Lo spam tira in ballo la Baia

Arrivano lettere curiose nelle mailbox degli italiani, email che vorrebbero indurli a spendere, magari stimolando con un nome famoso, come quello di The Pirate Bay

Bari - Salve Punto Informatico, dato che vi leggo tutti i giorni mando la segnalazione di una cosa buffa che ho trovato ora nella mia cartellina antispam, in pratica un messaggio in cui il solito spammer mi suggerisce non ho ben capito cosa ma la cosa davvero interessante è l'intestazione.

Se guardate l'immagine che allego potete vedere il soggetto della mail, che in pratica è: The Pirate Bay strikes back! (non so se l'hanno presa dal film di Star Wars, ma la frase è ad effetto e richiama un sito conosciutissimo). Ma i contenuti della mail non c'entrano niente col soggetto. Č una nuova tecnica degli spammer? Grazie per l'eventuale risposta e complimenti per il grandioso lavoro!
Vincenzo R.

La mail spammatoria
Caro Vincenzo
uno spam inneggiante a The Pirate Bay non l'avevo ancora visto ma è una ri-edizione di una tecnica vecchia: cioè,ti mando una mail con un soggetto che può interessarti (la Baia è molto popolare tra gli utenti Internet) così da indurti ad aprire il messaggio. Una volta che l'hai aperto, cerco di spingerti a fare un'operazione, in questo caso di investimento finanziario (una vecchia tecnica speculativa per cercare di drogare l'andamento di certi titoli in Borsa).
Immagino che chi ha prodotto quell'email, come tanti altri, non si ponga il problema dell'effetto che produce in chi legge, vedere cioè un totale scollamento tra il subject dell'email e i suoi contenuti. Molti cancelleranno in pochi attimi una mail di questo tipo, ma il fatto che gli spammer dopo tanti anni continuino a usare questi stessi "trucchetti" indica che molti utenti ci cascano ancora. Ed è quindi importante continuare a parlarne.
Grazie a te Vincenzo!
Alberigo Massucci
TAG: spam, phishing
6 Commenti alla Notizia Lo spam tira in ballo la Baia
Ordina
  • Ma perchè queste aziende non possono essere denunciate?
    Nel loro stato non ci sono "leggi anti-spam"?
  • Bè in questo caso non c'entra nessuna azienda...

    - Scritto da: ba1782
    > Ma perchè queste aziende non possono essere
    > denunciate?
    > Nel loro stato non ci sono "leggi anti-spam"?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fai il login e Registrati
    > Bè in questo caso non c'entra nessuna azienda...

    Come no? Quella che ha sponsorizzato il prodotto! La ADOV inc!

    O perlomeno indagare su cosa succede da loroSorride
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 07 settembre 2007 09.47
    -----------------------------------------------------------
  • In effetti me lo sono sempre chiesto anche io.
    Da qualche parte lessi che non era possibile far ricadere la colpa alle aziende in quanto loro avevano commissionato una campagna pubblicitaria e quindi il responsabile era il pubblicitario. A me pare comunque una vaccata astronomica...
    E poi... se mandano spam vuol dire che qualcuno ci guadagna: lo spammatore e l'azienda sponsorizzata. Se l'azienda guadagna vuol dire che qualcuno compra quel prodotto.
    Ora mi chiedo: ma possibile che veramente qualcuno compri quella roba perchè gli arriva l'e-mail?

    Mah... di persone strane ce ne sono al mondo...

    CiaoA bocca aperta
  • Evidentemente se cotinuano amadarli un guadagno c'è.

    l'unica secondo me sarebbe fare un acquisto fittizzio e tracciare il pagamento, se poi però il pagamento fosse da farsi ad una ditta in burundi dove i conti correnti non possono essere tracciati (anche senza andare in burundi per non farsi tracciare con un pagamento basta aver una banca in lichtenstein od in svizzera...) e le leggi riguardo allo spam sono inesistenti allora sarebbe comunque inutile.

    okkio però che se si potesse denunciare su due piedi la ditta pubblicizzata io farei subito finti spam che pubblicizzano i miei concorrenti per poi denunciarli.
    non+autenticato
  • se non ho capito male, la tecnica in questo caso consisterebbe nell'indurre le "vittime" dello spam ad investire in borsa su un certo titolo.

    un'ondata di acquisti alzerebbe inevitabilmente il prezzo del titolo stesso in poco tempo.

    se lo spammer fosse in possesso di parecchie azioni di quel titolo, potrebbe rivenderle dopo soli pochi giorni con un ottimo margine di guadagno.
    non+autenticato