Copyright, USA bacchettano Italia

Preoccupazioni quelle espresse da Washington per il modo in cui il nostro paese fa rispettare la proprietà intellettuale

Roma - Non bastano severe normative e operazioni delle forze dell'ordine: Washington non ritiene che l'Italia sia del tutto affidabile quando si viene alle violazioni del diritto d'autore e, in particolare, del copyright.

Il problema, evidenziato dal viceministro americano al Commercio, Shaun Donnely, sta nel fatto che l'Italia non riuscirebbe a far rispettare le leggi, cosa che provocherebbe problemi in tutti i settori colpiti dalla pirateria e dalla contraffazione.

Non è certo la prima volta che funzionari di Washington bacchettano il nostro paese su questo fronte. Ad ogni modo, dopo alcuni incontri con le istituzioni italiane, Donnelly ha dichiarato di essersi sentito "incoraggiato da quanto hanno detto importanti rappresentanti italiani sul loro impegno" e ha riconosciuto che in questa materia sono stati compiuti notevoli passi avanti.
Ciò non toglie l'Italia, peraltro, dalla watch list compilata dagli USA e che elenca quei paesi in cui nonostante le normative rimane alto il rischio pirateria e il problema contraffazione. "Sia per gli USA che per gli Stati Europei - ha anche dichiarato Donnelly - il futuro dell'economia sarà basato su prodotti con un elevato contenuto intellettuale. Per noi americani ed europei la tutela della proprietà intellettuale sarà cruciale".
27 Commenti alla Notizia Copyright, USA bacchettano Italia
Ordina
  • i poveri americani si preoccupano delle violazioni del copyright.

    PERCHE' NON PENSANO AD ANTONIO MEUCCI INVENTORE DEL TELEFONO? IN USA GLI HANNO FOTTUTO L'IDEA E BREVETTO (VEDI BELL IL CANADESE, RITENUTO INVENTORE!) E OGGI, SE NON FOSSE PER QUEL FURTO, MOLTO PROBABILMENTE LA WESTERN UNION NON ESISTEREBBE O LA STESSA MULTINAZIONALE SPETTEREBBE, SE CI FOSSERO STATI EREDI, AGLI EREDI MEUCCI...

    NON ROMPANO LE SCATOLE.
    non+autenticato
  • Gli USA hanno un sistema di gestione del copyright che fa schifo,sono arrivati tramite le major a denunciare bambini e handicappati,è di oggi la notizia che se critichi l'azienda che ti fornisce internet questa può toglierti il servizio(ALLA FACCIA DELLA CENSURA!!),la loro più grande azienda (Microsoft) che cerca di produrre software TC compatibile ha preso una megamulta dalla UE...

    e dopo tutto questo venite a far la predica a noi? ma andate all'inferno!!
    anzi godetevelo,dato che ci siete già.
    non+autenticato
  • "L'Italia non riesce a far rispettare le leggi".
    E' vero siamo una nazione ancora arretrata da questo punto di vista bisogna ammetterlo.
    E' pero' altrettanto sacrosantamente vero che
    "Gli Stati Uniti non riescono a rispettare le leggi italiane"!!! O no?!?
    A titolo d'esempio stiamo aspettando che il governo degli Stati Uniti ci fornisca i dossier definitivi sul caso Cermis e sul caso Calipari, tanto per citare i primi due che mi vengono in mente.
    Oppure che ci forniscano la documentazione ufficiale su dove e come esattamente sono stipate nel nostro territorio (nostro?!?) le circa 90 testate nucleari magari smentendo le pagine 8 e 9 di questo rapporto http://www.nrdc.org/nuclear/euro/euro.pdf

    qui un articolo in italiano:
    http://qn.quotidiano.net/2007/09/16/36454-rapporto...

    Noi stiamo ancora aspettando...e non dimentichiamo! A bocca stortaA bocca storta

    LV&P Angioletto
  • guarda che dicono che noi non rispettiamo le leggi mica che che le debbono rispettare loro
    non+autenticato
  • - Scritto da: diboo
    > guarda che dicono che noi non rispettiamo le
    > leggi mica che che le debbono rispettare
    > loro

    e soprattutto mica dicono "le nostre leggi".... ma "le loro"...

    insomma... presto ci invaderanno?
    ryoga
    2003
  • tenendo presente che "copiare" i circuti di un microchip o anche solo capire il funzionamento di brevetti anche semplici richiede conoscenze ben al di fuori della portata del 99% popolazione (e che protteggere qualcosa quello contro quell'1% di persone intelligenti e motivate e difficile se non impossibile) la domanda e': ma che cosa di preciso AD ELEVATO CONTENUTO INTELETTUALE si vuole proteggere e da chi da giovanni che vanno in giro col cellulare attaccato alla testa e il sedere di fuori ?????

    se poi parliamo di musica e suonerie non mi sembra che questo sia un contenuto che contiene qualcosa d'intelligente sopra il livello di una scimmia anzi se contiene qualcosa e sicuramente di DIS-INTELETTUALE e se l'economia si basa su "alta" finanza e su questa roba siamo a posto gne altro che crisi dei mutui subprime (tra l'altro venduta ai fondi obbligazionari europei perche si sa la globalizzazione e una bella cosa)
    non+autenticato
  • Ma stai zitto!!!Ma cosa vuole?Saranno affari nostri???Io sono molto filo-americano, ma se c'è una cosa ke non mi piace dell'america è prorpio Bill Gates, la Microsoft e il diritto d'autore come lo intendono la!!
    Le persone devono essere libere di scambiarsi ciò ke vogliono se non a scopo di lucro!!!Ma scherziamo!!!E' un diritto più vecchio dell'America stessa!!!Trovo davvero comico e ridicolo tra l'altro che un tal de tali americano venga a criticare le nostre leggi...che si, siamo d'accordo, fanno schifo e non vengono rispettate, ma in America?La è peggio di qua!!
    Grazie signor Donnlley per il suo aiuto critico e distruttivo, ma non ci serve!!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)