Bruxelles si muove su privacy e spam

di Pietro Morelli. Breve excursus su una direttiva comunitaria, la 2002/58/CE, destinata ad intervenire sulle libertà digitali. Per vedere quali sono i nodi centrali di un testo che è già al centro di ampi dibattiti

Bruxelles si muove su privacy e spamdi Pietro Morelli - Porta la data del 12 luglio 2002 la Direttiva n. 2002/58/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee il 31 luglio u.s (data della sua entrata in vigore), relativa al trattamento dei dati personali ed alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche.

Entro il 31 ottobre 2003 gli Stati membri della Comunità Europea dovranno adeguarsi a tale Direttiva che sostituirà, da tale data, la n. 97/66/CE (Direttiva sul trattamento dei dati personali e sulla tutela della vita privata nel settore delle telecomunicazioni), alla quale l'Italia si era adeguata con il d.lgs. n. 171/98.

Il testo della Direttiva, in formato pdf, è liberamente consultabile al seguente indirizzo internet: http://europa.eu.int/eur-lex/it/dat/2002/l_201/l_20120020731it00370047.pdf

La prima grossa differenza, tra le due Direttive, la si coglie già nell'intestazione: non si parla più, infatti, di settore delle telecomunicazioni ma del più ampio ed onnicomprensivo settore delle comunicazioni elettroniche.
La nuova Direttiva, di fatto, dunque, abroga e sostituisce la precedente Direttiva n. 97/66/CE (elaborata nel rispetto della Direttiva n. 95/46/CE, relativa alla tutela delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali; nel rispetto dei princìpi riconosciuti dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea e nel rispetto della Convenzione Europea per la protezione dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali).

Tale sostituzione è motivata, dal Parlamento Europeo, dalla necessità di adeguare la precedente Direttiva (che viene in gran parte replicata nella nuova) "agli sviluppi verificatisi nei mercati e nelle tecnologie dei servizi di comunicazione elettronica, in guisa da fornire un pari livello di tutela dei dati personali e della vita privata agli utenti dei servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico, indipendentemente dalle tecnologie utilizzate".
4 Commenti alla Notizia Bruxelles si muove su privacy e spam
Ordina