I docenti apprezzano l'e-learning

Lo sostiene un sondaggio dell'Università cattolica di Milano che risponde così a chi teme che certi mezzi non siano efficaci. 30mila i questionari analizzati

Milano - A chi avesse dubbi sulla reale efficacia degli strumenti di apprendimento a distanza (e-learning) risponde ora un sondaggio dell'Università cattolica di Milano, secondo cui i 60mila docenti che hanno partecipato l'anno scorso al progetto ministeriale "Punto edu" di e-learning hanno trovato grande utilità nel sistema gestito dall'INDIRE (il nuovo istituto del ministero dell'istruzione).

Dei 30mila questionari tornati all'INDIRE, il 90 per cento parla di esperienza positiva, il 97 per cento ne ha chiesto la prosecuzione e il 95 per cento vorrebbe portare in classe le risorse suggerite dai corsi.

"Questi dati - spiega una nota - sono ancora più confortanti se si pensa che tra i 60.000 insegnanti, il 21% non aveva mai usato il computer e si è dovuto quindi misurare non solo con i contenuti e i compiti richiesti dal corso ma anche con l'alfabetizzazione all'uso di questo strumento e con l'accesso alla rete internet. Tutte competenze acquisite sul campo che potranno essere usate dai docenti neoassunti nel loro lavoro con i ragazzi".
Sulla base dei risultati ottenuti, INDIRE sta ora studiando i nuovi progetti ministeriali, a cominciare da quelli per la formazione tecnologica di quasi 200mila insegnanti e per la formazione degli insegnanti di inglese alle elementari. "In questa seconda iniziativa - spiega la nota diffusa da INDIRE - per la prima volta saranno coinvolti i bambini: la piattaforma on line prevede anche uno spazio per loro, pieno di giochi e di animazioni per sostenere l'apprendimento della lingua fin dai 4 anni".
TAG: italia
13 Commenti alla Notizia I docenti apprezzano l'e-learning
Ordina
  • Nella mia scuola ISIS Polo-Cattaneo di Cecina ( LI )da quest'anno sarà attivato un progetto, di cui sono coordinatore, di E LEARNING per il recupero dei debiti degli studenti che abitano in località disagiate o con difficoltà logistiche.
    Chiunque fosse interessato a maggiori informazioni può contattarmi tramite l'istituto
    Il progetto NEW WEB CAM è stato finanziato dalla provincia di Livorno e va nell'ottica di un sempre maggiore utilizzo della rete anche comme supporto per la formazione scolastica curriculare
    non+autenticato
  • Ciao, io sono valerio, e mi appresto a frequentare il quinto anno di liceo scientifico.
    La mia sezione è una di quelle famigerate sezioni del pni, piano nazionale informatico, dove in teoria si dovrebbe insegnare informatica e usare il computer in maniera attiva.
    Credo che praticamente tutte le materie possano trarre giovamento dall'uso intelligente dei computer.

    invece i computer tipicamente vengono usati così:
    "bene ragazzi fate una ricerca su internet del rapporto fra robinson crusoe e venerdì analizzandola nell'ottica del razzismo e poi fatene un bell'ipertesto"
    Il tutto nella convinzione errata che su internet si possa trovare tutto, come se fosse un enciclopedia a disposizione di noi tutti per farci fare i compiti.

    I primi ad avere una cultura informatica dovrebbero essere i docenti, e parlo di cultura, non di alfabetizzazione.

    Il computer non deve essere una nuova lavagna, ma un nuovo mezzo.

    ad esempio, invece di fare stare a scuola per i corsi pomeridiani di recupero docenti e insegnanti, basterebbe creare uno sportello che rispondesse alle domande poste magari via e-mail, in maniera da spedere di meno e ottenere di più...
    non+autenticato
  • il 50% delle matricole non sa usare un computer, o non ha voglia di usarlo. chi e' riuscito a far funzionare un e-corso. io, con i miei 300 studenti, non ce l'ho proprio fatta.
    non+autenticato
  • Guarda che i motivi possono essere anche altri. Con la risposta che mi hai dato sotto non dimostri certo la disponibilità necessaria a far partire un progetto come questo.

    E-Learning = Integrazione e non Sostituzione di un corso universitario "classico".

    Non voglio far polemica, l'argomento mi ineteressa davvero

    Cla
    non+autenticato
  • Peccato che quando hanno analizzato i questionari non hanno potuto tener conto di tutti quelli che non hanno mai ricevuto, visto che il sistema nei giorni in cui ho provato ad usarlo io (e i colleghi a cui davo supporto avevano provato prima, per giorni e giorni, e hanno insistito dopo) era ostinatamente rotto.

    Ho l'impressione che i risultati sarebbero stati diversiSorride
    non+autenticato
  • Leggere questa news tratta Da una fonte come la Cattolica che avrà online si e no il 2% dei corsi e il materiale relativo mi fa sorridere.

    Per cominciare mi accontenterei di poter trovare le dispense, la pretesa che un Prof. ti segua anche via e-mail è praticamente irrealizzabile visto che non ti rispondono neanche quando scrivi al dipartimento per chiedere l'orario di ricevimento ....

    P.S. se qualcuno volesse provare un bell'applicativo di e-learning rilasciato sotto GPL (PHP + MySQL) vada qui:

    www.claroline.net

    non+autenticato
  • ecco il tipico attenggiamento dello studente: scrivere a caso. e' ovvio che il dipartimento non ti risponda: gli orari di ricevimento sono pubblicati sul web e sono esposti in varie bacheche (che gli studenti riescono a non vedere). io, quando mi scrivo no per domandarmi quando ricevo o quando ci sono gli esami, cestino semplicemente la lettera.
    non+autenticato
  • Bravo, e tu saresti uno pronto a gestire le informazioni in entrata e in uscita che genera un applicativo di E-Learning?

    Buon Lavoro
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)