Gaia Bottà

Niente sesso, siamo online

Un giorno senza web diventa un incubo, giovani e anziani considerano le tecnologie digitali una componente essenziale della loro vita. La vita sociale va a remengo. Per il marketing è una pacchia

Roma - Demotivati, annoiati, agitati: se privati di una connessione alla Rete sono molti gli americani che precipitano in un catalettico senso di isolamento di cui risente tutto, anche la vita sociale, persino quella affettiva e sessuale. Ad aggiungersi al coro dei cantori della dipendenza da Internet, un'indagine dell'agenzia pubblicitaria JWT.

Fra i 1011 netizen adulti americani, il campione intervistato online nei giorni scorsi, quanti resistono senza Internet? Il 15 per cento, riporta Reuters, non può rinunciare alla Rete per più di un giorno, il 21 per cento ritiene di poter tollerare di restare offline per un paio di giorni, il 19 per cento non presenta sintomi prima di qualche giorno di astinenza. Una smania che non risparmia nessuna delle fasce d'età prese in considerazione, che affligge il 59 per cento degli uomini, contro il 50 per cento delle donne. Solo un quinto degli intervistati ritiene di poter sopravvivere, se disconnesso per più di una settimana.

"Si sentono ansiosi, isolati ed annoiati nel momento in cui si trovano forzatamente offline - ha spiegato Ann Mack, a capo della divisione JWT che ha elaborato il sondaggio - si sentono disconnessi dal mondo, dagli amici e dalla famiglia". È infatti stato rilevato, riporta in maniera dettagliata knoxnews.com, come il social networking sia una delle attività predilette dagli intervistati, una preferenza che dimostra come si tenda progressivamente a travasare la socialità dentro la Rete.
L'abitudine alla Rete non si limita infatti ad erodere la percentuale di tempo dedicata agli altri consumi mediali, come tv e stampa: il 28 per cento degli intervistati ha ammesso che le tecnologie rubano tempo da dedicare alle relazioni, agli amici, alla famiglia. Il 20 per cento, pur di non rinunciare a smanettare online, finisce addirittura per trascurare il sesso.

Del resto, circa il 60 per cento degli intervistati ha concordato che "le tecnologie digitali sono una componente essenziale del loro stile di vita", un'affermazione che rappresenta soprattutto i più giovani del panel, ma che anche il 49 per cento dei più anziani ha dichiarato di condividere.

La differenza fra i netizen giovani e attempati, mostrano i dati JWT, non emerge in termini di tempo trascorso online o in termini di affezione nei confronti della Rete: lo spartiacque fra le diverse fasce d'età si gioca piuttosto sul fronte della modalità con cui ci si connette. "La mobilità è la nuova frontiera", ha dichiarato una rappresentante JWT: se gli americani più anziani si dimostrano abitudinari, prediligendo una postazione di accesso a Internet stabile e familiare, i giovani propendono per una connettività ubiqua, e considerano telefonini e smartphone una naturale estensione del proprio corpo.

Quello presentato da JWT non è l'ennesimo studio volto ad indagare sintomi e conseguenze della dipendenza da Internet e dalla tecnologia. Nessuna condanna neoluddista, nessun accenno al tecnostress, nessun invito ad annoverare la tendenza all'abuso della Rete fra le malattie ufficiali, da curare con terapie d'urto. JWT opera sul mercato pubblicitario e intende cavalcare il trend a favore dei suoi clienti, che, prevede il Jack Myers Media Business Report, confermando quanto annunciato nei mesi scorsi da Forrester Research, investiranno sempre più nell'advertising online e a mezzo telefonia mobile.

Gaia Bottà
23 Commenti alla Notizia Niente sesso, siamo online
Ordina
  • perche fa male il sesso anale????????????????????''
    non+autenticato
  • - Scritto da: rosaly
    > perche fa male il sesso
    > anale????????????????????''

    Perche' non ti rilassi abbastanza.
    krane
    22544
  • - Scritto da: rosaly
    > perche fa male il sesso
    > anale????????????????????''


    la domanda e' mal posta (parte col piede sbagliato e gia' confezionata) e comunque OT.

    Come se chiedessi "perche' il caffè è cattivo?"

    ti consiglio comunque la lettura di "Il piacere negato", un interessante libro di Editori Riuniti (se non erro).

    Tutte le cose se fatte male fanno male, anche una passeggiata (acido lattico, dolori alle gambe, infreddature...)Occhiolino

    Luca\S
  • - Scritto da: Luca Schiavoni
    > - Scritto da: rosaly
    > > perche fa male il sesso
    > > anale????????????????????''
    >
    >
    > la domanda e' mal posta (parte col piede
    > sbagliato e gia' confezionata) e comunque
    > OT.
    >
    > Come se chiedessi "perche' il caffè è cattivo?"
    >
    > ti consiglio comunque la lettura di "Il piacere
    > negato", un interessante libro di Editori Riuniti
    > (se non
    > erro).
    >
    > Tutte le cose se fatte male fanno male, anche una
    > passeggiata (acido lattico, dolori alle gambe,
    > infreddature...)
    >Occhiolino
    >
    > Luca\S

    ti rendi conto che ora con una dichiarazione come questa sul FdT abbiamo merce per mesi?Ficoso
    non+autenticato
  • E' ovvio che uscire a divertirsi è bello e tutti noi concordiamo. Però a volte non è possibili.
    Io per esempio vivo in un piccolo paese e sono gay e per quest'ultimo motivo vengo rifiutato dalla gente. A volte prendo la macchina e macino un bel po di chilometri per raggiungere la città più vicina dove mi trovo con delle persone. Però non posso farlo spesso perché la benzina costa. Quindi per me tenere delle relazioni sociali a mezzo Internet è del tutto essenziale.
    Ovviamente se abitassi a Milano o a Roma le cose sarebbero diverse.
    non+autenticato
  • Potresti trasferirti altrove...
    non+autenticato
  • diventa bisessuale
    non+autenticato
  • Se continuerete a darci dentro con sta schifezza di pc.....

    il pc se deve usa' per lavoro o per svago ma quest'ultimo se dovrebbe preferire la vita sociale le uscite....

    ma ovviamente e' molto piu' facile superare le difficolta' in rrete che quelle reali.............

    e da li inizia il circolo vizioso che porta all'isolamento e a non socializzare.....

    come ce vorrebbe il sistema 10101001
    non+autenticato
  • NON VOGLIO IMPORTUNARE NE PREVALERE; MA LASCIATEVELO DIRE DA UNO CHE LAVORA NEI FERRI DA L'X88:

    PRODUCE MA SERVE POCO ALLA SALUTE.

    VIVETE PER SORRIDERE E PER VIVERE...
    ...SE LEGGETE AVETE GIA' PERSO TROPPO TEMPO.
    non+autenticato
  • non ci ho riflettuto ancora molto ma avrebbero dovuto chiedere anche:

    Quanto potrebbe resistere senza uscire con gli amici?

    Quanto potrebbe resistere senza leggere nè un libro nè un giornale

    Quanto potrebbe resistere senza vedere la tv nè un dvd?

    Quanto potrebbe resistere senza rilassarsi con un sudoku piuttosto che una dama piuttosto che scacchi piuttosto che <inserire qualunque gioco>?

    se poi si pensa che a dire il vero sulla rete ci sono tutte queste cose contemporaneamente, non mi sembra affatto strano che le risposte fossero quelle descritte.

    se facessimo le dmomande qui sopra ai nostri nonni non avremmo risposte molto differenti IMHO
    non+autenticato
  • quotoCon la lingua fuori

    In una società che va di fretta il social network semplifica di molto la vita relazionale e amplia gli orizzonti, è vero che si esce meno con amici e conoscenti ma ti permette appunto di ampliare le conoscenze (spesso anche in real).

    Quindi se sia social reale o virtuale il risultato non cambia, l'umano non si deve mai sentire soloA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: VisualC
    > quotoCon la lingua fuori
    >
    > In una società che va di fretta il social network
    > semplifica di molto la vita relazionale e amplia
    > gli orizzonti, è vero che si esce meno con amici
    > e conoscenti ma ti permette appunto di ampliare
    > le conoscenze (spesso anche in
    > real).
    >
    > Quindi se sia social reale o virtuale il
    > risultato non cambia, l'umano non si deve mai
    > sentire solo
    >A bocca aperta


    Sì ma qua parliamo di gente che al posto che uscire in compagnia preferisce attaccarsi al pc!
    ora, per carità, non è necessariamente un male, però un minimo di riflessione la deve portare.
    io per esempio sono tendenzialmente selettivo con le amicizie, ragion per cui non ho mai retto in una compagnia non apprezzata per più di qualche uscita; ma molti piuttosto che star soli preferiscono uscire con persone a loro non affini.
    Ecco che qui può intervenire internet, che aiuta a collegare persone vicine non geograficamente ma a livello di interessi e visione del mondo.
    Considerando poi che la maggioranza delle conoscenze e amicizie, prima di internet, le si è sempre fatte tra compagni di studio e colleghi di lavoro, trovare persone con cui vale la pena tenere un vincolo di amicizia è sempre stato una mera casualità.
    Ecco, da questo punto di vista ben venga internet.

    Il problema è che prima o poi deve portare a qualcosa nel reale: maritino che chatti a tutte le ore con quella donna che ti sembra proprio l'anima gemella, all'insaputa della moglie, non farti pare, un giorno incontrala dal vivo e prendi una decisione chiara della tua vita! idem con gli amici.
  • - Scritto da: codroipo

    >
    > Sì ma qua parliamo di gente che al posto che
    > uscire in compagnia preferisce attaccarsi al
    > pc!
    > ora, per carità, non è necessariamente un male,
    > però un minimo di riflessione la deve
    > portare.
    > io per esempio sono tendenzialmente selettivo con
    > le amicizie, ragion per cui non ho mai retto in
    > una compagnia non apprezzata per più di qualche
    > uscita; ma molti piuttosto che star soli
    > preferiscono uscire con persone a loro non
    > affini.
    > Ecco che qui può intervenire internet, che aiuta
    > a collegare persone vicine non geograficamente ma
    > a livello di interessi e visione del
    > mondo.
    > Considerando poi che la maggioranza delle
    > conoscenze e amicizie, prima di internet, le si è
    > sempre fatte tra compagni di studio e colleghi di
    > lavoro, trovare persone con cui vale la pena
    > tenere un vincolo di amicizia è sempre stato una
    > mera
    > casualità.
    > Ecco, da questo punto di vista ben venga internet.
    >
    > Il problema è che prima o poi deve portare a
    > qualcosa nel reale: maritino che chatti a tutte
    > le ore con quella donna che ti sembra proprio
    > l'anima gemella, all'insaputa della moglie, non
    > farti pare, un giorno incontrala dal vivo e
    > prendi una decisione chiara della tua vita! idem
    > con gli
    > amici.


    Non so voi ma io traffico in internet dal 1994 ci entrai per scaricare dei driver per acad, poi vidi le chat e provai, all'inizio era una cosa bellissima, ci si confrontava, si discuteva, e poi ci si conosceva in RL io l'ho sempre considerato un sistema diverso di socializzare, poi col tempo e' diventato un rimorchiodromo dove la gente ci andava sperando di tirar su qualche gentil donzella, prima delle chat e del videotel esisteva il baracchino anche li si parlava.
    Secondo me si riesce a socializzare meglio quando non si e' visti poiche' si crede di non piacere di conseguenza non si e' una probabile fonte di dialogo, oggi e' ancora peggio, se non si e' velina/bellone di turno difficilmente si viene considerati, provate voi in italia a instaurare una conversazione con qualcuno per strada o che so in un locale, alla meglio vi guardano storto,ecco che internet viene in aiuto poiche' non essendoci "contatto fisico" non si corrono rischi ne si e' "esposti ai giudizi estetici" dei probabili interlocutori, parliamoci chiaro se uno piace gli si concede di continuare a parlare, altrimenti ci si ferma prima, questo a maggior ragione se e' una donna l'oggetto del possibile colloquio
    DuDe
    896
  • - Scritto da: VisualC
    > quotoCon la lingua fuori
    >
    > In una società che va di fretta il social network
    > semplifica di molto la vita relazionale e amplia
    > gli orizzonti, è vero che si esce meno con amici
    > e conoscenti ma ti permette appunto di ampliare
    > le conoscenze (spesso anche in
    > real).
    >
    > Quindi se sia social reale o virtuale il
    > risultato non cambia, l'umano non si deve mai
    > sentire solo
    >A bocca aperta


    Sì ma qua parliamo di gente che al posto che uscire in compagnia preferisce attaccarsi al pc!
    ora, per carità, non è necessariamente un male, però un minimo di riflessione la deve portare.
    io per esempio sono tendenzialmente selettivo con le amicizie, ragion per cui non ho mai retto in una compagnia non apprezzata per più di qualche uscita; ma molti piuttosto che star soli preferiscono uscire con persone a loro non affini.
    Ecco che qui può intervenire internet, che aiuta a collegare persone vicine non geograficamente ma a livello di interessi e visione del mondo.
    Considerando poi che la maggioranza delle conoscenze e amicizie, prima di internet, le si è sempre fatte tra compagni di studio e colleghi di lavoro, trovare persone con cui vale la pena tenere un vincolo di amicizia è sempre stato una mera casualità.
    Ecco, da questo punto di vista ben venga internet.

    Il problema è che prima o poi deve portare a qualcosa nel reale: maritino che chatti a tutte le ore con quella donna che ti sembra proprio l'anima gemella, all'insaputa della moglie, non farti pare, un giorno incontrala dal vivo e prendi una decisione chiara della tua vita! idem con gli amici.
  • Io ho tanta voglia di sesso ma al mondo non c'è nessuno me la da... quindi vado su internet...
  • - Scritto da: Suricato
    > Io ho tanta voglia di sesso ma al mondo non c'è
    > nessuno me la da... quindi vado su
    > internet...

    vai per i viali a cercare le peripatetiche.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Suricato
    > Io ho tanta voglia di sesso ma al mondo non c'è
    > nessuno me la da... quindi vado su
    > internet...


    Sono tanti i suricati di sesso femminile che navigano in internet?
  • - Scritto da: Suricato
    > Io ho tanta voglia di sesso ma al mondo non c'è
    > nessuno me la da... quindi vado su
    > internet...

    Esistono anche le chat per "conoscere" le fanciulle, no?
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)