Movielink parte entro l'anno

Il centro di download a pagamento di film delle major sarÓ pronto a partire entro qualche settimana. Partecipano tutti i big ma se la devono vedere con i sistemi peer-to-peer e la ridotta diffusione del broadband

Movielink parte entro l'annoRoma - Non manca ormai molto al lancio ufficiale dei servizi di Movielink, la joint-venture tra i big di Hollywood che intende dare vita ad un sistema di distribuzione di film via internet, naturalmente a pagamento.

L'azienda, nata dalla collaborazione di Sony, MGM, Paramount, Universal e Warner Bros, intende utilizzare tecnologie IBM per consentire agli utenti di scaricare interi lungometraggi sui propri PC o, successivamente, su device di riproduzione, televisione in testa.

L'idea Ŕ quella di fornire un ampio spettro di produzione cinematografica capace di spaziare in tutti i generi pi¨ importanti e di consentire il download, almeno in una prima fase di lancio, soltanto agli utenti statunitensi dotati di connettivitÓ a banda larga.
I film saranno di fatto "affittati" dagli utenti che potranno visualizzarli con una serie di limitazioni di utilizzo che ancora non sono state dettagliate ma che rappresentano senz'altro uno dei nodi fondamentali della nuova impresa, che dovrÓ saper superare le diffidenze degli utenti. Limitazioni all'utilizzo della musica distribuita online a pagamento da imprese come PressPlay o RealOne hanno finora suscitato grandi critiche, contribuendo nei fatti a impedire un vero e proprio decollo di queste iniziative industriali.

Come se non bastasse, molti film sono giÓ disponibili in formato compresso sulle reti peer-to-peer, scambiati gratuitamente tra utenti internet di tutto il mondo. E sono proprio queste reti che rappresentano per le grandi case produttrici del settore il nemico da battere, sul modello di quanto stanno tentando di fare le majors della musica con questi stessi network.

Ma i cinque big che si muovono con Movielink non dovranno soltanto mettere in campo servizi capaci di convincere gli utenti a lasciar perdere sistemi che consentono comunque di recuperare film in modo gratuito, dovranno anche vedersela con il problema non indifferente della diffusione di connettivitÓ broadband la cui copertura negli Stati Uniti, primo mercato di Movielink, va comunque ampliandosi. Resta da vedere se questo basterÓ a fare di Movielink un business innovativo e capace di avere sulla rete un impatto pari a quello che i cinque big del cinema hanno da sempre al di fuori di internet.
21 Commenti alla Notizia Movielink parte entro l'anno
Ordina
  • Speriamo che fermi la pirateria e che la gente la smetta di scaricare divx, di questo passo il cinema fallisce. Poveri attori e poveri produttori, lavorano duro e il mercato non li paga, il mondo è pieno di disonesti.
    non+autenticato
  • Poveri produttori? Poveri attori?

    Casomai povero me che pago 30 euro un dvd...

    Ma chi cavolo vai a difendere?
    non+autenticato
  • : )

    tutta colpa dei pirati echer linuxari!

    si vede che oggi mancano le solite notizie e i troll sono un po' a spasso...

    - Scritto da: Cesare Giocondi Abb.sso
    > Speriamo che fermi la pirateria e che la
    > gente la smetta di scaricare divx, di questo
    > passo il cinema fallisce. Poveri attori e
    > poveri produttori, lavorano duro e il
    > mercato non li paga, il mondo è pieno di
    > disonesti.
    non+autenticato
  • tranquilli, Cesare Giocondi di Abbiategrasso è famoso per le sue esternazioni, è il mio comico preferito, fatevi un giro su ilnuovo e leggete i commenti che lascia...
    non+autenticato
  • Bravo difendili:eh si,si fa presto a dare la colpa alla pirateria informatica quando sono le stesse case che con il loro prezzi assurdi istigano alla pirateria!
    La pirateria c'è e c'è sempre stata ed è un chiaro segno che molte persone pensano che il diritto d'autore e la proprietà intelletuale non siano altro che un pretesto per le case di imporre i loro prezzi (gonfiati si intende!)
    non+autenticato
  • ... voglio dire: fino ad ora nel forum ci sono solo critiche distruttive. Non funziona, si sprotegge, è una cretinata, il cassettaro sottocasa costa meno etc etc...

    Ma una critica costruttiva? Insomma uno che fa un film e vorrebbe guadagnarci sopra che deve fare? Non mi dite regalarlo o venderlo a due lire... il comunismo (purtroppo) non va più di moda...

    Intavoliamo un discorso costruttivo: qual è la soluzione alla pirateria? Abbassare i prezzi potrebbe essere interessante ma chiaramente non si possono portare al livello di un supporto vuoto... visto che c'è anche il contenuto...
    Proposte?
    non+autenticato
  • 1.abbassiamo anche il prezzo del supporto vuoto
    2.diventiamo tutti ricchi
    3.finchè sei più ricco di me e posso fotterti lo faccio=la pirateria non muore.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Polemico
    > 1.abbassiamo anche il prezzo del supporto
    > vuoto
    > 2.diventiamo tutti ricchi
    > 3.finchè sei più ricco di me e posso
    > fotterti lo faccio=la pirateria non muore.
    Io sono poverello... quindi dimmi chi sei che è un po' che non fotto un uomo...
    non+autenticato
  • > Intavoliamo un discorso costruttivo: qual è
    > la soluzione alla pirateria?
    prezzi bassi e niente limitazioni...
    tutto qua...

    non+autenticato
  • Semplice, diretto ed efficace.
    E la Major si complicano la vita a fare cose che costano tanto e hanno limitazioni ...

    Bravo! Sono d'accordo
    non+autenticato
  • Secondo me si tirano la zappa sui piedi, ma non perchè la gente non noleggerà affatto facendo fallire l'iniziativa, ma bensì la gente comincerà a cercare il modo di rendere "liberi" i film scaricati (sono sicuro che prima o poi molti ci tenteranno e qualcuno ci riuscirà), da quel momento in poi decine di film (sempre che la getione del/dei mega-servers sia cosa fattibile) verranno scaricati e sprotetti...

    Magari mi sbaglio ma pensate un attimo.

    Se scarico un film sul mio HD, DEVE per forza esserci il modo di reversare il sistema di protezione utilizzato...

    Accetto commenti e opinioniSorride
    non+autenticato
  • E' evidente...
    dovessi mettere una videocamera davanti al monitor
    tenterei in tutti i modi di copiarmelo per diana.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Polemico
    > E' evidente...
    > dovessi mettere una videocamera davanti al
    > monitor
    > tenterei in tutti i modi di copiarmelo per
    > diana.

    Per diana chi? Diana Spencer?
    non+autenticato
  • IMHO funziona così:
    - dei manager/ingegneri convincono
    i megamiliardari proprietari delle
    major che stavolta hanno in mano
    una tecnologia a prova di pirateria
    e un'idea che farà loro guadagnare
    soldi a palate
    - i babbioni ci cascano e il manager si
    becca un sacco di soldi
    - quando le cose (come è ovvio) si mettono
    male i manager scappano col bottino
    e la major rimangono lì come dei fessi
    sempre più in crisi per aver buttato dei
    soldi, e vogliono rifarsi sugli utenti,
    con la prossima geniale idea di qualche
    giovane manager (vedi napster, protezione cd,
    DVD, ecc)
    Ciao
    non+autenticato

  • Si'. Funziona proprio cosi'.Sorride))))))))

    - Scritto da: GuidoX
    > IMHO funziona così:
    > - dei manager/ingegneri convincono
    >    i megamiliardari proprietari delle
    >    major che stavolta hanno in mano
    >    una tecnologia a prova di pirateria
    >    e un'idea che farà loro guadagnare
    >    soldi a palate
    > - i babbioni ci cascano e il manager si
    >    becca un sacco di soldi
    > - quando le cose (come è ovvio) si mettono
    >    male i manager scappano col bottino
    >    e la major rimangono lì come dei fessi
    >    sempre più in crisi per aver buttato dei
    >    soldi, e vogliono rifarsi sugli utenti,
    >    con la prossima geniale idea di qualche
    >    giovane manager (vedi napster, protezione
    > cd,
    >    DVD, ecc)
    > Ciao
    non+autenticato
  • due i motivi che mi fanno credere che questa nuova iniziativa finirà male:
    - le limitazioni d'uso sono fastidiose, spesso facili da aggirare, ma soprattutto ricordano all'utente che le major sono soprattutto avide;
    - gestire un server dal quale le persone scaricano file da 700 mega per le major è una spesa incredibile, che inevitabilmente si ripercuoterà nel prezzo di noleggio.
    non+autenticato
  • Dunque...
    il prezzo di noleggio sembrerebbe essere tra i 3 e i 4 euro; le limitazioni di cui sopra dovrebbero essere volte a permettere di utilizzare il film per 24 ore e di non poterlo copiare o diffondere.
    Detto sinceramente: NON noleggerei mai un film da loro, e solo per una pura questione di principio.
    Solo, per chi se lo ricorda, per il processo sul DeCss: gli è piaciuto colpire uno a caso per poteggere i loro profitti? Bene.
    Adesso cosa vogliono?
    non+autenticato


  • - Scritto da: xlthlx
    > Dunque...
    > il prezzo di noleggio sembrerebbe essere tra
    > i 3 e i 4 euro; le limitazioni di cui sopra
    > dovrebbero essere volte a permettere di
    > utilizzare il film per 24 ore e di non
    > poterlo copiare o diffondere.
    > Detto sinceramente: NON noleggerei mai un
    > film da loro, e solo per una pura questione
    > di principio.


    Ti confermo che anche repubblica oggi riportava sia il prezzo che le limitazioni...

    Cosa dire ridicolo...
    Sotto casa mia c'è un videonoleggio e per un DVD mi chiede 3Euro...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)