Tariffe fisso-mobile in discesa automatica

Entro i prossimi mesi l'Autorità varerà probabilmente un sistema di riduzione programmata delle tariffe telefoniche che più incidono sulla bolletta degli italiani

Roma - Chiamare un telefono cellulare da rete fissa rappresenta un costo notevole come ben sanno gli italiani, popolo presso il quale il telefonino si è diffuso in modo estremamente pervasivo. Su questi costi l'Autorità TLC ha avviato ad agosto una consultazione per pervenire ad uno schema regolamentare che ne consenta la riduzione automatica programmata.

Ad un sistema del genere sono già adeguate le tariffe di telefonia fissa di Telecom Italia e la speranza dell'Autorità, che mercoledì 11 farà il punto sulla situazione, è di riuscire a ideare un quadro efficiente che determini una sorta di "price cap" anche su questo genere di tariffa. Esponenti dell'organismo di controllo hanno infatti sottolineato che oggi è il mercato che deve fare i prezzi e l'Autorità dovrebbe limitarsi ad un'operazione di controllo contro eventuali discriminazioni od operazioni di dumping delle forniture.

L'Autorità, che sembra dunque spingere per una progressiva riduzione dei propri interventi sull'andamento tariffario all'interno dei parametri stabiliti annualmente, per il momento ha sottolineato come tra il 1998 e il 2001 le tariffe telefoniche sono scese solo del 6,6 per cento. E questo nonostante il progressivo aumento del canone telefonico.
1 Commenti alla Notizia Tariffe fisso-mobile in discesa automatica
Ordina