Consumatori contro Google-DoubleClick

Altroconsumo e BEUC scrivono all'Antitrust europeo e al Garante della privacy italiano

Roma - Con l'acquisizione di DoubleClick, Google porrebbe le basi per una restrizione della concorrenza nel mercato della pubblicità on-line e minerebbe la tutela privacy dei consumatori, grazie all'enorme quantità di dati personali di chi naviga in Rete che si troverebbe a gestire in monopolio, senza regole.

Questo è quanto sostengono in una nota Altroconsumo, BEUC, organismo delle associazioni indipendenti di consumatori in Europa, OCU, associazione spagnola e VZBV, associazione tedesca, affermazioni che hanno riportato in una lettera congiunta al Commissario per la Concorrenza UE Neelie Kroes e inviata oggi per conoscenza anche al presidente dell'Autorità per la garanzia dei dati personali, Francesco Pizzetti, e al presidente dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato, Antonio Catricalà.

"Per Altroconsumo il dominio incontrastato di Google nel mercato dei motori di ricerca - spiega l'Associazione - si salderebbe con la leadership di DoubleClick nel settore della pubblicità on-line banner e video, con effetti di restrizione sulla pluralità di fruizione da parte degli utenti di contenuti on-line - siano essi via personal computer, telefonia mobile, tv interattiva - ed effetti di cumulo e incrocio di una enorme mole di dati su profili dell'utenza, sulle abitudini di scelta e di navigazione, all'insaputa degli utenti".