QNX, un OS a cuore aperto

Guerra alle altre piattaforme embedded open source: QNX è pronta a pubblicare sotto una licenza (quasi) open il codice alla base del proprio sistema operativo embedded

Ottawa (Canada) - L'avanzata delle piattaforme open source nel mercato dei sistemi operativi embedded sta influenzando le strategie di molte società del settore: l'ultimo esempio è dato dalla canadese QNX Software System, che la scorsa settimana ha deciso di aprire il cuore del suo omonimo sistema operativo real-time.

In questa prima fase l'azienda ha rilasciato il codice del kernel Neutrino, delle librerie di sviluppo e di certi board support package, che semplificano la personalizzazione del sistema operativo per le più comuni piattaforme hardware embedded.

I sorgenti di Neutrino e delle relative librerie sono pubblicati sotto una licenza non commerciale che permette a chiunque di vedere e modificare il codice. La licenza di QNX non è però assimilabile ad una open source: a differenza di una licenza approvata da OSI, quella di QNX dà la possibilità agli sviluppatori di tenere private le modifiche e di inserirle all'interno di un'applicazione proprietaria.
Il modello di licensing ibrido partorito da QNX Software prevede che certe parti della propria piattaforma, quali i componenti runtime e la suite di sviluppo Momentics, restino sotto una licenza commerciale: studenti universitari e sviluppatori amatoriali possono tuttavia richiedere una speciale licenza d'uso gratuita.

Con il rilascio del codice di Neutrino 6.4.0, QNX Software ha anche dato vita ad un portale web, battezzato Foundry27, dedicato alla comunità di sviluppatori che desiderano contribuire alle future release di QNX. In futuro, questo sito farà da repository ad altri progetti che nasceranno con il preannunciato rilascio, da parte della società canadese, di nuovi porzioni di codice alla base di QNX.

L'azienda d'oltreoceano ha dunque adottato un approccio più prudente di rivali come Wind River, che da un paio d'anni offre un sistema operativo embedded completamente open source. Ma l'obiettivo è il medesimo: contrastare l'ascesa delle piattaforme embedded a codice aperto, incluse quelle basate su Linux, come MontaVista e uClinux. Se è vero che oggi la presenza di Linux nel settore delle applicazioni real-time è piuttosto limitata, gli analisti affermano che nel prossimo futuro è destinata ad acquisire una crescente importanza.

QNX è un sistema operativo Unix-like, basato su un'architettura a microkernel, che si rivolge principalmente al mercato dei sistemi embedded, incluse quelle applicazioni - tipicamente controlli industriali - che necessitano di rispondere ad un evento in "tempo reale" (o per meglio dire, ad una velocità che sia possibile predeterminare). Grazie alla struttura a microkernel, QNX può diventare anche un sistema operativo distribuito, utilizzabile per creare reti di sistemi capaci di gestire più task in parallelo.
29 Commenti alla Notizia QNX, un OS a cuore aperto
Ordina
  • Qualche anno fa ho provato un incredibile demo disk di QNX che stava in un solo floppy da 1,44. Ancora oggi c'è da rimanerne sbalorditi.

    http://toastytech.com/guis/qnxdemo.html

    TAD
  • - Scritto da: TADsince1995
    > Qualche anno fa ho provato un incredibile demo
    > disk di QNX che stava in un solo floppy da 1,44.
    > Ancora oggi c'è da rimanerne
    > sbalorditi.
    >
    > http://toastytech.com/guis/qnxdemo.html
    >
    > TAD

    io sbavai per mesi...

    poi provai VxWorks della windriver (quello montato su Opportunity e Spirit su marte...oh, sono ancora funzionanti e belle vispe ad oggi!)...

    spettacolo! Innamorato
  • Articolo interessante, grazie per la segnalazione.
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    Che sia davvero la volta buona?
    non+autenticato
  • una cosa e' vera...linux aspettava da tempo la nascita di una nuova distro, soprattutto il mercato embedded dove le speranze di rosicchiare nell'ombra qualche percentuale di mercato e' fortemente influenzata dal clima di generale confusione tra le varie distro.

    Adesso c'e' la paura giustificatissima che nascano milioni di fork paralleli, in poco tempo incompatibili tra loro.

    Speriamo che la nuova licenza possa arginare il rpoblema....

    gpl3 o non gpl3m linux deve darsi una mossa
    non+autenticato
  • Guarda che QNX centra con linux come le perle con i porci... QNX si trova ad un piano dell'esistenza che linux neppure si immagina che esiste
    non+autenticato
  • un altro che sta studiando per l'MSCE
    non+autenticato
  • - Scritto da: aaa
    > un altro che sta studiando per l'MSCE

    Il giorno che sarai riuscito a prenderla potrai permetterti di nominarla. Torna a ricompilare il kernel e non rompere le balle a chi deve lavorare...
    non+autenticato
  • - Scritto da: pappappero pappa
    > - Scritto da: aaa
    > > un altro che sta studiando per l'MSCE
    >
    > Il giorno che sarai riuscito a prenderla potrai
    > permetterti di nominarla. Torna a ricompilare il
    > kernel e non rompere le balle a chi deve
    > lavorare...

    guarda che "lavorare" non è solo saper cliccare le icone di Zio Bill
    non+autenticato
  • > guarda che "lavorare" non è solo saper cliccare
    > le icone di Zio
    > Bill

    beh da studi effettuati dalla stessa MS è dimostrato che anche le scimmie sono in grado di clikkareA bocca aperta

    pertanto winzozzari = macachi
    non+autenticato
  • uff.. sempre a finire nei soliti banali discorsi...
    Mi spiace per chi continua ad usare windows, probabilmente non ha tempo/voglia/testa per provare altro.
    Recentemente sono passato a OsX dopo averlo usato da un amico per 10 minuti...
    Ma nei server non vedo nè uno nè l'altro sistemaSorride
    Only *nixSorride
  • mmm, con linux non ha molto a che fare, tranne forse la x finale.
    Uno è un microkernel ottimizzato per il realtime, l'altro è un kernel monolitico generico ottimizzabile per tanti ambientiSorride Questa è la macro differenzaSorride
  • > l'altro è un kernel monolitico generico
    > ottimizzabile per tanti ambienti

    Amplierei la definizione con kernel monolitico che potenzialmente può fare tutto bene mentre in pratica fa a gara con windows a riesce a fare le cose più pesantemente.

    Microkernel Rulez
    non+autenticato
  • mah... pensantemente... non ho idea quanto. hai dati alla mano per un confronto? (non è detto in tono trollesco)

    :)
  • Forse qualcuno si è spiegato un pò male... QNX non è l'ennesima distro linux, anzi con linux non ha molto in comune sia per quanto riguarda la struttura del kernel, sia per quanto riguarda le funzionalità offerte.
    Per farla breve QNX è sistema operativo con un kernel monolitico (quello di linux è modulare) ottimizzato (non è il termine esatto, forse dovrei dire progettato) per supportare applicazioni real time, applicazioni per le quali i tempi di esecuzione dei vari task sono critici.
    Generalmente viene utilizzato su sistemi embedded, infatti trova larghissimo uso nei sistemi di controllo industriale, tra cui anche lo Shuttle (si ora verrà fuori che la crepa nello scudo termico è colpa del pinguinoCon la lingua fuori).
    Per concludere un ultima nota, QNX non è appena nato, sono già diversi anni che è sul mercato, qui stanno solo parlando di un cambio della modalità di licensing.

    saluti
    non+autenticato
  • E si pronuncia QNX !
    Non esiste niente che gli sia superiore !
    non+autenticato
  • in effetti qnx è usato sui sistemi di controllo dello shuttle
    non+autenticato
  • l'ho usato a causa della mia curiosità anni fa, era veramente incredibile!

    forza che è la volta buona… Occhiolino
  • Ho avuto a che fare anni fa, almeno 15, con QNX veniva utilizzato su sistemi di controllo delle pompe di benzina, sistema grandioso e un mulo come affidabilità.
    non+autenticato
  • A parte l'entusiamo giusto nei confronti di un'o.s. super (e sopratutto vero, non le ciofeche made in Redmond); scrivi dio in minuscolo (è corretto abituarvi le persone a ciò), parli cmq di un'entità/essere che non esiste
  • - Scritto da: ......

    [CUT]

    > parli cmq
    > di un'entità/essere che non
    > esiste

    Me lo dimostri? Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: ......
    > A parte l'entusiamo giusto nei confronti di
    > un'o.s. super (e sopratutto vero, non le ciofeche
    > made in Redmond); scrivi dio in minuscolo (è
    > corretto abituarvi le persone a ciò), parli cmq
    > di un'entità/essere che non
    > esiste

    contesto.
    Dio è "semplicemente" la somma di tutto ciò che c'è (dalla prima stella all'ultima particella virtuale che prende in prestito un po' di energia dal background cosmico giusto per diventare fotote alcuni fetmosecondi là in fondo a destra PIU' tutto quello che non c'è (e/o che non capiamo perchè siamo pur sempre delle evo-scimmie).

    dai, prova a smontare questo! Rotola dal ridere

    (e, per favore, lasciamo perdere le religioni, che non sono altro che il patetico tentativo di noi scimmiette di capire Tutto, dandogli un nome, una faccia e delle usanze)
    (ah, e la diatrica caso/dio non esiste: il caso -rnd per gli amici- stesso è una sottoroutine di Dio)