Vodafone tenta la flat musicale

Si parte dal Regno Unito con un servizio che da Natale consentirÓ agli utenti di accedere ad un enorme catalogo di pezzi. Per utenti GPRS e UMTS che vogliano spendere quasi solo di traffico

Londra - Ricercato e voluto da lungo tempo, il business che associa traffico telefonico mobile e flat di accesso alla musica da scaricare si sta facendo strada. Tra gli apripista è Vodafone UK: la divisione britannica dell'operatore sta per lanciare un nuovo servizio di condivisione musicale.

Raccontano le cronache che l'accordo appena stretto con Omnifone, già dietro la celebre MusicStation, consentirà a Vodafone di offrire entro Natale ai suoi clienti britannici il nuovo servizio.

la console musicalePer una flat settimanale da 1,99 sterline, gli utenti potranno condividere le proprie playlist con gli altri utenti e scegliere i pezzi da un catalogo che conta un milione di brani musicali, tutta musica proveniente da etichette indipendenti e dalle major del disco.
L'offerta, che sarà naturalmente associata al lancio di nuovi dispositivi music-oriented, secondo Omnifone prevede che i telefonini di nuova generazione possano scaricare un brano mediamente in un tempo brevissimo, dai 5 ai 10 secondi, e di scaricare fino a otto album in 10 minuti ("magari mentre aspettano l'autobus" - sostiene Rob Lewis, CEO di Omnifone).

Il giochino è semplice: tracce e playlist rimangono archiviate su server centralizzati, in modo tale che rimangano associati all'utente anche nel caso in cui questi cambi cellulare o il telefonino gli venga rubato. Ciò nonostante le tracce preferite sono archiviate direttamente sul dispositivo per un uso "off line".

Che Vodafone abbia scelto Omnifone ovviamente non sorprende nessuno: come ben sanno i lettori di PI Telefonia, sono mesi che si attende il decollo del sistema, appoggiato da molti grandi nomi della tecnologia e della telefonia mobile.
13 Commenti alla Notizia Vodafone tenta la flat musicale
Ordina