Dario Bonacina

ADSL, Wind condannata a dire la verità

Il Tribunale di Roma condanna l'operatore a rispondere con completezza quando un utente chiede informazioni sulla copertura ADSL

Roma - Condannata a far sapere le cose esattamente come stanno. Questo, in estrema sintesi, il succo dell'ordinanza che riguarda Wind e le informazioni fornite agli utenti sulla copertura della banda larga. Il Tribunale di Roma ha infatti accolto un'azione inibitoria promossa dal Movimento Consumatori nei confronti dell'operatore per informazioni non veritiere trasmesse agli utenti.

Sul sito Libero.it, infatti, chiunque abbia inserito il proprio numero telefonico allo scopo di verificare se la propria area di residenza fosse coperta dall'ADSL, ha ottenuto risultato positivo, anche nell'eventualità che la copertura non esistesse.

L'azione del Movimento Consumatori ha quindi avuto come risultato la condanna di Wind, da parte del Tribunale di Roma, a informare correttamente gli utenti, correggendo il comportamento finora tenuto in quanto "lesivo degli interessi dei consumatori". L'ordinanza impone all'operatore di fornire, all'utente che tramite Internet si informa circa la copertura in ADSL veloce del suo numero telefonico, "in ogni caso una risposta veritiera, ossia corrispondente alla reale situazione individuale dell'utente, e completa, con esito differenziato, in relazione alle diverse offerte commerciali dell'azienda, siano esse del solo servizio Internet o anche di fonia". In buona sostanza, se un numero telefonico non risulterà coperto da ADSL, Wind dovrà ammetterlo.
"Questa sentenza - ha spiegato Laila Perciballi, del Movimento Consumatori - costituisce una vittoria per tutti i cittadini, perché per la prima volta il giudice ha condannato i comportamenti scorretti del gestore, per errata e scorretta informazione sulla effettiva copertura ADSL".

Il giudice ha inoltre imposto al gestore, "per contribuire a ristabilire anche per il passato la corretta informazione, rimuovendo eventuali effetti pregiudizievoli delle violazioni accertate, la pubblicazione a cura e spese di Wind, per una sola volta, sui quotidiani a diffusione nazionale laRepubblica ed IlMessaggero di un avviso contenente il dispositivo di questa sentenza, con l'indicazione degli estremi del giudizio, dell'organo giudicante e delle parti a caratteri tipografici doppi del normale".

Il termine, per modificare la procedura di interrogazione dal sito Internet per la verifica della copertura, nonché della pubblicazione del dispositivo della sentenza sui quotidiani, scade oggi.

Dario Bonacina
20 Commenti alla Notizia ADSL, Wind condannata a dire la verità
Ordina
  • ho lavorato in un call-center fini ad oggi 29/10 mi sono licenziata perchè con tutte le offerte telefoniche che facevamo era un continuare a prendere in giro la gente.ho lavorato per 4 mesi per aiutare l amia famiglia economicamente ma la mia coscienza non me l'ho permette più...non fidatevi di nessuno quando vi propongono una consulenza gratuita per valutare una qualsiosi offerta telefonica non dicono mai il vero.
    non+autenticato
  • :@ho cambiato gestore telefonico da telecom a infostrada da almeno cinque anni,pago tutto a infostrada senza canone a telecom.e sapete cosa accade ogni due mesi?mi arriva normalmente una bolletta con cica quattro o cinque euro di chiamate a numeri speciali,impossibile farli che non mi e' concesso tramite infostrada chiamare un'altro gestore,mi sono rivolto al 187 e mi hanno detto di pagare visto la cifra irrisoria,ah dimenticavo sulla bolletta non c'e niente che faccia capire a chi ho chiamato solo il totale e chiamata verso numeri speciali.infostrada si inventa delle chiamate a numeri mai fatti per farti uscire fuori dal costo fisso da me scelto,insomma cambi come ti pare ma tra loro sono tutti d'accordo.sono una banda di estorsori autorizzati e lo sanno tutti.il cetriolo ...
    non+autenticato
  • venerdì 06 luglio 2007
    "Il termine, per modificare la procedura di interrogazione dal sito Internet per la verifica della copertura, nonché della pubblicazione del dispositivo della sentenza sui quotidiani, scade oggi."

    sabato 07 luglio 2007
    Sulla linea 081 - 5555555 è disponibile l'offerta richiesta.

    Il numero 081-5555555 esisterà??O.o
    non+autenticato
  • Si esiste pagine bianche lo da associato alla "TeleContact Center di Napoli (mi sa che hai preso l'unico esempio validoCon la lingua fuori mannaggia)
    non+autenticato
  • Quella sulla copertura effettiva del servizio non è la sola bugia di Wind-Infostrada. Da tempo ho un abbonamento a 4MB. ma dai risultati dei tests continuo a non superare i 600 KB. L'avessi saputo prima, avrei scelto un abbonamento meno costoso.
  • Anche se si tratta di cellulari e sempre relativo.
    Un anno e mezzo fa mi aveva chiamato la vodafone per farmi un offerta per la UMTS CARD per il pc. Era una buona offerta solo che non c'era la copertura nella mia zona. Quando ho detto all'operatore che, appunto, non c'era la copertura mi ha risposto che la potevo comprare perchè sapeva che tra qualche anno avrebbero coperto la zona. Infatti è stata coperta 3-4 mesi fa.
    Qualcuno penserà che era una buona offerta lo stesso. Anche io ci ho pensato.(100 euro per la card erano pochi). Basta pero pensare al fatto, che appena hanno coperto la zona con UMTS è uscita la SUPER UMTS (la quale naturalmente in questa zona non c'è) e per la quale quella scheda non era adatta. hmmmm
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)