Luca Annunziata

Cellulari? No, qui no, grazie

Un piccola città canadese non vuole antenne per cellulari. Non c'entrano le preoccupazioni per la salute;: è una strategia turistica. I telefonini, d'altra parte, distruggono la quiete e fanno saltare i nervi

Roma - La piccola comunità rurale di Slocan Valley (British Columbia), un tempo fiorente attorno alla cittadina mineraria di New Denver e oggi abitata da poco meno di 600 persone, ha chiesto all'operatore canadese Telus di non installare la prevista stazione radio che permetterebbe di far giungere il segnale per la telefonia mobile nella loro valle.

Nessun rigurgito neoluddista, nessuna preoccupazione per la salute e per gli effetti delle onde elettromagnetiche: semplicemente, la commissione per lo sviluppo economico di New Denver (sito designato per ospitare il ripetitore) punta a promuovere il turismo con la promessa di una zona detelefoninizzata: "Il fatto che manchi la copertura per i cellulari consente di godersi la vita senza il suono incessante delle suonerie, seguito dalla conversazione strillata di qualcuno" ha dichiarato alla Reuters Bill Roberts, rappresentante del comitato.

Lo stesso Roberts respinge le accuse che la comunità sia contro le nuove tecnologie: "Vediamo la faccenda come un incredibile vantaggio competitivo, che ci consentirebbe di distinguerci dalle altre aree che praticano una sorta di politica di sviluppo dell'anche noi". Secondo Roberts insomma, sarebbe in corso una gara ad avere aeroporti più grandi, reti cellulari e qualsiasi altra forma di investimento solo perché anche altre comunità se ne stanno dotando: il tutto seguendo un "percorso di crescita alla cieca".
Al momento Telus sembrerebbe avere deciso per la sospensione dei lavori. Entusiasta Katrine Campbell, sindaco di New Denver: "Potremo dire venite da noi per le vacanze e il vostro capo non potrà rintracciarvi" ha dichiarato il primo cittadino alla stampa. Ma voci di dissenso si levano dal resto della valle, soprattutto dalle più piccole Slocan village e Silverton che sarebbero pronte a farsi avanti per ospitare il ripetitore sui rispettivi suoli. A supporto delle loro tesi, gli amministratori delle due comunità argomentano che si potrebbe sempre scegliere di spegnere il cellulare o non portarselo dietro. Al contrario, l'utilizzo del telefonino sarebbe senz'altro utile in caso di emergenza (soprattutto d'inverno) e per migliorare la comunicazione tra offerta turistica e visitatori.

La commissione di New Denver pensa invece che ci siano altre forme di investimento per garantire l'aggiornamento della propria comunità: per questo è allo studio un piano per garantire accesso internet veloce a tutta la valle con un sistema wireless. Chissà cosa penseranno i cittadini di questa iniziativa, alla luce dei recenti ingiustificati allarmi sui rischi del WiFi.

Luca Annunziata
3 Commenti alla Notizia Cellulari? No, qui no, grazie
Ordina