Dario D'Elia

Net tv, Democracy Player ascende in Miro

Miro è la nuova piattaforma open per il video-podcasting e i contenuti ad alta risoluzione; grazie alla licenza GPL si respira aria di totale libertà di utilizzo e accessibilità ai contenuti

Roma - La regola del web 2.0 è di non essere mai soddisfatti dei buoni risultati raggiunti. Così è per Democracy Player, il "mitico" software che grazie ai suoi tool multimediali aveva stravolto il concetto di video-community. A distanza di poco più di un anno dal suo lancio e dal suo primo - e serio - aggiornamento ecco il colpo di scena: cambio di nome in Miro e leggera correzione di rotta.

Come riporta BoingBoing l'Internet TV player non solo ha un nuovo nome, ma nuove funzioni e, si augurano i suoi molti sostenitori, un grande futuro davanti a sé. La rinnovata piattaforma mette a disposizione una gran quantità di canali in video-podcasting - tutti liberamente fruibili - affidandosi al protocollo BitTorrent.

Miro è anche in grado di riprodurre ogni tipo di formato grazie all'utilizzo del player open VLC. E c'è chi sottolinea come se da un lato offra anche i video di YouTube, dall'altro si distingua come la risorsa online e offline più ricca di contenuti ad alta risoluzione. Insomma, la via open source e gratuita della nuova piattaforma Miro potrebbe rivelarsi una risposta adeguata alle esigenze emergenti dei broadcaster e dello user generated content. Dispone di licenza GPL, ed è potenzialmente accessibile a tutti.

La ciliegina sul Miro sta nel fatto che sia stato realizzato da una fondazione senza scopo di lucro chiamata Participatory Culture Foundation. Un'organizzazione che si agita anche dietro alla Broadcast Machine, che permette di pubblicare online un proprio canale video, e VideoBomb, una sorta di Digg versione video.
Dario d'Elia
5 Commenti alla Notizia Net tv, Democracy Player ascende in Miro
Ordina
  • Forse è arrivato il momento di migrare... ormai l'impacchettamento di nuovi soft arriva prima su ubuntu: nemmeno debian unstable è più all'altezza (per non parlare dell'instabilità, appunto - è da una settimana che iceweasel mi crasha quando visito repubblica o perfino getmiro.com e ancora nessun aggiornamento...).

    Salut
  • se per farti vedere i video usa VLC... il Dplayer (miro) che cavolo è? non riesco a capirlo
    non+autenticato
  • - Scritto da: wikiwiki
    > se per farti vedere i video usa VLC... il Dplayer
    > (miro) che cavolo è? non riesco a
    > capirlo
    mah.. puoi chiamarlo interfaccia/aggregatore di risorse video. e' un impasto di cose (xulrunner = ossia gecko = ossia il cuore di firefox) , client bittorrent , vlc ecc..
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: wikiwiki
    > > se per farti vedere i video usa VLC... il
    > Dplayer
    > > (miro) che cavolo è? non riesco a
    > > capirlo
    > mah.. puoi chiamarlo interfaccia/aggregatore di
    > risorse video. e' un impasto di cose (xulrunner
    > = ossia gecko = ossia il cuore di firefox) ,
    > client bittorrent , vlc
    > ecc..
    behdai detta così uno che non lo ha mai visto non capisce molto.

    è una sorta di joost (net tv) che però è basato sui software citati sopra ed offre molti più canali.

    Tali canali però non sono in streaming (solo alcuni lo sono) ma si scarica il video sul proprio PC.
    Niente paura per lo spazio su disco, si puo' infatti impostare un limite di MB/GB.

    Non ho provato l'ultima versione ma della prima se devo dare un giudizio direi che il software era già perfetto, io ho riscontrato solo minor bug e l'interfaccia era già solida e semplice. I contenuti invece sono ricchissimi ma spesso organizzati caoticamente, questo forse è dovuto al grande numero di video presenti sulla piattaforma.

    Provalo perché è davvero un buon programma
    non+autenticato
  • - Scritto da: wikiwiki
    > se per farti vedere i video usa VLC... il Dplayer
    > (miro) che cavolo è? non riesco a
    > capirlo

    miro serve a cercare video corrispondenti ai tuoi gusti, organizzarne lo scaricamento e la conservazione, e ovviamente a farteli vedere.

    l'idea e' che usare il programma 1 per cercare i video, il programma 2 per scaricarli, e il programma 3 per vederli e' scomodo. miro riunisce queste ed altre funzionalita' in una interfaccia compatta, e da' modo anche ai produttori di video di facilitare al pubblico il reperimento delle proprie produzioni.

    usa VLC nel senso che si appoggia a pezzi di altri programmi per svolgere alcune delle proprie funzioni, come fanno molti altri programmi.
    non+autenticato