Caldera diventa SCO e punta su Unix

Caldera getta via il proprio nome a favore di un brand che per oltre 20 anni è stato autorevole sinonimo di server Unix. Linux conserverà un suo piccolo spazio

Lindon (USA) - Caldera, il noto distributore di OpenLinux e delle versioni SCO e OpenServer di Unix, ha deciso di mutare il proprio nome in SCO Group, un brand appartenuto a quell'omonimo fornitore di soluzioni Unix, un tempo noto come Santa Cruz Operation, che Caldera acquisì formalmente nel maggio dello scorso anno.

Con questa mossa Caldera spera di far leva sulla grande reputazione e notorietà che SCO si è guadagnata per circa 20 anni sul mercato Unix, un settore da cui proviene il 95% degli introiti di Caldera.

"Per oltre due decenni il nome SCO è stato sinonimo di affidabilità, stabilità e rendimento dei costi", ha affermato Darl McBride, presidente e CEO di SCO. "Ora, la coesistenza e la collaborazione fra sistemi Unix e Linux da parte di una singola fonte, offre ai nostri clienti e partner una straordinaria scelta di soluzioni appoggiate da un nome che fornisce forza motrice a milioni di server attorno al mondo: SCO".
Il cambio di nome avrà come conseguenza diretta la ridenominazione di tutti i principali prodotti e servizi offerti dall'ex Caldera: OpenLinux diverrà SCO Linux e riporterà il logo "powered by UnitedLinux"; Open Unix diverrà SCO UnixWare; il Caldera Partner Program si chiamerà TeamSCO mentre il Caldera Global Services sarà d'ora in poi SCO Global Services. SCO OpenServer conserverà invece il suo nome. Il nuovo simbolo di borsa di SCO Group è SCOX ed il sito principale, benché rimarrà ancora attivo caldera.com, diverrà sco.com.

Sebbene SCO Group sostenga di voler rimanere sul mercato di Linux, e proseguire il suo impegno all'interno della recente alleanza United Linux, nella nuova SCO il pinguino potrebbe rivestire un ruolo assai marginale. Caldera tenterà infatti di massimizzare il valore del brand SCO legato a Unix e di focalizzare i propri sforzi verso questo sistema operativo, eventualmente migliorando l'interoperabilità di SCO Unix con il Pinguino.

SCO Group si è comunque detta intenzionata a portare avanti lo sviluppo del proprio Linux: il prossimo novembre dovrebbe infatti rilasciare la versione 4.0 di SCO Linux, un sistema operativo basato sul congiunto lavoro di sviluppo che, all'interno del progetto UnitedLinux, SCO, Connectiva, SuSE e TurboLinux stanno portando avanti con l'obiettivo di dar vita ad una distribuzione comune che possa competere con la leader del mercato: Red Hat Linux.
13 Commenti alla Notizia Caldera diventa SCO e punta su Unix
Ordina


  • e bello credere in un modo open dove il sw e gratis, le info viaggiano felici, e tutti scaricano sw e programmi gratuiti ecc.....

    Peccato che quando vai alla cassa del supermercato ti rendi conto che la fettina di manzo non e open. (te ne rendi conto quando non va più la mamma a farti la spesa con i soldi di papa che lavora in fonderia).
    non+autenticato


  • - Scritto da: openmanzo
    >
    >
    > e bello credere in un modo open dove il sw e
    > gratis, le info viaggiano felici, e tutti
    > scaricano sw e programmi gratuiti ecc.....
    >
    > Peccato che quando vai alla cassa del
    > supermercato ti rendi conto che la fettina
    > di manzo non e open. (te ne rendi conto
    > quando non va più la mamma a farti la spesa
    > con i soldi di papa che lavora in fonderia).

    Temo che quando ti trovi nelle condizioni di doverti arrabbattare per comprare la fettina,
    i computer, software e quanto altro siano
    cose di cui fregarsi molto poco... se tuo padre
    lavora in fonderia, temo proprio che un computer
    non se lo sia potuto permettere, salvo magari un
    vecchio 386... su cui gira linux ovviamente per
    problemi di costi...Sorride
    non+autenticato


  • - Scritto da: manzo
    >
    >
    > - Scritto da: openmanzo
    > >
    > >
    > > e bello credere in un modo open dove il
    > sw e
    > > gratis, le info viaggiano felici, e tutti
    > > scaricano sw e programmi gratuiti ecc.....
    > >
    > > Peccato che quando vai alla cassa del
    > > supermercato ti rendi conto che la fettina
    > > di manzo non e open. (te ne rendi conto
    > > quando non va più la mamma a farti la
    > spesa
    > > con i soldi di papa che lavora in
    > fonderia).
    >
    > Temo che quando ti trovi nelle condizioni di
    > doverti arrabbattare per comprare la
    > fettina,
    > i computer, software e quanto altro siano
    > cose di cui fregarsi molto poco... se tuo
    > padre
    > lavora in fonderia, temo proprio che un
    > computer
    > non se lo sia potuto permettere, salvo
    > magari un
    > vecchio 386... su cui gira linux ovviamente
    > per
    > problemi di costi...Sorride

    sei incomprensibile come replicare bo
    non+autenticato


  • - Scritto da: openmanzo
    >
    >
    > e bello credere in un modo open dove il sw e
    > gratis, le info viaggiano felici, e tutti
    > scaricano sw e programmi gratuiti ecc.....




    Open != gratuito

    Prego informarsi prima di rischiare di spararle.


    > Peccato che quando vai alla cassa del
    > supermercato ti rendi conto che la fettina
    > di manzo non e open. (te ne rendi conto
    > quando non va più la mamma a farti la spesa
    > con i soldi di papa che lavora in fonderia).

    Mi sembra anche giusto. La fettina di manzo non è informazione: è atomo, non bit, per dirla alla Negroponte.

    "Free speach, not free beer" non ti dice niente?
    Evidentemente no, se continui a ricorrere agli stranoti luoghi comuni Open=gratuito, free=assenza di mercato, free speach=free beer.

    Approfondisci un po' l'argomento, prima di continuare a postare in modo così superficiale ed approssimativo, dimostrando solo la tua carenza di informazioni in materia.
    non+autenticato
  • MARCHI)

    - Scritto da: Maik
    >
    >
    > - Scritto da: openmanzo
    > >
    > >
    > > e bello credere in un modo open dove il
    > sw e
    > > gratis, le info viaggiano felici, e tutti
    > > scaricano sw e programmi gratuiti ecc.....
    >
    >
    >
    >
    > Open != gratuito
    >
    > Prego informarsi prima di rischiare di
    > spararle.

    open = scarichi il codice compili usi = gratuito
    open = tiri giù il codice lo riusi nella tua applicazione che poi vendi = fe***

    >
    > > Peccato che quando vai alla cassa del
    > > supermercato ti rendi conto che la fettina
    > > di manzo non e open. (te ne rendi conto
    > > quando non va più la mamma a farti la
    > spesa
    > > con i soldi di papa che lavora in
    > fonderia).
    >
    > Mi sembra anche giusto. La fettina di manzo
    > non è informazione: è atomo, non bit, per
    > dirla alla Negroponte.

    ok ma quando la tua mammina non ti comprerà più la fettina e dovrai pensarci tu allur si cambiano idee (se sei veggetariano allora e un altro paio di tasche vuote)

    >
    > "Free speach, not free beer" non ti dice
    > niente?
    > Evidentemente no, se continui a ricorrere
    > agli stranoti luoghi comuni Open=gratuito,
    > free=assenza di mercato, free speach=free
    > beer.
    >
    > Approfondisci un po' l'argomento, prima di
    > continuare a postare in modo così
    > superficiale ed approssimativo, dimostrando
    > solo la tua carenza di informazioni in
    > materia.


    grazie finche ci saranno i vostri finanziatori ibm sun e oracle ecc... a voglia di ridere a pancia piena e a parlare di filosofia open e altre ammenità del genere, quando i finanziatori spariranno allora sara un altro paio di tasche vuote.

    e bello parlare di open come il vostro guru con il disco in testa, in particolare quando si ha un bel conto corrente ben rimpinguato dai soliti noti.

    che dire di voi seguaci delle fanna marchi informatica open spero che per voi non arrivi mai il tempo di svegliarsi dal sogno con le pezze ar gluteo, tanto per orA PAGA PAPA DOMANI SI VEDRà
    non+autenticato
  • Mi spiace, non hai capito ne l'articolo ne il significato di opensource.
    Lavoro e mantengo i miei genitori, quindi risparmiati eventuali conferme al tuo mediocre quoziente intellettivo.
    Addio.
    non+autenticato


  • - Scritto da: gsam
    > Mi spiace, non hai capito ne l'articolo ne
    > il significato di opensource.
    > Lavoro e mantengo i miei genitori, quindi
    > risparmiati eventuali conferme al tuo
    > mediocre quoziente intellettivo.
    > Addio.

    DALLA RISPOSTA IN FATTO DI QI MI SEMBRA CHE TU SIA MESSO PIù MALE DI ME
    non+autenticato
  • per la miliardesima volta...

    free software != gratis

    il resto sono le solite discussioni filosofiche... "perchè cercare di combinare qualcosa di buono, se tanto dobbiamo morire?"

    triste.

    andiamo tutti a lavorare in fonderia, quello sì che è un mestiere onesto (vero). mica il programmatore.

    - Scritto da: openmanzo
    >
    >
    > e bello credere in un modo open dove il sw e
    > gratis, le info viaggiano felici, e tutti
    > scaricano sw e programmi gratuiti ecc.....
    >
    > Peccato che quando vai alla cassa del
    > supermercato ti rendi conto che la fettina
    > di manzo non e open. (te ne rendi conto
    > quando non va più la mamma a farti la spesa
    > con i soldi di papa che lavora in fonderia).
    non+autenticato


  • - Scritto da: pugnette
    > per la miliardesima volta...
    >
    > free software != gratis

    per la 100 miliardesima volta

    free sw lo scarichi lo usi senza pagare = gratis

    >
    > il resto sono le solite discussioni
    > filosofiche... "perchè cercare di combinare
    > qualcosa di buono, se tanto dobbiamo
    > morire?"
    >
    > triste.
    >
    > andiamo tutti a lavorare in fonderia, quello
    > sì che è un mestiere onesto (vero). mica il
    > programmatore.


    errore l'agricoltura e l'allevamento e il vero mestiere che fa vivere tutti noi, visto che ti piace l' open fammi na cortesia lavora per produrre un campo open di patate ne saro felice ed in particolare il mio portafoglio.

    > - Scritto da: openmanzo
    > >
    > >
    > > e bello credere in un modo open dove il
    > sw e
    > > gratis, le info viaggiano felici, e tutti
    > > scaricano sw e programmi gratuiti ecc.....
    > >
    > > Peccato che quando vai alla cassa del
    > > supermercato ti rendi conto che la fettina
    > > di manzo non e open. (te ne rendi conto
    > > quando non va più la mamma a farti la
    > spesa
    > > con i soldi di papa che lavora in
    > fonderia).
    non+autenticato

  • > free sw lo scarichi lo usi senza pagare =
    > gratis

    NO.
    NO NO NO NO NO NO.

    free ---> "libero", non "gratuito".
    gli americani ci fregano con la lingua!

    > errore l'agricoltura e l'allevamento e il
    > vero mestiere che fa vivere tutti noi, visto
    > che ti piace l' open fammi na cortesia
    > lavora per produrre un campo open di patate
    > ne saro felice ed in particolare il mio
    > portafoglio.

    :)
    non+autenticato


  • - Scritto da: openmanzo
    >
    >
    > e bello credere in un modo open dove il sw e
    > gratis, le info viaggiano felici, e tutti
    > scaricano sw e programmi gratuiti ecc.....
    >
    > Peccato che quando vai alla cassa del
    > supermercato ti rendi conto che la fettina
    > di manzo non e open.

    Bravo!
    Hai appena scoperto la differenza che c'è tra l'economia dei prodotti DIGITALI rispetto a quelli TRADIZIONALI

    I prodotti DIGITALI (ad esempio il software) sono ottenibili in numero potenzialmente infinito ad un prezzo potenzielmente nullo.

    I prodotti TRADIZIONALI (ad esempio la tua fettina di manzo) pongono limiti alla loro abbondanza e sono (quindi) anche maggiormente.

    Adesso che hai visto "la luce", guarda qui

    www.openoffice.org
    www.mozilla.org
    www.linux.org

    qui troverai prodotti digitali di provata affidabilità che non costano NULLA, e sono disponibili perfino con il sorgente.

    Puoi smettere di dover "credere" in essi, perché ESISTONO davvero.

    E' il nostro TESORO,che nessuno ci porterà via e che può incrementare di valore a vista d'occhio.

    (se la cosa ti spaventa, posso capirlo. Di solito la tipica reazione a ciò che non si conosce è la paura di non saperlo affrontare)


    non+autenticato
  • "[cut] delle versioni SCO e OpenServer di Unix [cut]"...

    Ma non avrebbe dovuto essere:
    "[cut] delle versioni UnixWare e OpenServer di SCO Unix [cut]"?
    non+autenticato