E' vero, smerciavamo via eBay

Due nuove ammissioni in un importante caso di spaccio di software pirata sul celebre sito d'aste

Roma - La loro sentenza sarà pronunciata soltanto il prossimo novembre ma per ora Robert Koster e Yutaka Yamamoto, il primo dell'Arkansas e il secondo della California, hanno ammesso le proprie colpe nel tentativo di ridurre la pena, ovvero di aver venduto software pirata su eBay per un valore di listino pari a circa 6 milioni di dollari.

Le cronache raccontano come la sentenza sarà pronunciata dallo stesso tribunale del Wisconsin nel quale già hanno dovuto farsi vedere altre quattro persone coinvolte in quello schema di vendite truffaldine e che anche hanno già ammesso la propria colpevolezza.

La legge statunitense per questo tipo di reati prevede un massimo di cinque anni di reclusione seguiti da tre anni di libertà condizionata e una multa massima di 250mila dollari.
3 Commenti alla Notizia E' vero, smerciavamo via eBay
Ordina