per dire) di usare un altro software per due volte al mese... bhe, quel software difficilmente riuscirò mai ad apprezzarlo...

    riguardo ai costi di gestione/manutenzione di prodotti open rispetto al close qui si dovrebbe distinguere il dove viene proposto...

    una scuola elementare, per dire, ha esigenze di molto inferiori ad una università
    una scuola superiore (geometri) ha esigenze diverese da una superiore (ragioneria) (e così via)

    con questo voglio dire che se alle elementari basta qualche "giochetto" van bene anche sist operativi liberi Fan Linux e software libero (e ce ne sta tanto...), avendo così un gran risparmio... la manutenzione su questi pc, sarà relativamente poca, visto anche il tipo di utilizzo fatto da un bambino...

    già alle medie, un po piu smanettoni, le manutenzioni saranno un po di più... ma non così tante

    alle superiori aumentano di molto, meno al classico, di molto alle ITI (programmazioneSorride )

    poi, su che base vengono calcolati questi costi di manutenzione?
    alla fin fine, il dipendente è pagato cmq, sia che faccia manutenzione sia che non ne faccia...
    tanto vale usare software libero e gratuito e fare un po piu di manutenzione
    che spendere unpozzo di soldi e fare nulla manutenzione

    qui il discorso è portato all'estremo naturalmente, i punti da analizzare sono tantissimi e vari, difficile fare spiegazioni dettagliate se non dilungandosi su 50 pagine! (che tra l'altro non ho voglia di scrivereSorride )

    vero però che i prodotti microsoft, almeno nelle scuole, costano mooolto meno che non al singolo privato...

    cmq, quello che dico sempre io, è che non bisogna imporre l'uno o l'altro sistema, ma trovare quello più comodo, e soprattutto che a parità di utilizzo mi renda di più, sia esso un software close e a pagamento o sia esso un software libero e gratuito...
  • ...il problema non è quello di non voler comperare un sw close ma dopo che ho speso i miei denari, voglio farci tutto quello che la definizione di sw mi permette di fare,anche formattare 10 volte al giorno il pc senza rischiare di dover riattivare la mia copia dopo x volte (non dite che non è mai successo di inserire un numero di licenza valido e vedere la scritta che invece afferma il contrario).
    Ora, anche se è possibile rifare l'attivazione, ma perchè cazzo mi devi bloccare il mio sw??? Non dite:"Il tuo numero è in black list perchè lo hanno usati altri 10000 individui" visto che non è una buona scusa.
    In oltre i prezzi di molti sw sono troppo alti per le loro qute di mercato nel senso che, se il mio sw lo usano l'80% delle persone al mondo, deve per forza costare un cazzo!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: freemind
    > ...il problema non è quello di non voler
    > comperare un sw close ma dopo che ho speso i miei
    > denari, voglio farci tutto quello che la
    > definizione di sw mi permette di fare,anche
    > formattare 10 volte al giorno il pc senza
    > rischiare di dover riattivare la mia copia dopo x
    > volte

    puoi riattivare la copia tutte le volte che vuoi, se ti viene chiesto un codice è per essere sicuri che non si tratti di software contraffatto, cosa ci vedi di scandaloso

    inserire un codice ti costa si e no 1 minuto

    > (non dite che non è mai successo di
    > inserire un numero di licenza valido e vedere la
    > scritta che invece afferma il
    > contrario).

    a me non è mai successo, io non presto le copie di software originale al primo che passa

    detto questo credo che nessuno abbia mai dovuto comprare due volte lo stesso software originale

    > Ora, anche se è possibile rifare l'attivazione,
    > ma perchè cazzo mi devi bloccare il mio sw??? Non
    > dite:"Il tuo numero è in black list perchè lo
    > hanno usati altri 10000 individui" visto che non
    > è una buona
    > scusa.

    uhhh... che cattivi questi della microsoft, ce l'hanno con il tuo software e non ti vogliono bene, cattivi ble!

    ripeto a me non è mai successo, ma se hai un problema chiama l'assistenza e te lo risolveranno subito

    inoltre aggiungo che il software che usi è sempre concesso in licenza d'uso, non esiste software TUO, anche quello sotto GPL ti viene concesso a delle determinate condizioni

    nemmeno la Punto che hai nel garage è tua del tutto, ci sono migliaia di copyright e brevetti su quella macchina che devi rispettare

    > In oltre i prezzi di molti sw sono troppo alti
    > per le loro qute di mercato nel senso che, se il
    > mio sw lo usano l'80% delle persone al mondo,
    > deve per forza costare un
    > cazzo!!

    il software ha un prezzo basso rispetto a quanto costa produrlo

    il modello di licenza d'uso consente di averlo a prezzi molto accessibili, io ad esempio sto prendendo una licenza vista business oem a 116 euro, mi durerà almeno 5-6 anni, penso sia una spesa buona
    non+autenticato
  • - Scritto da: freemind
    > ...il problema non è quello di non voler
    > comperare un sw close ma dopo che ho speso i miei
    >> denari, voglio farci tutto quello che la
    >> definizione di sw mi permette di fare,anche
    >> formattare 10 volte al giorno il pc senza
    >> rischiare di dover riattivare la mia copia dopo x
    >> volte

    >puoi riattivare la copia tutte le volte che vuoi, se ti
    >viene chiesto un codice è per essere sicuri che non si
    >tratti di software contraffatto, cosa ci vedi di
    >scandaloso

    Giusto, non ti scandalizzare, è comodissimo ^_^, specialmente se lo devi fare su più macchine e magari lavori nell'IT (quindi lo devi fare spesso). E' divertente, possibile che non te ne rendi conto?


    >uhhh... che cattivi questi della microsoft, ce l'hanno con >il tuo software e non ti vogliono bene, cattivi ble!

    >ripeto a me non è mai successo, ma se hai un problema >chiama l'assistenza e te lo risolveranno subito

    Che idillio... Peccato che diversi miei colleghi che lavorano come OEM e nell'IT non hanno avuto la stessa meravigliosa esperienza con i call center Microsoft. E non per piccole stupidaggini. Per farla breve diciamo per cose di media serietà.


    >inoltre aggiungo che il software che usi è sempre concesso
    >in licenza d'uso, non esiste software TUO, anche quello
    >sotto GPL ti viene concesso a delle determinate condizioni
    >nemmeno la Punto che hai nel garage è tua del tutto, ci
    >sono migliaia di copyright e brevetti su quella macchina >che devi rispettare

    Corretto, il software coperto da GPL non è tuo e non lo sarà mai e nessuno potrà impadronirsene. Il fatto è che ci scordiamo sempre di dire che ci puoi fare quasi tutto quello che vuoi, persino installarlo sul tuo vecchio orologio Casio, se ci riesci.

    >> In oltre i prezzi di molti sw sono troppo alti
    >> per le loro qute di mercato nel senso che, se il
    >> mio sw lo usano l'80% delle persone al mondo,
    >> deve per forza costare un
    >> cazzo!!

    >il software ha un prezzo basso rispetto a quanto costa >produrlo

    >il modello di licenza d'uso consente di averlo a prezzi
    >molto accessibili, io ad esempio sto prendendo una licenza >vista business oem a 116 euro, mi durerà almeno 5-6 anni,
    >penso sia una spesa buona.

    Fa piacere vedere persone che sono orgogliosamente contente di comprare software Microsoft. Io sono contento quando vedo la gente felice, e proprio non mi va di rovinare belle atmosfere. D'altra parte non vi rendete conto che state pagando un costo notevole per cose che al giorno d'oggi dovrebbero avere il prezzo delle "commodities", ossia beni largamente disponibili e a buon mercato.
    Il prezzo dei sistemi operativi end user Microsoft non fa che salire, come pure il costo dei loro pacchetti per l'ufficio.

    Ma ripeto, contenti voi...
  • Non voglio dire che non sia giusto che una casa che produce sw si tuteli.
    Io faccio lo sviluppare per uno studio informatico e mi girerebbero le palle se il programma che ho scritto per tizio venisse copiato da caio. Ma quando il cliente ha comperato da noi un programma, finchè lo usa per come gli è concesso da contratto, per noi può farci quel che vuole. Non gli rompiamo le palle su licenze e attivazioni delle stesse.
    Per i prezzi: è vero che non sviluppiamo per la grande distribuzione, ma è per questo che non possiamo scrivere, ad esempio, un gestionale per 300€ ma dobbiamo farci pagare di più visto che quel programma così come è scritto andrà perfettamente bene solo a quel cliente mentre Vista ultra mega edition costa poco solo se oem altrimenti no e lo usano in moltissimi!
    Il mio sw lo puoi installare sul pc che hai in ufficio, se lo butti, reinstalli su un altro tutte le volte che vuoi! Window no se è oem, perchè??? Perchè se vuoi farci quello che vuoi devi comperare il retail ma costa l(')ira di Dio anche se lo usano milioni di individui! Questo non è corretto!
    non+autenticato
  • da noi non ci importa che altri comunitari o extracomunitari usano office
    la gente qui ha troppa antipatia per attivazioni, costi di rinnovi licenze, non poter reinstallare se compro il programma oem, FIAMME GIALLE che vengono a chiedere licenze fatture e prove dell'acquisto
    anche la gente in regola si stufa di dover perdere giorni di lavoro magari con gli uffici presidiati da questi che ispettorano e controllano cosa facciamo

    DEBIAN E OPENOFFICE abbiamo risolto tutti i problemi
    se il pc si rompe reinstallo senza dover stare mezzora a riattivare ogni cosa, che sia office o xp e senza sentirmi dire che sono uno che non paga le licenze perche ho reinstallato
    se vengono a controllare so che sono in regola e non chiedono di controllare anche l.'archivio e le fatture di acquisto e i bollini in controluce e che siano bene appiccicati al pc e non scoloriti perché la donna delle pulizie usa troppo lo straccio o un impiegato ha rovesciato un caffè sopra
    gli aggiornamenti ci sono sempre e sono gratis
    non serve ogni anno cambiare tutti i programmi perche la versione 2000 non legge proprio bene la 2003 e la 2003 non legge bene la 2007 ma si cambia se serve e basta

    PRODUTTORI DI PROGRAMMI CON LICENZE COSTOSE BASTA CON LE VOSTRE ATTIVAZIONI, I SOLDI PER I PROGRAMMI NON CI SONO PIU CON LE NUOVE TASSE E STUDI DI SETTORE, SIAMO TUTTI PASSATI A GPL E TUTTI SIAMO PIÙ CONTENTI E CON LA MACCHINA NUOVA
    non+autenticato
  • Salve Nord-Est!

    Ti quoto al 100%. Sono stato testimone di quei controlli di cui hai parlato. Fiamme gialle accompagnate da quegli schifosi personaggi della BSA... Un clima intimidatorio da reati politici dei vecchi tempi.

    Essere trattati come dei delinquenti... Uffici messi sottosopra per ritrovare le fatture di acquisto delle fottute licenze... Attività bloccata per quasi tutta la giornata.

    E pensare che in uno di questi casi volevano fare il verbale ad un mio amico titolare di un negozio per l'informatica... Perché? Semplice un ccleaner shareware col periodo di prova scaduto!! Dodici macchine, dico dodici, senza un byte fuori posto e con tutte le fottute licenze in ordine! Non c'è limite allo schifo.

    Un consiglio: la prossima volta che ti fanno un controllo gli dici, dentro Fiamme Gialle soltanto, BSA aspetta fuori, come i cani. In caso contrario chiama i Carabinieri. Fai casino ma non far entrare la BSA, ricordati che sei a casa tua.

    Grazie Debian, grazie free software.
  • - Scritto da: uno del nord est
    > [cut] SIAMO TUTTI PASSATI A GPL E
    > TUTTI SIAMO PIÙ CONTENTI E CON LA MACCHINA
    > NUOVA

    Ecco il punto: se duplicassero a UFO il TUO di lavoro, ti incavoleresti come una scimmia urlatrice perche' non ti puoi fare la macchina nuova, se invece lo fa MS o tutte le altre societa' di closed source, allora e' una rottura di scatole.
    Spero che tu paghi le tue tasse ed i tuoi dipendenti con la stessa cura e scrupolosita' con cui agogni l'auto nuovaSorride
  • chi ha la partita iva le tasse le paga tutte,ha sempre controlli e fortuna che basta il mio commercialista a parlare con quelli li,ora hanno pure introdotto le tasse retroattive con gli studi di settore e non so come posso fare per pagare le tasse se non aumentare il costo delle mie vendite

    a proposito chi copia come dicono i nostri prodotti e li vende a meno prezzo sono i cinesi, da cui tanti vanno a prendere non solo vestiti ma pure il frigo, poi quando il frigo cinese si rompe o prende fuoco sono affari non dei cinesi ma di chi lo ha comperato. invece con i prodotti miei paga di più e ha la garanzia che rispetto le leggi di sicurezza e se si rompe si ripara a prezzo onesto. quindi chi copia e chi compera le copie malfatte dei mie prodotti sono dei pezzenti.

    ora tornando al discorso pure il mio commercialista ha disdetto quasi tutte le licenze windows e usa linux, anche per motivi di riservatezza dei dati oltre che per risparmiare che senno neppure lui arriva a fine mese

    la mia auto a proposito va a metano non a gpl , e l'ho presa nuova ovviamente a carico della ditta
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 22 discussioni)