Il terzo colosso del computing

E' nato grazie ad un colpo di mano di Acer su Gateway. Sullo sfondo, le mosse di Lenovo

Roma - Vendite per 15 miliardi di dollari ne faranno il terzo player del settore dopo HP e Dell: si sta parlando del colosso del computing che emergerà dall'annunciata acquisizione del produttore americano Gateway da parte di Acer.

L'operazione, spiegano le fonti finanziarie, vale 710 milioni di dollari, cifra con cui Acer risponde alle recenti mosse di mercato di un altro colosso, la cinese Lenovo, che ha gettato il suo occhio su Packard Bell dopo aver acquisito, l'anno scorso, la divisione PC di IBM. Gli accordi tra Gateway e Packrd Bell potrebbero infatti consentire ad Acer di alzare il prezzo di PB qualora Lenovo concretizzasse l'intenzione di acquistare.

Secondo Acer l'acquisizione consentirà all'azienda che ne emerge di mettere in campo sostanziali risparmi soprattutto sul fronte dell'acquisizione dei componenti.
4 Commenti alla Notizia Il terzo colosso del computing
Ordina
  • Hey! Se Acer compra Gateway, che se non ricordo male è l'ultima ad aver acquistato la tecnologia Amiga, magari ci scappa un bell'Amiga portatle! Occhiolino
    Fan Amiga
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 29 agosto 2007 16.40
    -----------------------------------------------------------
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 29 agosto 2007 16.40
    -----------------------------------------------------------
    frk
    344
  • MAMMAGARI
    sarebbe anche ora!!!!

    Amiga FOREVER
    non+autenticato
  • Hanno già mollato la presa da tempo, al massimo certi Gateway attuali montano un case che ricorda vagamente quello che avrebbe dovuto essere del AmigaNG (una specie di cubicolo da smalloffice da infilare sotto il monitor).
    Investire in Amiga, la vera amiga, richiederebbe uno sforzo economico enorme e darebbe i frutti sperati perchè nel giro di 6 mesi qualsiasi cosa verrebbe proposta, si ritroverebbe totalmente superara.
    L'unica cosa che può fermare questo trend di continui ed inutili aggiornamenti è una crisi mondiale del settore informatico che dia il peggio di se in tutti i settori (cpu che non si riescono più a spingere neanche mettendo un treno di core - schede video che richiedono una batteria al plutonio per rimanere accese - sistemi di dissipazione degni della turbina di un boeing e magari pure una crisi nel mercato delle materie prime necessarie tipo alluminio e rame)
    non+autenticato
  • Err. "e non darebbe i frutti sperati..."
    non+autenticato