Luca Annunziata

Australia, il mulo zoppo corre lo stesso

Politica di apertura di un provider agli antipodi. Il traffic shaping funziona e gli utenti non hanno di che lamentarsi. E per chi non usa il P2P... c'è abbastanza banda per tutto

Roma - "Abbiamo messo alla prova alcuni strumenti per la gestione del traffico sulla nostra rete per un anno, con risultati molto positivi. Di conseguenza, d'ora in avanti continueremo ad utilizzare questi strumenti". È con queste parole che Westenet, ISP australiano, ha ammesso sul proprio blog istituzionale di aver implementato protocolli di traffic shaping sul proprio network.

"Lo scopo principale di questi meccanismi - si legge ancora nel comunicato - è garantire che le applicazioni sensibili ai ritardi sulla rete come i videogame, la navigazione, la posta elettronica e il VoIP, non vengano influenzate negativamente dal P2P." I risultati dei test avrebbero invece mostrato risultati incoraggianti, senza penalizzare eccessivamente eMule e BitTorrent e garantendo a tutti gli altri protocolli un funzionamento ottimale.

Il meccanismo nasconde il suo segreto nella gestione attiva delle priorità: al P2P non è assegnata una quota fissa di banda a disposizione, bensì quest'ultima viene limitata dinamicamente quando le necessità degli altri protocolli crescono. Se si rendessero di colpo necessarie molte risorse per un gran numero di giocatori online, a farne le spese sarebbero prima di tutto muli e torrenti, mentre verrebbero garantite le prestazioni per i navigatori del web.
E dire che gli utenti non se ne erano neppure accorti, al contrario di quanto successo ad esempio in Gran Bretagna con Virgin Broadband. A quanto si legge sui forum australiani, il servizio non ha subito alcun peggioramento apprezzabile durante gli scorsi 12 mesi: Westnet parrebbe insomma aver adottato un sistema efficace per gestire al meglio le proprie risorse. I nuovi strumenti sono stati testati in tre distretti serviti dal ISP, ma è prevista una rapida introduzione su tutto il territorio coperto.

Il provider ha mostrato inoltre un approccio di totale trasparenza, intervenendo ufficialmente nei gruppi di discussione per chiarire i dubbi e rispondere alle domande: si è così scoperto che applicazioni P2P come Joost e Skype non dovrebbero subire alcun rallentamento anche in condizioni di massimo carico della rete. Un approccio diverso da quello dei provider italiani, che, ad esclusione di Tiscali e Tele2, mantengono il più stretto riserbo sulle reali politiche di controllo della banda.

Nelle scorse settimane un altro ben più rilevante provider australiano era stato al centro di una vicenda simile collegata al P2P: Exetel aveva dichiarato di aver sviluppato un sistema di caching per snellire il carico della propria rete e diminuire l'impatto dei downloader sul resto dei navigatori. Questa soluzione, tuttavia, per il momento ha lasciato insoddisfatti i clienti. Amnet e Netspace, altri due fornitori australiani, stanno affrontando polemiche simili.

Luca Annunziata
17 Commenti alla Notizia Australia, il mulo zoppo corre lo stesso
Ordina
  • volete tutelare la privacy vostra ed evitare di andare dalle associazioni consumatori per fare causa dopo che hanno dato a tutti nome cognome indirizzo di casa vostra?
    usate quei 2 programmi li, cosi almeno vi eliminate il problema di dover dormire tranquilli

    un po come in certi posti dove girano troppi delinquenti per strada e la gente prima si mette a fare le ronde e poi mette un cane feroce in giardino per evitare visite non gradite a casa propria di derubatori
    non+autenticato
  • > usate quei 2 programmi li, cosi almeno vi
    > eliminate il problema di dover dormire
    > tranquilli

    ho provato a cercarli per linux, ma non ho capito se sono abbandonati o e da molto che non li sviluppano più. Mute mi sa che va solo su winz. Il punto vero è che non sono facili. Per facili intendo, un istaller o una voce presente nei repo di ubuntu, ed un wiki chiaro e multilingua. Lo so che non è facile fare queste cose, ma se si vuole che si diffondano sono le prime cose da fare.
    non+autenticato
  • ...beh, piu o meno, direi...
    Il problema è che paghi una 20 Mega e non ne pui usufruire e ti dicono "si, ma la velocità è quella di punta, non la garantita" (perchè, diciamolo apertamente, in Italia NON ESISTE velocità garantita come non esistono MAI garanzie sui servizi che si promettono a chi li paga!)...
    Quindi che vai a 1 kb o a 1000 per loro non cambia nulla: si pubblicizza la velocità così la gente abbocca e poi con la banda ci si fa il caxxo che si vuole, tanto non si hanno alternative ONESTE al furto (perchè, alla fine, questo è!)...
    Poi la cosa ancora migliore è che qui in Italia nessuno dice nulla su limitazioni e altro, tutte supposizioni quando vedi che da ftp, mulo e compagnia bella vai "a carbonella" mentre per fare una ricerchina su google vai come un missile...
    Proprio scandaloso... e nessuno che potrebbe intervenire a riguardo fa nulla, tanto il picio di turno paga e non gli si offrono alternative....
    non+autenticato
  • allora l' Autorità garante per la concorrenza e il mercato dovrebbe intervenire e sanzionare!!!

    "Dal 29 aprile 2005 è in vigore la legge numero 49 del 6 aprile 2005 contenente le "Modifiche all'articolo 7 del decreto legislativo 25 gennaio 1992, numero 74, in materia di messaggi pubblicitari ingannevoli diffusi attraverso mezzi di comunicazione" che sanziona con multe salate chi promuove prodotti i cui requisiti non rispondono alla realtà."
    non+autenticato
  • con alice 20 mega, arrivo come massimo a 400KB, ogni tanto di più, ma mai più del doppio, scaricando file normali. oltre a questo, di giorno il mulo sembra stanco, certo la notte corre abbastanza veloce, ma non è una scusa per andare a 50-60 di giorno, e che cavolo.
    è semplicemente una truffa, con l'informatica è sempre stato così, tanto chi lo capisce? e anche se lo capisci chi si deve vergognare sei tu. è come se un pappa ti denunciasse, dopo averti preso i soldi della prestazione della sua socia-schiava, e i carramba fossero solidali con lui.
    non+autenticato
  • di giorno vai più lento che di sera... perchè di sera sono online i ragazzi USA... che hanno molta più banda in upload...
    Poi... ringrazia che puoi rubare quello che vuoi con il P2P... ora ci si lamenta anche perchè "di giorno non è abbastanza veloce"....Triste
    MeX
    16897
  • - Scritto da: MeX
    > di giorno vai più lento che di sera... perchè di
    > sera sono online i ragazzi USA... che hanno molta
    > più banda in upload...

    eh?
    ci sonto anche tante utenze in europa con linee veloci in upload.. certo, sicuramente meno che in USA, ma comunque ce ne sono a bizzeffe.. mica sono tutti poveracci; chi può permetterselo e si fa mettere 512kb in upload o anche 1mb c'è anche in europa.
    e tutto questo senza contare l'Asia (Giappone, ecc.) con fusi orari differenti dai nostri (europei) e anche da quelli usa.

    > Poi... ringrazia che puoi rubare quello che vuoi
    > con il P2P... ora ci si lamenta anche perchè "di
    > giorno non è abbastanza veloce"....
    >Triste

    eh?
    tanto per cominciare il p2p in sè è del tutto innocuo, è solo uno strumento.
    sarebbe come dire che la scienza è cattiva perchè ha permesso (e permette tutt'ora) di costruire la bomba H o armi di distruzione di massa. che discorso è?
    esattamente come la scienza in sè è neutrale e innocua, allo stesso modo lo è anche il p2p.
    semmai è chi lo usa in modo non adeguato che sbaglia, ma non certo lo strumento in sè.
    fattene una ragione.
  • rubare? Sottraggo qualcosa a qualcuno ? hoooo lavorare per una casa discografica fa strani effetti....
    Sgabbio
    26178
  • non mi sottrai nulla direttamente.
    Ma... non mi sembra difficile pensare che:

    - Se faccio un CD e ci sono 1000 persone che lo vogliono comprare

    - 300 lo comprano e

    - 100 lo mettono in sharing

    - le altre 700 lo trovano su emule e lo scaricano

    - altre 1000 persone che magari non avrebbero mai comprato il CD lo scaricano

    Io non sostengo che tutto ciò che passa sul P2P siano "mancati guadagni" ma è davvero "superficiale" sostenere che che quei 700 non hanno comprato il CD perchè l'hanno trovato GRATIS su internet.

    Adesso con 20.000 copie vendute in Italia vinci il disco di platino, negli anni 80 se vendevi 20.000 copie eri l'ultimo in classifica.

    Ma continuate ad attacarvi al significato del Garzanti della voce del verbo rubare... però poi non potete dirmi che non è vero che la Terra è stata creata in 7 giorni, perchè non siete capaci a usare la vostra mente oltre all'interpretazioni di caratteri neri su sfondo bianco.
    MeX
    16897
  • - Scritto da: MeX

    > Adesso con 20.000 copie vendute in Italia vinci
    > il disco di platino, negli anni 80 se vendevi
    > 20.000 copie eri l'ultimo in
    > classifica.

    quella degli anni '80 sì che era vera e bella musica!
    non come certe schifezze che girano oggi.
    ergo, la musica anni '80 meritava eccome di vendere tanto e di essere comprata il più possibile.
    su quella di oggi avrei qualche dubbio invece...
  • quindi "donne" di Jo Squillo era un'opera d'arte?
    MeX
    16897
  • - Scritto da: MeX
    > di giorno vai più lento che di sera... perchè di
    > sera sono online i ragazzi USA... che hanno molta
    > più banda in upload...
    >
    > Poi... ringrazia che puoi rubare quello che vuoi
    > con il P2P... ora ci si lamenta anche perchè "di
    > giorno non è abbastanza veloce"....
    >Triste

    Non meriteresti risposte perchè se conoscessi la struttura della rete capiresti di aver detto una fesseria, sia perchè sei fuori dalla mente del Creatore se pensi che scaricare sia rubare e le major siano Onlus......
  • - Scritto da: Reolix
    > - Scritto da: MeX
    > > di giorno vai più lento che di sera... perchè di
    > > sera sono online i ragazzi USA... che hanno
    > molta
    > > più banda in upload...
    > >
    > > Poi... ringrazia che puoi rubare quello che vuoi
    > > con il P2P... ora ci si lamenta anche perchè "di
    > > giorno non è abbastanza veloce"....
    > >Triste
    >
    > Non meriteresti risposte perchè se conoscessi la
    > struttura della rete capiresti di aver detto una
    > fesseria,

    allora spiegamela tu...

    > sia perchè sei fuori dalla mente del
    > Creatore se pensi che scaricare sia rubare e le
    > major siano
    > Onlus......

    dove ho scritto che le major sono "Onlus"?
    Io ho scritto che scaricare un CD anzichè pagare per averlo, un film, un software... lo stai rubando
    Che poi tu non l'avresti cmq comprato perchè non puoi permetterlo (chi può comprare Photoshop?? per esempio!) o non ti piace abbastanza un film da andare al cinema (ma abbastanza per andare a cercartelo su emule e guardartelo) beh... HAI RUBATO [PUNTO]
    MeX
    16897
  • e perchè non disdici?
    m00f
    445
  • - Scritto da: m00f
    > e perchè non disdici?

    perché con tele2 si hanno maggiori problemi, con fastweb si arriva fino a due mega. Non ci sono alternative, almeno non ne vedo io, telecom è ingombrante, ma, per ora, offre ancora dei servizi migliori, almeno in provincia. A me piacerebbe qualcosa tipo fonera o simili, ma oltre a non essere in una città grande non so neanche se sono possibili dal punto di vista legale che da quello reale.
    non+autenticato