Un sito bimbo per Palermo

Nasceva 10 anni fa il sito del Comune, uno dei primi e più attrezzati siti comunali italiani che da allora, racconta l'amministrazione cittadina, non ha fatto che crescere. Una doverosa segnalazione

Roma - Nel magma della pubblica amministrazione online, dei servizi funzionanti a metà e dei tentativi maldestri di rendere trasparenti operazioni che non lo sono, il sito del Comune di Palermo vuole tentare di chiamarsi fuori e distinguersi. Ieri chi avesse cliccato sulla URL del sito avrebbe trovato in home page una insolita dicitura per un sito pubblico:

1 ottobre 1997 - 1 ottobre 2007
Il sito compie 10 anni.
Grazie a tutti i visitatori


Il primo ottobre del 1997 il Comune decise di pubblicare circa 200 pagine di materiali informativi. Erano anni, molti lo ricorderanno, in cui la presenza delle amministrazioni in rete, anche delle più grandi, era scarsissima se non del tutto assente, anni nei quali anche l'uso della rete era ancora alieno alle masse.
Negli anni quelle pagine sono aumentate esponenzialmente, oggi nell'ordine delle migliaia, sono arrivate le fotografie e poi i servizi destinati a residenti di Palermo ed imprese dell'area.

I cittadini sembrano apprezzare. Prendendo per buoni i dati resi pubblici dall'amministrazione, oggi sul sito vengono aperte ogni giorno circa 4mila pagine da una media di 750 persone diverse.

La speranza per il futuro, evidentemente, è che il sito divenga pienamente accessibile, così da rendere fruibili a tutti, anche a chi utilizza tecnologie assistive, le molte informazioni pubblicate.
14 Commenti alla Notizia Un sito bimbo per Palermo
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)