Raggi X, zero privacy

Il corpo dell'individuo un dato personale da proteggere? C' da chiederselo quando sui media di mezzo mondo vengono mostrate radiografie associate al nome e cognome dell'individuo interessato

Roma - Come vi sentireste se le vostre radiografie finissero sui media di tutto il Mondo? Questa la domanda che si pone il celebre blog mental floss, che mette in dubbio il modo di trattare il personalissimo dato di una lastra radiografica da parte dei media e, è bene aggiungere, di certe direzioni sanitarie o di certi medici.

Sono molte le notizie emerse nel tempo dove ad una radiografia è stato associato il nome e cognome della persona coinvolta. Radiografie "speciali", destinate inevitabilmente a suscitare interesse nel pubblico, sfruttate senza che i media si siano apparentemente posti il problema di preservare l'identità delle persone coinvolte. "Ma la privacy vale solo per le normali fotografie?", si chiede il blog.

Una domanda legittima, se si pensa che i dati sanitari sono soggetti a severe restrizioni in moltissimi paesi, anche in Italia, e sarebbe difficile argomentare che la diffusione di questa o quell'immagine non rappresenti una violazione della privacy, se accompagnata dal nome della persona.
L'episodio recente che più ha fatto rumore è quello di un impiegato inglese di mezza età il cui cervello occupa nel cranio uno spazio assai inferiore al normale, un caso strombazzato ai quattro venti per via di una "lastra shock", e quasi sempre associato al nome e cognome della persona coinvolta, che "non viene considerata un ritardato". Ma si è parlato anche della radiografia di una donna cinese che metteva in evidenza degli aghi, o altri casi in cui emergevano pallottole nel cranio o persino matite.

Su Snopes, il sito antibufala per eccellenza, si trova nome e cognome di un operaio la cui radiografia ha fatto il giro del mondo, perché lo ritrae con la punta di un grosso trapano nel suo organismo. In quel caso, c'è da dire, l'operaio non solo è sopravvissuto ma ha anche partecipato di gusto come star del giorno a show televisivi negli Stati Uniti.

una riflessione importante quella di mental floss, che affronta una zona grigia, un "rimosso" che riguarda il modo in cui l'informazione viene diffusa. forse possibile presentare quelle immagini preservando l'anonimato delle persone? Non è forse sufficiente pubblicarle senza citare nome e cognome per evitare di demolire la privacy di un individuo dinanzi ad un pubblico di sconosciuti?

Radiografia


Radiografia


Radiografia
2 Commenti alla Notizia Raggi X, zero privacy
Ordina
  • Questo e' il problema di fondo! Le immagini radiografiche come le tracce di sangue sulla bicicletta del presunto omicida di Garlasco. Chi le fa uscire e permette ai giornalisti di poterle poi pubblicare fregandosene a sua volta della correttezza di tale comportamento?

    Le motivazioni per cui accade questo possono essere le piu' disparate (soldi, vendetta, stupidita' personale, chi piu' ne ha piu' ne metta) ma non e' il fattore determinante.

    Quello che a tutti dovrebbe interessare e' che i nostri dati personali sensibili (sanitari, politici, etc..) devono essere equiparati alla stessa persona fisica che li possiede e trattati nello stesso modo.

    Se ad es. una direzione sanitaria di un ospedale passa sottobanco ad un giornale la lastra di mia moglie che ha un chiodo conficcato nella testa io DEVO AVERE LA POSSIBILITA' DA PARTE DELO STATO DI ESSERE PIENAMENTE TUTELATO E PROTETTO, nel senso di poter far pagare il danno subito, sia al giornale che all'ospedale oltre che penalmente(o civilmente che sia), anche mediaticamente!

    Ma qui ritoriamo al concetto di privacy individuale e con quanta importanza oggi viene visto e valutato dai nostri politici oltre che da noi stessi.

    LV&P Angioletto