Gabriele Niola

Il Web 2.0 non solo esiste, cresce pure

Lo dice a Punto Informatico Emanuele Quintarelli, motore di numerose iniziative sul tema: la battuta d'arresto di Netscape è fisiologica, i modelli stanno cambiando, ci vuole creatività per rimanere in piedi, creatività 2.0

Roma - Dal fallimento del tentativo di Netscape di diventare un sito di social news al fin qui mancato decollo dei progetti di Mobile Social Networking di Nokia, l'ascesa dei servizi web 2.0 non va sempre di pari passo con la loro popolarità: colpa di cattive idee o delle dinamiche partecipative che stanno mutando? Punto Informatico ne ha parlato con Emanuele Quintarelli, che si occupa proprio di questo in Reed Business Information e che, attorno a questo, ha dato vita a conferenze, blog e altro ancora, oltreché aver fondato Netwo, considerato l'hub per startup italiane in salsa 2.0.

Punto Informatico: Davanti a certi fallimenti di imprese 2.0 qualcuno ha parlato persino di crisi di un sistema. Siamo davvero a questo punto?
Emanuele Quintarelli: Secondo me no, è qualcosa di molto normale. Il modello prevalente negli Stati Uniti finora è stato: "Costruisci qualcosa e vendi a qualche grande azienda come Google o Yahoo!", ed è chiaro che solo poche aziende possono raggiungere questo tipo di obiettivo, le altre sono destinate a fallire ad un certo punto o a trovare soluzioni innovative per reggersi sulle proprie gambe.

PI: Dunque non c'è un modello sostenibile autonomamente?
EQ: Il punto semmai è che i modelli fin qui applicati sono spesso troppo tradizionali, come la pubblicità, che è adatta solamente per servizi che generano un traffico molto sostenuto. Esistono modelli di business più efficaci di quello pubblicitario, che è stato il primo e il più scontato ad essere utilizzato, e di certo non il più efficace. Credo che alla fine chi sopravviverà avrà interpretato le regole di internet in un modo veramente web 2.0 compliant.
PI: L'esempio di Netscape come lo consideri?
EQ: Potrebbe sembrare un po' presuntuoso dare una risposta, perché il web 2.0 si basa su logiche sociali che regolano le dinamiche di massa e per questo è difficile andare a capire le motivazioni di un fallimento. Si tratta sempre di un insieme di fattori. Per avere successo, l'essenziale è cogliere le esigenze degli utenti e poi realizzare un servizio che sia semplice da usare, immediato e che si differenzi dagli altri.
Riproporre idee già viste semplicemente dando un incentivo economico a chi partecipa di più forse non è sempre la strada migliore e Netscape è stata sicuramente penalizzata dal possedere già una solida comunità abituata ad un servizio decisamente più tradizionale.

PI: Invece le community 2.0 solo italiane come per esempio quella di 2Spaghi.it? Pensi ci siano margini di crescita per loro?
EQ: Marco Palazzo, uno dei due fondatori, recentemente mi ha raccontato diversi modelli di monetizzazione che stanno ideando, e come il servizio continui ad evolversi. Al momento hanno un database di più di 5100 ristoranti, 2700 utenti registrati e un traffico che continua a crescere. Il problema però è che per raggiungere una massa critica velocemente serve un investimento iniziale consistente ed in Italia difficilmente si fanno questo tipo di investimenti.

PI: Non sarà che l'utenza italiana è meno attiva rispetto a quella di altri paesi?
EQ: Non possiamo saperlo con certezza. Io non conosco statistiche affidabili sul settore italiano, ma in un ambito leggermente diverso come quello del blogging l'italiano è la quarta lingua, siamo cioè più attivi di molte nazioni con una migliore diffusione di strumenti digitali. Non credo che la voglia di partecipare sia più bassa, è che siamo di meno.

PI: Ci sono degli esempi che possiamo fare?
EQ: Un esempio molto promettente è Zooppa, azienda italoamericana che fa social advertising permettendo agli utenti di creare sia il concept che gli spot per promuovere aziende e prodotti in modo decisamente fresco ed innovativo. Nel loro caso il risultato sembra essere già arrivato, con una lunga lista di aziende importanti (Rai.tv, Alice, Citroen, Pago etc) che sponsorizzano i contest.

PI: E i mobile social network? Finora non sembrano riuscire ad ingranare
EQ: Io ci credo. Al web 2.0 expo di San Francisco, Eric Schmidt ha dichiarato che quello che bisogna aspettarsi per il futuro è una forte espansione sul mobile. Esistono però già ottimi esempi come Mobango, un mobile social network italiano finanziato da capitali londinesi che ha circa un milione e ottocentomila utenti. Anche Dada.net vende servizi a valore aggiunto per i cellulari ed attualmente il numero di utenti gira intorno ai 7 milioni in tutto il mondo. Quando si diffonderanno piani tariffari flat e tutti i dispositivi saranno dotati di GPS allora si apriranno delle prospettive finora impensabili.

PI: Però in questo settore persino Nokia sembra non farcela
EQ: Non credo che Nokia abbia fallito. Al contrario l'azienda finlandese si sta muovendo in modo deciso sulla produzione di contenuti ed esperienze tramite i meccanismi del web 2.0. Solo in agosto è stato lanciato Mosh, una community per la condivisione di contenuti tramite cellulare, mentre pochi giorni fa, a Londra, Olli-Pekka Kallasvuo ha presentato la piattaforma Ovi, un portale che fonde perfettamente i concetti di internet e mobilità consentendo l'acquisto e la condivisione di contenuti quali mappe, video, foto, giochi solamente grazie al proprio telefonino.

PI: Eppure sono tutti servizi presenti già da qualche anno, che però non decollano
EQ: Il mobile social networking è un fenomeno freschissimo. Gli operatori e la stessa Nokia stanno cominciando solo ora a cavalcarlo, quindi è prematuro darlo per morto. In Europa poi non si è fatto nulla di simile e le prospettive sono ancora molto aperte.

a cura di Gabriele Niola
30 Commenti alla Notizia Il Web 2.0 non solo esiste, cresce pure
Ordina
  • Di cosa sarebbe in grado di occuparsi Quintarelli??? Veraente strano scegliere un personaggio del genere per un'intervista....
    non+autenticato
  • Dovrebbero intervistare te, saresti sicuramente più bravo nel descrivere in modo illuminante le tendenze del web 2.0 mondialeA bocca aperta
    non+autenticato
  • Vorrei segnalarvi il mio ultimo articolo (in inglese), che rivede la definizione data da Tim O'Reilly di Web 2.0 in un ottica di rifocalizzazione sulle interazioni sociali sostenuta da un'architettura orientata ai servizi. L'articolo si trova qui(http://lindipendente.splinder.com/post/15354690/Wo...) e contiene anche una sezione dedicata all'impatto delle differenze linguistiche sul social networking e una proposta per un progetto globale che aiuti a superarle.
  • La speranza dietro il cosidetto web 2.0 è :

    VOI fate i contenuti, NOI FACCIAMO I SOLDI AH AH AH!!!
    non+autenticato
  • A parte l'articolo abbastanza vuoto in se, dice una cosa vera; i siti social hanno senso solo se viene raggiunta una massa critica
    "spaghi.it" ad esempio è ancora lungi dall'averla ed i risultati si vedonoTriste http://bolognina.biz/2007/02/04/mangiare-20-a-bolo.../
    Altro esempio, scrive.it, sito ed idea bellissimi, ma pochi utenti e recensioni.
    Siamo sicuri che sia solo una mancanza di investimenti?
    O sono gli utenti italiani che non sono interessati a queste cose?
    O ancora, è davvero così valio come dicono sto modello 2.0 ?
  • - Scritto da: AndyCapp
    > Siamo sicuri che sia solo una mancanza di
    > investimenti?
    > O sono gli utenti italiani che non sono
    > interessati a queste
    > cose?
    > O ancora, è davvero così valio come dicono sto
    > modello 2.0
    > ?

    Forse non ne capisco molto del net italiano, ma la realtà e' che questi "portali" hanno una poca chiarezza ed immediatezza nelle basi su cui sono stati creati.
    Nel nostro paese conta anche una bassa informatizzazione di base, scarsa presenza di una rete "fisica" all'altezza e scarso tempo da dedicare alla stessa ( in molti casi fortunatamente).
    Gioca poi un ruolo preponderante sono quei 10-20 ( dai forse arriviamo a 30) personaggi che si dicono bravi tra loro qualsiasi cosa facciano senza avere uno spirito critico in se'; non sapendo che l'utenza italiana e' poca si ma smaliziata e non incline ai facili entusiasmi.
  • Bravo. Oltre a questo aggiungi che negli U.S.A. e nelle altre nazioni leader di questo settore, la connessione adsl è spesso gratuita o disponibile con un canone minimo. Gli utenti d'oltreoceano sono molto più predisposti a collegarsi e a passare il proprio tempo online.

    Per ottenere risultati importanti il consumatore dev'essere educato e dev'essere differenziato. Se si ragiona a livello mondiale, un social network in lingua inglese può attirare decine di tipologie di utente, ognuno con le sue esperienze e le sue caratteristiche, che lo rendono egli stesso un'attrazione del network.

    Un social network tutto italiano non può sperare di raggiungere grandi numeri, perché le nostre esperienze di vita sono del tutto simili, al massimo diventa un giornale di annunci per marpioni in cerca di ragazze.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...

    > Un social network tutto italiano non può sperare
    > di raggiungere grandi numeri, perché le nostre
    > esperienze di vita sono del tutto simili, al
    > massimo diventa un giornale di annunci per
    > marpioni in cerca di
    > ragazze.


    Concordo "du spaghi....." e poi non venitemi a parlare di pizza, calcio e mandolini...se nel web abbiamo di queste "pretese" allora ci meritiamo tutto quel che dicono di noi.
    Paradossalmente avremmo tante potenzialità in quanto nostri connazionali sono presenti in ogni angolo del globo, ma al massimo le "idee" finiscono dove finisce l'Italia "continentale" manco alle isole arriviamo.
  • L'articolo non conteniene alcuna notizia o informazione nuova o interessante. L'uncia cosa che resta è la pubblicità a a un paio servizi che, guarda caso, sono start-up in piena fase di lancio.

    Se vogliamo parlare di community 2.0 che funzionano in Italia ne abbiamo poche, ma le abbiamo. Alcune fanno numeri interessanti se ne poteva parlare (vedi studenti.it, zingarate.com, ngi.it e così via). Ma nell'articolo si citano solo pochi (interessati) nomi che appartengono solo a precisi giri di business... aiaiai signora Longari...
    non+autenticato
  • Hai dimenticato di aggiungere appartenenti ai complotti giudaici, tifosi della Juve e guarda caso filo-berlusconiani...
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)