Luca Annunziata

La soluzione per i data center? L'ammoniaca

Un esperto di tecnologia aerospaziale lavora su un nuovo meccanismo di raffreddamento. Basato sull'ammoniaca, dovrebbe ridurre il calore e i consumi dei digimostri. E, in caso di perdita, servirÓ a pulire i pavimenti

Roma - Una nuova tecnologia in grado di diminuire fino al 50 per cento il consumo di energia richiesto per raffreddare gli ormai pachidermici data center: è quanto promette Stephen Fried, CTO di Microway, che si appoggia alle sue conoscenze tecniche di ingegneria aerospaziale.

Il miraggio di abbattere drasticamente i consumi ha già attirato l'attenzione di operatori ed imprenditori: Stephen per il momento resta abbottonato sui dettagli, ma ha rivelato che l'ammoniaca sarà della partita insieme al raffreddamento a liquido.

In ogni caso la sostanza chimica, almeno secondo lui, non potrà in alcun modo danneggiare i componenti dei computer: "Si sente solo cattivo odore in caso di perdita", ha detto ad InformationWeek. E l'odore non sarebbe neppure un difetto, visto che servirebbe come campanello d'allarme per gli amministratori di sistema.
Ex ricercatore nel campo della difesa, Fried è oggi a capo di una azienda che produce server di fascia alta ed apparati per la connettività a banda larghissima. Si tratta dunque di un esperto nel settore della computazione su larga scala: l'annuncio precede di qualche giorno una conferenza che terrà durante il simposio della Securities Industry and Financial Markets Association, che si tiene a New York questa settimana.

Se il nuovo sistema dovesse (ri)guadagnare popolarità, sarebbe un bel colpo per l'azienda di Fried. L'imprenditore, d'altra parte, si limita a cavalcare l'onda della nuova moda dei data center: dopo la rincorsa alla realizzazione di strutture sempre più imponenti, ora la preoccupazione apparente delle aziende è tutta per l'ambiente e i consumi. Le guide ed i vademecum per diminuire i consumi continuano ad aumentare: dopo quella in cinque passi, ecco arrivare quella che promette di risolvere tutti i problemi in "sette step".

Secondo una ricerca, dal 2000 al 2005 la bolletta energetica dei centri di calcolo si è più che raddoppiata: solo negli USA le aziende devono staccare assegni per un totale di quasi 3 miliardi di dollari ogni anno, una cifra che si raddoppia ancora sommando i costi di tutto il resto del globo. I data center statunitensi consumano da soli l'equivalente di energia prodotta da 5 centrali nucleari.

Ben il 40% di questa energia, a sentire Fried, finirebbe unicamente nel raffreddamento delle macchine. Il suo nuovo sistema permetterebbe invece un approccio modulare e scalabile, senza contare la possibilità di impiegare CPU che scaldino come forni a microonde senza che però fondano i server. Il costo previsto, una volta entrata a regime la produzione industriale, potrebbe aggirarsi sui 37 euro per CPU.

Luca Annunziata
11 Commenti alla Notizia La soluzione per i data center? L'ammoniaca
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)