Online la condivisione si fa arte

Sono oltre 100 le immagini pervenute alla prima Raccolta differenziata per una Iconografia della Conoscenza condivisa, un progetto di cui Punto Informatico ha parlato lo scorso giugno. Ecco cosa sta succedendo

Roma - "Immagini sorprendenti che, come bene aveva intuito l'artista e ideatore dell'iniziativa Massimo Silvano Galli, ci interrogano sui significati profondi del condividere il sapere e, soprattutto, ci mostrano luoghi e modi della conoscenza condivisa tra loro tanto difformi quanto affascinanti e, comunque, nella stragrande maggioranza, assolutamente lontani dal computer e da quelle tecnologie in cui, con forse eccessivo entusiasmo, il nostro presente informatico e digitale sembra voler intrappolare la questione".

Così il sito dedicato a Condividi la Conoscenza introduce i primi risultati di un'operazione che tenta di rimettere a fuoco l'era digitale e che, come disse l'autore e promotore a Punto Informatico lo scorso giugno, serve a "sottolineare l'ingiustificata marginalità dell'arte nel dibattito attorno alla cosiddetta Società della conoscenza; dibattito che pare spendersi quasi esclusivamente tra i gangli del libero accesso alle tecnologie, quasi dimenticandosi che è sempre un atto immaginativo che anticipa e dà forma a qualsiasi fatto tecnologico, e che è proprio dell'oggetto d'arte la necessità genetica di condividersi, poiché la sua natura si completa solo nell'incontro con l'Altro".

Galli invitava tutti a "condividersi" online attraverso "un oggetto intimo" che rappresenti la loro soggettiva concezione di conoscenza condivisa.
Ed ora, a qualche mese di distanza, molti lo hanno fatto, dando così corpo al progetto di Raccolta Differenziata per una Iconografia della Conoscenza Condivisa che presenta i primi risultati in uno Slide di sicuro impatto:

lo slide

2 Commenti alla Notizia Online la condivisione si fa arte
Ordina