Avvistato il trojan birmano

Ne aveva parlato Sophos ed ora arrivano ulteriori conferme: gira una email infetta che sfrutta l'attenzione mondiale ai fatti di Myanmar

Roma - Sembra inviata dal Dalai Lama ma non è: si tratta di una email che da alcuni giorni sta circolando sulla rete e che ora è giunta anche ad alcuni utenti italiani. Una mail infetta, che porta con sé un trojan capace di colpire sistemi Windows non protetti. Come spesso accade, gli autori di questo messaggio spammatorio e virale cavalcano ancora una volta la forte attenzione sollevata in tutto il mondo dai tragici avvenimenti in Myanmar.

Sua Santità il Dalai LamaNell'email si legge che in allegato al messaggio stesso vi sarebbe una comunicazione ufficiale di Sua Santità (qui nella foto): in realtà nell'allegato.doc si cela un cavallo di troia che se viene aperto su un sistema vulnerabile può consentire l'accesso da remoto agli "untori".

Come spiega Sophos, nell'email c'è persino un link al sito ufficiale del Dalai Lama, un volgare espediente per tentare di rendere più credibile l'attacco.
10 Commenti alla Notizia Avvistato il trojan birmano
Ordina
  • Per Il signore qui sopra che porta nome di personaggio manga la cultura dei popoli e della storia è un optional. Costui avrà racimolato qualche informazione in qualche fumetto o sparsa nei siti propagandistici del governo cinese. Non a caso usa terminologia solita e ufficiale. Già, proprio ufficiale visto che si tratta di vera e propria direttiva terminologica fare uso in questi ambiti di termini come "cricca" ecc. e che ricorrono di continuo nel linguaggio utilizzato dai rappresentanti della Cina quando parlano di Tibet e di S.S. (Sua Santità) il Dalai Lama.
    Ma veniamo alla sostanza.
    Il Dalai Lama è si un capo. E' il XIV capo politico e spirituale del Tibet. Vive in esilio con una minima parte del suo popolo massacrato e tormentato dagli invasori cinesi. E sono a migliaia i tibetani che attraversano a piedi le montagne himalayane per raggiungere le comunità tibetane in esilio e cercare protezione sotto il governo in esilio del Dalai Lama. E' definito Santità e potrei accettare anche lo storcere il naso su questo considerando la condivisione o meno di un credo religioso ma tant'è che tutti i capi religiosi sono definiti tali che sia per ruolo o, anche, per doti indiscusse di spiritualità. Ma il caro signore di cui sopra dovrebbe farsi un giretto nel Tibet o presso le comunità tibetane in esilio per scoprire che è proprio la figura del Dalai Lama che alimenta la loro speranza di popolo libero in un Tibet libero. E poi, piccolo particolare, è anche premio Nobel per la pace. Un riconoscimento che qualche significato e motivazione avrà sicuramente. A braccetto con la CIA? non proprio... Che la Cia possa avere degli interessi e trovare appiglio per disturbare la Cina fa parte della strategia americana e qualche aiuto interessato non lo escludo. Giusto per rifarmi alla storia. Ci furono molto tempo fa dei gruppi di guerriglieri tibetani che dal Nepal e a ridosso del confine cinese compivano qualche azione e costoro avevano giusto un minimissimo appoggio dalla Cia ma è durato un attimo. L'appoggio che potrebbe venire adesso quale sarebbe? Magari ci fosse!
    Il nostro cultore dei manga (o del menga) farebbe bene a documentarsi adeguatamente sia sulla situazione attuale che sulla storia del Tibet. Magari leggendo Giuseppe Tucci e Fosco Maraini grandi testimoni italiani di un Tibet che purtroppo e, sottolineo purtroppo, non c'è più e che hanno esaltato nella loro descrizione una cultura basata sulla tolleranza, la compassione, la non violenza, il rispetto dell'ambiente... Altro che teocrazia assoluta! e raccomanderei anche di visitare i siti web delle comunità tibetane in esilio per raccogliere il triste e disperato grido di dolore di tanti tibetani che ancora oggi vengono imprigionati per anni, torturati e anche condannati a morte per reati di opinione. Perchè vogliono un Tibet libero. Posso raccomandare anche i siti di tante associazioni di volontari che con disinteresse si adoperano nell'aiutare e sostenere i profughi in esilio con particolare attenzione verso i bambini i cui genitori, per assicurare loro una adeguata istruzione tibetana, cosa che non possono ricevere nel Tibet occupato, li portano in India presso le comunità monastiche e nei TCV (tibetan children village). Qui li lasciano in accudimento, dopo avere attraversato passi innevati e ghiacciai di alta quota a rischio delle loro vite. E' così che sta sopravvivendo una cultura millenaria di valore altissimocome quella tibetana. E il Dalai Lama è per questo che si adopera pur nel suo ruolo di icona al quale il mondo occidentale guarda spesso con superficialità. Quella stessa superficialità di certa informazione e cultura pilotata verso il discredito che giova solo a chi provoca danno e sofferenza. E giova anche a chi tace o mette a tacere la verità di quanto succede in Tibet perchè trae un'indiscusso beneficio economico. E mi riferisco al mondo della produzione industriale e finanziaria che, guarda caso, gestisce anche la grande informazione... A costoro del Tibet, della Falun Gong, delle minoranze musulmane, delle popolazioni della Mongolia interna, dei contadini cinesi espropriati della loro terra, dei lavoratori cinesi stessi sfruttati da un trattamento economico schiavista, non frega proprio niente. Il Dalai Lama non sarà il salvatore dell'Asia ma, i sui insegnamenti verso la pace, la tolleranza e la non violenza, lo rendono un modello che, se fosse veramente seguito, tutto il Mondo e non solo l'Asia ne trarrebbe beneficio. Un caro saluto al manga fan il cui livore gratuito spero gli scemi quanto prima con la raccomandazione di essere più opportuno e di spararle meno grosse. Tashi Delek (saluto tibetano che augura tutto il bene possibile e desiderato)
  • Approfittarsi della tragica situazione in Birmania per spargere altro Spam...questi spammer farebbero di tutto pur di farti aprire le loro maledette E-Mail...
  • "una comunicazione ufficiale di Sua Santità"

    Spero che il "sua santità" sia ironico.
    Il Dalai Lama, che tanto si fa ed è fatto osannare dalle folle occidentali, è come tutti i boss delle cricche religiose, un'icona di purezza da dare in pasto alle folle mediatizzate, ma in realtà il capo di un'istituzione fatta per muovere soldi e gestire il potere, come tutte le chiese.
    Il Tibet, sotto il lamaismo, era una teocrazia assoluta, col popolo a rompersi la schiena sui campi e i monasteri coi forzieri zeppi d'oro e i monaci mantenuti aggratis dalla popolazioni per farsi s3gh3 mentali sulla metafisica.
    Non dico che poi la Cina abbia fatto di meglio in Tibet, anzi...
    Ma da qui a credere che il Dalai Lama, che va a braccetto con la CIA, sarà il salvatore dell'Asia o del Mondo, be'... ce ne passa.
    Altrochè "sua santità"...
    non+autenticato
  • bene!! in tutto ciò che hai detto cosa c'entra con il trojan in questione?

    direi niente!!

    ogni scusa è buona per fare polemica eh?

    piuttosto...vediamo di stare attenti a non infettarci e di evitare di non dare addosso subito alla microsoft nel caso in cui l'infezione è avvenuta....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alessandro Modica
    > bene!! in tutto ciò che hai detto cosa c'entra
    > con il trojan in
    > questione?

    Niente.
    Era un'occasione per sottolineare alcune cose, visto che ne valeva la pena.

    > ogni scusa è buona per fare polemica eh?

    Intanto tu non hai detto proprio nulla. Ma proprio nulla nulla. Contenuti zero.
    Ritenta, sarai più fortunato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alessandro Modica
    > piuttosto...vediamo di stare attenti a non
    > infettarci e di evitare di non dare addosso
    > subito alla microsoft nel caso in cui l'infezione
    > è
    > avvenuta....

    Scusa non capisco bene l' "evitare di NON dare addosso...". Comunque se la doppia negazione vuol dire "diamo addosso alla Microsoft quando avverrà l'infezione" mi trovi d'accordo.

    Di chi altri dovrebbe essere la colpa se il sistema loro è più bucato di un calzino vecchio?

    F
    non+autenticato
  • per questo tuo sarcasmo verrai reincarnato in una cimice
    non+autenticato
  • non ne ho avuto notizia sul blog di aranzulla.... Newbie, inesperto

    Indiavolato
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 01 ottobre 2007 14.27
    -----------------------------------------------------------
    ryoga
    2003
  • - Scritto da: ryoga
    > non ne ho avuto notizia sul blog di aranzulla....
    > Newbie, inesperto
    >
    > Indiavolato
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 01 ottobre 2007 14.27
    > --------------------------------------------------

    deve trattarsi di un trojan di cui nessuno prima d'ora aveva mai scritto niente in italiano, probabilmente per questo non è ancora stato in grado di copiare la notizia....A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: ryoga
    > non ne ho avuto notizia sul blog di aranzulla....
    > Newbie, inesperto

    > Indiavolato

    Rotola dal ridere
    non+autenticato