Microsoft risiede anche nelle ComunitÓ montane

Un'intesa tra comunitÓ montane italiane, Microsoft e Fondazione San Paolo punta a promuovere l'alfabetizzazione informatica in comuni in cui risiedono pi¨ di 10 milioni di italiani

Roma - La conformazione del territorio li ha spesso tenuti lontani dal cuore più vivace della rivoluzione digitale e questo pesa sulla diffusione del computing e di Internet in centinaia di comuni italiani e comunità montane, una situazione alla quale intende dare una prima risposta l'Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani (UNCEM), che ha stretto una intesa con la Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo di Torino e Microsoft Italia. Lo scopo ufficiale è abbattere il digital divide.

L'idea è di partire dalle scuole di montagna, colpite già da un alterno andamento demografico e dalla carenza di infrastrutture. Le scuole "potranno mettere a disposizione degli studenti e dei cittadini tutto il materiale formativo realizzato e concesso in uso gratuito da Microsoft" - spiega una nota. Si tratta in particolare di Corsi di formazione digitale di base (Digital Literacy Curriculum), strumenti multimediali che UNCEM e Fondazione potranno usare gratuitamente presso tutte le scuole interessate e che sono pensate per offrire un primo approccio al PC, all'uso di Internet, alla sicurezza e via dicendo.

Il progetto, che sarà proposto a 355 comunità montane italiane e 4.201 comuni classificati montani o parzialmente montani (oltre 10 milioni di abitanti), prevede infatti che le scuole siano aperte a tutti i cittadini interessati. In 40 di queste scuole saranno aperti centri Microsoft IT Academy "che diventeranno - racconta la nota - centri di competenza per la formazione e la certificazione sul territorio".
Ad essere coinvolte inizialmente nel progetto saranno Toscana, Marche, Lazio, Campania e Piemonte. "Con la collaborazione delle singole delegazioni e comunità regionali - spiegano i promotori - verranno quindi formati i docenti che saranno attivamente coinvolti nel progetto e promotori di iniziative, oltre che organizzati i corsi per sviluppare le competenze informatiche".

Secondo Enrico Borghi, presidente UNCEM, "risolvere il digital divide territoriale significa garantire condizioni di effettiva democraticità e pari dignità di applicazione dei livelli essenziali delle prestazioni su tutto il territorio nazionale e in particolare del servizio scolastico, che rappresenta un elemento fondamentale per la coesione dei territori fragili e periferici come quelli montani".
23 Commenti alla Notizia Microsoft risiede anche nelle ComunitÓ montane
Ordina
  • Meno male che al mondo c'è gente attiva e preparata come i discepoli di zio Billy che vanno a far proselitismo nei paesini arretrati...
    Si sono mai chiesti come faranno a fare tutte le loro simpatiche trovate&diavolerie "Insegnamo internet a voi poveri sfigati, così riduciamo il digital divide" con linee che AL PIU' vanno a 56kbit/secondo? E spesso questa velocità è un privilegio di pochi fortunati (letteralmente fortunati, eh), mentre la gente comune non gode di piu' di una trentina di kbit (CHILOBIT) al secondo.. (Naturalmente, la Telecom non garantisce mica una banda, quindi non fa nulla in quei casi... Ma questo è un altro discorso) Ma quale internet&multimedia! A me non carica neanche la pagina di GMail, perché dopo un po' mi va in timeout il javascript, e devo usare la (seppur ben fatta) versione "solo HTML"... =(

    Noto con tristezza poi che nelle regioni elencate nell'articolo ci sono un bel po' di paesini di montagna, MA mancano molte altre regioni che "ospitano" svariati comuni montani (e non a 39 metri di altitudine). Non sono di montagna quelli? O sono di montagna di "serie B"? Dato che ci si prefiggeva di andare nei "paesi di montagna", perché andare solo in alcune zone? (Non voglio certo dire che amerei molto avere una scuola di idiozia nel mio paese, però un po' di parità nel trattamento sì..)

    Il digital divide è innanzitutto la discriminazione su base geografica tra chi può accedere a determinate tecnologie e chi no. Se prima non si trova una soluzione (e sopratutto la si applica) a questo problema, difficilmente serviranno a qualcosa le "scuole" dove si insegna a usare Word (tralasciando come sempre soluzioni migliori e alla portata di tutti)
    non+autenticato
  • Per resistere all'assalto dei pinguini microsoft si rifugia sui monti? Troll
  • ma i sindaci che ricevono questa gentaglia e si rendono complici di porcherie come questa, non si vergognano neanche un po'???
    non+autenticato
  • COmunità montane come Palagiano (Taranto) a 39 metri di altitudine....??

    che italia...
    non+autenticato
  • Grazie Microsoft, per portare la civiltà e la tecnologia nel nostro paese sottosviluppato! Grazie per l'aiuto ad abbattere il digital divide che colpisce i nostri comuni montani! Senza di te saremmo perduti!

    Ma dico io... Arrabbiato

    Sono TOTALMENTE d'accordo con chi dice che questo è l'ennesimo scandalo, e che le comunità montane sono da eliminare (dopo aver fatto pagare quelli che ci hanno mangiato alla grande!).


    Saluti
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)