Domini: schizofrenici, strani, assurdi utenti

Basta una battuta per cancellare un diritto? C'è da chiederselo visto il modo con cui vengono trattati gli utenti italiani che vogliono registrare più domini

Domini: schizofrenici, strani, assurdi utentiRoma - Che il Web si stia trasformando in un grande, veloce bazar ricoperto di impennate in Borsa e farcito da e-commerce è ormai sotto gli occhi di tutti. Ma che questo permetta a chi tiene in mano il "portachiavi virtuale dell'accesso facile" alla rete in Italia, di offendere i navigatori, come vedremo, non è accettabile.

Per accesso facile intendo la possibilità di avere un dominio internet, un nome, un identificativo semplice per imbollinare le proprie pagine Web rendendole facilmente accessibili ai navigatori.

Se per possedere un dominio ".com" è sufficiente pagare 70 dollari circa, fino a poche settimane fa per comprarsi un dominio ".it", oltre a pagare, era obbligatorio avere una Partita Iva. Il che dimostra che non è più vero che con i soldi si ottiene tutto, e che non è altrettanto vero che i diritti negati si comprano.
Come un responsabile di Dada dichiarava settimane fa alla Radio di Stato, adesso anche un qualsiasi utente può registrare il proprio dominio.

Sottolineerei "Il", dato che è possibile, per un privato, registrare un solo unico dominio. Il perché ci era ignoto, e mentre ci facevamo questa domanda le aziende che ora possono registrare quanti domini vogliono (altra novità, tanto per confermare i due pesi e due misure, da una parte il business dall'altra il diritto dell'individuo), facevano incetta di migliaia di domini per palesi fini commerciali e di speculazione.

Finalmente ora, grazie ad una intervista rilasciata al giornale all'ezine Beta, sappiamo perché non è possibile, per un privato, registrare due o più domini. "A parte le persone con multiple personalità, è abbastanza difficile immaginare la necessità di due dominii". A dirlo, in qualità di privato cittadino, è Maurizio Codogno, Direttore del Comitato Esecutivo della Naming Autorithy.

Codogno affermava anche che "io so di una società che ha chiesto più di 2mila domini per mezzo di tre manteiner diversi. Presumibilmente tenterà di farci i soldi in qualche modo, ma non possiamo dire a priori come". In altre parole se un'azienda compra 2000 domini questo non significa alcunché, e non merita neanche un commento, non stimola nemmeno una discussione, la speculazione non merita alcun risalto né indigna (strano poi che alla Naming Authority non sappiano che ci sono società che hanno registrato molte migliaia di domini .it, altro che 2mila).

Ma se un privato ("privato" nel senso di "privato di diritti" forse) intende possedere due domini, chessò quello con il proprio nome e quello con il suo hobby principale, ecco che diventa un malato, un possessore di multiple personalità, uno schizofrenico. E la schizofrenia, si sa, è una malattia, anche molto brutta e seria.
TAG: domini