Su Echelon clamoroso depistaggio

Echelon esiste ed Ŕ pericolosissimo. Una veritÓ scomoda su cui Ŕ in atto un depistaggio ma che, se confermata dall'europarlamento, si rivelerÓ uno scandalo senza precedenti

Su Echelon clamoroso depistaggioWeb (internet) - Sapremo mai la veritÓ su Echelon? Ieri Wired ha fatto uno scoop pubblicando la notizia secondo cui un ricercatore americano avrebbe individuato la prova dell'esistenza di Echelon sui documenti desecretati della National Security Agency, l'intelligence americana.

Stando alla ricerche di Jeffrey Richelson, il sistema di controllo delle comunicazioni internazionali sarebbe nato dall'evoluzione di un rapporto stretto tra le intelligence britannica e americana. Ma Echelon non sarebbe il mostro di cui a lungo si Ŕ parlato.

Secondo Richelson, nel documento della NSA si indica come facente parte di Echelon una installazione di sorveglianza presso la base navale americana di Sugar Grove, in West Virginia. Una sorveglianza che, nel documento, la NSA ordina sia eseguita "in assoluto rispetto della privacy dei cittadini". Quindi, sostiene Richelson, "se questo Ŕ Echelon" allora i timori sulla privacy dei cittadini e sullo "spionaggio totale" paventato da alcuni sarebbero infondati.
Wired ha tentato inutilmente di avere dalla NSA qualche commento sulla questione ma si Ŕ dovuto accontentare di pubblicare le parole di Micheal Jobs, alto dirigente della NSA, che la settimana scorsa proprio parlando di Echelon aveva affermato che "la nostra policy vieta chiaramente ogni attivitÓ lesiva della privacy dei cittadini. Una policy che abbiamo sempre seguito scrupolosamente".

Ma nel pomeriggio di ieri sono arrivate nuove notizie dall'europarlamento, notizie che potrebbero indurre a ritenere che Richelson abbia agito per conto dell'intelligence americana, per depistare tutti su Echelon.
TAG: mondo