Professionisti IT, i soldi si involano

Gli investimenti se ne vanno e si riversano nei paesi emergenti, che sfornano migliaia di specialisti della tecnologia ogni anno. E' allarme europeo. Viviane Reding punta tutto su un progetto che sa molto di ultima spiaggia

Roma - C'è crisi di talenti ma soprattutto di professionalità: l'Europa non sforna abbastanza professionisti ICT per le proprie esigenze, soprattutto non è capace di impiegarne un numero sufficiente a rispondere all'enorme domanda e ai moltissimi investimenti che, di conseguenza, prendono la via di altri mercati, come India e Cina.

A lanciare un nuovo allarme su quanto sta avvenendo, un allarme che riappare ciclicamente nell'Unione Europea, è il commissario alla Società dell'Informazione Viviane Reding (nella foto), secondo cui quello che definisice analfabetismo digitale sta condizionando il presente e il futuro dell'economia comunitaria.

Il commissario europeoIl 40 per cento dei cittadini europei, spiega, non conosce le tecnologie dell'informazione e questo si traduce in una insufficiente formazione IT, il che rallenta lo sviluppo di nuovi progetti, ergo tende a sbattere la UE fuori da quelle aree dove più veloce e più efficiente è la realizzazione dei nuovi mercati basati sulla rivoluzione informatica e della conoscenza.
"La mancanza di specialisti qualificati ICT - ha dichiarato Reding - rallenta nuove applicazioni ICT nell'economia e trascina miliardi di euro dei fondi di investimento verso economie dinamiche emergenti, dove centinaia di migliaia di nuovi ingegneri vengono diplomati ogni anno".

Le dichiarazioni del Commissario arrivano a ridosso del lancio di una iniziativa tesa a ridurre questo analfabetismo e a recuperare almeno in parte il tempo perduto. E-Skills for the 21st Century è il nome ambizioso di un progetto che si concentrerà su tre aree di lavoro:
- creazione di specialisti ICT (con abilità per ricercare, sviluppare, formare, pianificare, produrre, gestire, commercializzare, vendere, integrare, installare, manutenere e supportare sistemi ICT)
- aumento delle capacità dell'utente ICT (perché il singolo sappia sfruttare efficacemente i sistemi ICT)
- capacità di e-business (quelle necessarie a cavalcare le nuove opportunità, in particolare quelle offerte da Internet, ed esplorare "nuovi mondi")
Di interesse segnalare come il forum europeo E-Skills per far luce nell'arretratezza europea nel settore ha voluto anche definire in modo dettagliato le tre diverse forme di questa "deficienza":
- shortage: un numero insufficiente di professionalità sul mercato del lavoro
- gap: una distanza nelle competenze attuali e in quelle necessarie
- mismatch: una distanza tra le competenze di uno studente o un corsista rispetto alle necessità di competenza richieste dal datore di lavoro
Nel comunicato stampa con cui nei giorni scorsi è stata annunciata al primo posto dell'iniziativa come priorità assoluta c'è la sensibilizzazione, necessaria affinché i singoli paesi membri prendano coscienza una volta per tutte del problema e perché tra i paesi dell'Unione a tutti i livelli (scuola in primis) si passi ad un momento di fattiva collaborazione.
60 Commenti alla Notizia Professionisti IT, i soldi si involano
Ordina
  • l'ambiente informatico è precario per natura, la quasi totalità delle commesse è di tipo mordi e fuggi e non garantiscono al datore di lavoro una continuità lavorativa che gli permette di spendere oltre 40mila euro l'anno per ogni singolo lavoratore(per uno stipendio intorno ai 1500 euro/mese)

    passato il boom degli anni intorno al 2000 moltissime aziende di medio basso livello hanno dovuto chiudere o diversicare a forza di investimenti da cui molte volte non sono rientrati ma almeno gli consentono di sopravvivere

    personalmente ho chiuso la mia attività passando i pochi clienti "fissi" ad una società con cui collaboravo per tappare gli enormi buchi di lavoro dei primi anni del nuovo millennio

    ora mi sono dato al commercio con risultati ben oltre ogni + rosea aspettativa e rimpiango parecchio di non averlo fatto molto prima, purtroppo ai tempi la mia sfrenata passione per l'informatica ha prevalso

    cmq sia i miei migliori auguri perchè penso che il precariato sia una vera e propria piaga lesiva della dignità delle persone che io da datore di lavoro(nel mio piccolo) mi sono sempre rifiutato di utilizzare
    non+autenticato
  • Che idea geniale. Ma che professionisti ICT vuole creare?
    Quando sono i governi a portare avanti questo tipo di iniziative penso che le possibilità di successo siano pari a 0.
    Non sarà sicuramente un emendamento del parlamento europeo a far venire voglia alla gente di studiare cose che normalmente snobberebbe.
    In India hanno capito che tipo di lavoranti a basso costo cerca il mercato e in Cina piano piano lo stanno capendo... non si può continuare a lavorare in fabbrica sperando che il coreano o l'arabo prima o poi non arrivino a rubarti il posto.
    L'europa prima o poi seguirà l'esempio degli States... una bella sede a Bangalore per ognuna delle poche medio-grandi aziende IT rimaste, altro che manodopera qualificata europea.
    L'India sforna più di un milione di ingegneri all'anno.
    L'ideona di Viviane dite che ci permetterà di tenere il passo?


    E poi l'italia... in italia l' IT è moribondo e nessuno riuscirà a salvarlo.
    Le grandi aziende straniere ormai in italia hanno solo piccoli presidi pieni di commerciali o addetti alla localizzazione, fatevi un giro sui siti di ibm,ms,ecc...
    O forse il fatto che di aziendine sparagestionalivb/sitiwebasp/piccolibodyrental ce ne siano sempre basta per dire che il mercato IT non è agonizzante?

    Fatevene una ragione.Il tempo in cui era sensato preoccuparsi e reagire è passato da tempo.Ora si avvicina la fine. Una fine inevitabile come l'aumento delle iscrizioni a facoltà simil-IULM.

    Poi ovviamente, c'è sempre chi si accontenta e continuerà ad accontentarsi di fare lavori del menga, poco qualificanti.

    Eh, ma adesso ci penserà il progetto e-skills a sistemare le nostre deficienze.
    non+autenticato
  • La colpa non e' solo di questi cialtroni di imprenditori che LETTERALMENTE INFESTANO il nostro settore, che ormai sono talmente tanti che non si riesce a "capare" quello peggio da quello meno peggio, la colpa signori e' anche la vostra. Se non siamo noi i primi a farsi rispettare e combattere e dire NO quando il solito testa di c**** presenta un contrattino di cacca gli si ride in faccia, forse non ci troveremmo in queste condizioni ora. Ma noi italiani abbiamo tante virtu' ma un grosso difetto (come diceva andreotti) siamo un popolo poco lungimirante (e se lo dice lui...) e' purtroppo e vero, pensiamo: meglio questo di niente...oggi...domani e dopodomani poi una bella mattina all'eta' pensionabile ci diranno: contratto a progetto nessuna pensione! e allora non ci sara' niente per davvero.
    Parecchie volte quando sentivo persone che facevano domande ovvie e stupide al colloquio mi alzavo e senza salutare me ne andavo, come quando sentivo, la frase contratto a progetto.
    bisogna che trattate questa gente in italia di finti imprenditori come merita ovvero come delle m#úde
    Molte di queste azienducole non sanno nulla di informatica ti sbattono, sul cliente piangono miseria ma si mangiano la loro fetta di meringa senza fare un caXXo. Non credete alle fregnaccie che vi raccontano, perche' se queste aziendine di cacca a prestito del consulente non guadagnassero avrebbero gia' cambiato lavoro!
    PER CUI Cominciate a svegliarvi.

    Per quanto mi riguarda dopo dieci anni di it mi sono trasferito all'estero e vivo alla grande, gli altri scusate ma se lo prendessero bellamente nel c...
    Felice di non vedere piu' quelle faccie di caXXo ai colloqui in Italia, che ti dicevano eh sa il contratto e' ha progetto...
    GOODBYE in italia verro' a fare il turista!
    non+autenticato
  • - Scritto da: risposta alla notizia
    > La colpa non e' solo di questi cialtroni di
    > imprenditori che LETTERALMENTE INFESTANO il
    > nostro settore, che ormai sono talmente tanti che
    > non si riesce a "capare" quello peggio da quello
    > meno peggio, la colpa signori e' anche la vostra.
    > Se non siamo noi i primi a farsi rispettare e
    > combattere e dire NO quando il solito testa di
    > c**** presenta un contrattino di cacca gli si
    > ride in faccia, forse non ci troveremmo in queste
    > condizioni ora. Ma noi italiani abbiamo tante
    > virtu' ma un grosso difetto (come diceva
    > andreotti) siamo un popolo poco lungimirante (e
    > se lo dice lui...) e' purtroppo e vero, pensiamo:
    > meglio questo di niente...oggi...domani e
    > dopodomani poi una bella mattina all'eta'
    > pensionabile ci diranno: contratto a progetto
    > nessuna pensione! e allora non ci sara' niente
    > per
    > davvero.
    > Parecchie volte quando sentivo persone che
    > facevano domande ovvie e stupide al colloquio mi
    > alzavo e senza salutare me ne andavo, come quando
    > sentivo, la frase contratto a progetto.
    >
    > bisogna che trattate questa gente in italia di
    > finti imprenditori come merita ovvero come delle
    > m#úde
    > Molte di queste azienducole non sanno nulla di
    > informatica ti sbattono, sul cliente piangono
    > miseria ma si mangiano la loro fetta di meringa
    > senza fare un caXXo. Non credete alle fregnaccie
    > che vi raccontano, perche' se queste aziendine di
    > cacca a prestito del consulente non guadagnassero
    > avrebbero gia' cambiato lavoro!
    >
    > PER CUI Cominciate a svegliarvi.
    >
    > Per quanto mi riguarda dopo dieci anni di it mi
    > sono trasferito all'estero e vivo alla grande,
    > gli altri scusate ma se lo prendessero bellamente
    > nel
    > c...
    > Felice di non vedere piu' quelle faccie di caXXo
    > ai colloqui in Italia, che ti dicevano eh sa il
    > contratto e' ha
    > progetto...
    > GOODBYE in italia verro' a fare il turista!

    quoto
    speriamo che vieni a fare davvero il turista perche' qui tira un aria da Argentina! Deluso
    non+autenticato
  • A parte che per sputare su chi OFFRE lavoro ( sia pure un lavoro malpagato e precario ) bisognerebbe prima AVER PROVATO ad aprire un'attività e ad assumersi la responsabilità di coprire i costi fissi prima ancora di aver visto un solo Euro di incasso.
    Io ho lavorato sei anni in proprio ( nel settore dell'assistenza IT nei campi HW, Sistemistico e programmazione ) e mi sono BEN GUARDATO dal cercare collaboratori... ma almeno nessuno ha dovuto preoccuparsi di darmi un posto di lavoro.
    Poi mi sono rotto una volta per tutte di essere perseguitato come evasore per il solo fatto di avere partita IVA e non riuscire a guadagnare i 4000 Euro al mese che secondo Prodi e Diliberto e Bertinotti sono IL MINIMO per uno che ha un'attività in proprio; ci provino loro ad aprirsi l'attività... vediamo cosa guadagnano!;
    per cui HO CHIUSO! giusto prima che prodi&company andassero al governo.

    Comunque per questa Italia non vedo proprio futuro e sto seriemente pensando di andarmene prima che sia troppo tardi.

    Per curiosità... in che paese sei andato a lavorare? hai avuto grosse difficoltà di inserimento?

    Saluti.

    Alessio
    non+autenticato
  • - Scritto da: halnovemila
    > A parte che per sputare su chi OFFRE lavoro ( sia
    > pure un lavoro malpagato e precario )
    > bisognerebbe prima AVER PROVATO ad aprire
    > un'attività e ad assumersi la responsabilità di
    > coprire i costi fissi prima ancora di aver visto
    > un solo Euro di
    > incasso.
    > Io ho lavorato sei anni in proprio ( nel settore
    > dell'assistenza IT nei campi HW, Sistemistico e
    > programmazione ) e mi sono BEN GUARDATO dal
    > cercare collaboratori... ma almeno nessuno ha
    > dovuto preoccuparsi di darmi un posto di
    > lavoro.
    > Poi mi sono rotto una volta per tutte di essere
    > perseguitato come evasore per il solo fatto di
    > avere partita IVA e non riuscire a guadagnare i
    > 4000 Euro al mese che secondo Prodi e Diliberto e
    > Bertinotti sono IL MINIMO per uno che ha
    > un'attività in proprio; ci provino loro ad
    > aprirsi l'attività... vediamo cosa
    > guadagnano!;
    > per cui HO CHIUSO! giusto prima che prodi&company
    > andassero al
    > governo.
    >
    > Comunque per questa Italia non vedo proprio
    > futuro e sto seriemente pensando di andarmene
    > prima che sia troppo
    > tardi.
    >
    > Per curiosità... in che paese sei andato a
    > lavorare? hai avuto grosse difficoltà di
    > inserimento?
    >
    > Saluti.
    >
    > Alessio

    no assolutamente sto benissimo! Irlanda anche io come molti
    non+autenticato
  • non vi sta bene come vi trattano gli imprenditori? fregategli il mestiere, fate voi gli imprenditori, cercatevi i clienti, conosceteli, proponetegli i vostri servizi e convinceteli che pagandoveli quanto volete andranno comunque ad avere un investimento fruttuoso

    andreotti dice che "noi italiani abbiamo tante virtu' ma un grosso difetto, siamo un popolo poco lungimirante"?
    mi fa tornare in mente una cosa a proposito di lungimiranza
    1972 Governo Andreotti 42.614 mila miliardi di lire di debito , il 42.7% PIL
    ...
    1992 Governo Andreotti-Amato 1.633.770 milioni di miliardi di lire di debito, 108.1% PIL
    in vent'annni ha fatto passare il debito pubblico dal 42% al 108% del PIL...

    http://wallstreetrack.wordpress.com/2006/08/30/len.../
    non+autenticato
  • Imprenditori in questo posto? In mezzo ad una marea di imprenditori falliti? MAI.
    Anche se in italia è molto più semplice far sopravvivere un'azienda che altrove... Permettimi di rivedere la tue prime frasi:


    non vi sta bene come vi trattano gli imprenditori? fregategli L'hobby, fate voi gli imprenditori, trovate per caso i clienti, conosceteli, proponetegli i vostri aborti software e convinceteli che pagandoveli troppo funzioneranno per più di qualche giorno. Inoltre, se il cliente è dell' ITC, provate a vendergli qualche vostro "collaboratore" appena laureato ma che vanta già 30 anni di esperienza.


    Questa è la realtà. Vaneggiamenti sull' imprenditore IT medio che si fa il mazzo li trovo esageratamente ridicoli.
    non+autenticato
  • quindi non ti va di farti sfruttare come dipendente ma nemmeno di impegnarti come imprenditore
    che ti resta?
    non+autenticato
  • Manca la domanda nell'campo dell'IT, e il più delle volte quella poca che c'è è limitata a soliti siti web/gestionali.
    non+autenticato
  • quanti sono quelli che si sono laureati (magari con sacrificio della famiglia) per finire a girare le patatine fritte a 1 Euro/ora in una nota catena di fast-food-spazzatura???

    e poi di cosa ci si meraviglia???
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 19 discussioni)